Gli Alleati della Russia chi Sono e Come Contrastarli in Africa

Sono una coalizione di falliti; la Società della Memoria Sovietica; e una banda di opportunisti

“I piani dell’occidente di isolare la Russia circondandoci con un cordone sanitario sono stati un fiasco”, ha recentemente gongolato Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo. “Stiamo rafforzando le relazioni di buon vicinato… con la maggioranza internazionale”. A prima vista il signor Lavrov sembra avere ragione. Il 23 febbraio, il giorno prima del primo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina, 39 paesi si sono rifiutati di sostenere una risoluzione delle nazioni unite che la condanna. Nonostante l’America ei suoi alleati abbiano imposto sanzioni, l’economia e il commercio russi hanno retto sorprendentemente bene. Il signor Lavrov ha allegramente accumulato miglia aeree verso capitali straniere.
Sulla carta, il peso geopolitico della Russia sembra impressionante. Ha truppe e mercenari distaccati in almeno altri 16 paesi. Alcuni sostengono autocrati amichevoli, come in Mali e in Siria. Altri sostengono “conflitti congelati” che mantengono paesi come la Georgia in linea e fuori dalla nato . Negli ultimi dieci anni la Russia ha rappresentato oltre la metà delle importazioni di armi in 22 paesi diversi, compresi quelli grandi come Cina e India. All’Onu ha beneficiato del sostegno, o almeno delle utili astensioni, di decine di Paesi .
Gli Alleati della Russia chi Sono e Come Contrastarli in Africa
Le risorse naturali e la tecnologia ne amplificano il potere. Nel decennio precedente l’invasione la Russia era il principale fornitore di gas naturale a più di una dozzina di paesi, dotandola di un’arma energetica che non ha esitato a brandire contro l’Europa: nel 2005, 2009 e di nuovo l’anno scorso. Dieci paesi generano una quota importante della loro elettricità da reattori nucleari di costruzione russa, oppure cooperano strettamente con la Russia sulle tecnologie nucleari.
La resilienza diplomatica della Russia fa torcere le mani a molti in Occidente. Peter Frankopan, professore di storia all’Università di Oxford, ha recentemente scritto che il risentimento verso l’Occidente e i prezzi dell’energia alle stelle stanno trasformando il sistema internazionale in modi che favoriscono la Russia. Giornali, think-tank ed esperti lamentano che l’Occidente non è riuscito a isolare la Russia o a conquistare un gran numero di paesi in via di sviluppo. Eppure i dati raccolti da The Economist su un’ampia gamma di misure militari, economiche e diplomatiche – chiamiamolo “indice degli amici di Putin” – mostrano un quadro più sfocato.
L’indice esamina 11 diverse misure di sostegno o potenziale di coercizione in tre grandi aree. Il primo è diplomatico. Hanno votato contro la Russia o si sono astenuti su risoluzioni fondamentali delle nazioni unite o hanno votato con la Russia almeno due volte su queste risoluzioni? Il secondo è militare. Sono alleati del trattato con la Russia? Hanno truppe o mercenari russi sul loro territorio? Hanno fornito armi alla Russia dall’inizio della guerra? Dipendono dalle armi russe? Hanno fatto manovre con la Russia dall’inizio della guerra?
Il terzo riguarda l’energia e l’economia. Fanno affidamento sul gas russo e dipendono dalle centrali nucleari o dalla tecnologia russa. Il commercio con la Russia è una quota importante del loro commercio totale? Le esportazioni verso la Russia sono aumentate dopo la guerra?
Le categorie non sono ponderate, quindi i paesi vengono valutati su un totale semplice. Questo indice approssimativo non ha lo scopo di catturare le sfumature più fini delle posizioni diplomatiche che molti paesi adottano. Ma fornisce un quadro per valutare come i paesi scelgono di agire nei confronti della Russia e se potrebbero essere vulnerabili alla coercizione da parte sua.
La mezza dozzina di paesi che ottengono il punteggio più alto sono quelli legati alla Russia principalmente dalla politica, dalla storia e dalla geografia, come Armenia, Bielorussia, Iran e Kirghizistan. Al di sotto di questi c’è un lungo elenco di paesi con legami meno forti con la Russia, inclusi giganti come Cina e India e solisti come Bolivia e Mali.

Gli alleati di Putin: la squadra dei paesi di serie B

Un modo per pensare all’universo dei paesi legati alla Russia è raggrupparli in tre categorie: una “coalizione dei falliti”; la “società della memoria sovietica”; e un “asse di opportunisti
1) Iniziamo con la coalizione dei falliti. A Putin piace citare lo zar Alessandro III: “La Russia ha solo due alleati: l’esercito e la marina“. Questo è più vicino alla verità di quanto possa piacere a Putin. Sulla carta la Russia ha cinque alleati formali nell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva ( csto ): Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. Tutti sono vincolati da un trattato a venire in aiuto l’uno dell’altro se attaccati. Eppure nessun membro della csto ha sostenuto la guerra della Russia in Ucraina con le truppe. La Bielorussia si è lasciata usare come base militare, ma non ha inviato truppe proprie.
Invece, alcuni membri della csto stanno cercando di prendere le distanze dalla guerra. l’armenia è arrabbiata per il fatto che le 3.500 truppe russe sul suo territorio non siano venute in suo aiuto durante una guerra con l’azerbaigian nel 2020. si è rifiutata di ospitare i giochi di guerra csto di quest’anno e ora sembra proteggere le sue scommesse quando si tratta di mecenati politici , invitando una missione dell’ue a monitorare il suo confine con l’azerbaigian.
Il Kazakistan è stato a lungo uno stretto alleato della Russia. L’anno scorso Putin ha inviato paracadutisti per reprimere le proteste antigovernative in diverse città del Kazakistan. Tuttavia, ciò non ha impedito a Kassym-Jomart Tokayev, presidente del Kazakistan, di criticare la guerra in Ucraina di fronte a Putin durante una visita a San Pietroburgo a giugno. A febbraio il Kazakistan ha ospitato Antony Blinken, segretario di stato americano. Mark Galeotti del Royal United Services Institute ( rusi ), un think tank, traccia parallelismi tra l’influenza calante della Russia e il declino post-imperiale della Gran Bretagna. L’allontanamento dell’Asia centrale da Mosca, ha scritto, è “il momento Suez di Putin”.
Oltre alla Bielorussia, solo l’Iran e la Corea del Nord hanno inviato armi alla Russia. Il governo americano ritiene che la Corea del Nord abbia consegnato un numero “significativo” di proiettili di artiglieria, ma non abbastanza per alleviare la carenza della Russia o cambiare il corso della guerra. L’Iran ha inviato droni carichi di esplosivo che hanno aiutato la Russia a continuare a bombardare l’Ucraina, anche se le sue scorte di missili si sono esaurite. Ha anche inviato “consiglieri militari” per aiutare la Russia a far funzionare i droni.
Eppure l’Iran, che era decisamente non allineato durante la guerra fredda, è diviso su quanto accontentare Mosca. Gli intransigenti del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche sperano che il loro sostegno venga ripagato con moderni aerei da combattimento e missili antiaerei. Ma i moderati relativi al ministero degli Esteri iraniano temono di inimicarsi ulteriormente l’Occidente o di tollerare l’invasione dei paesi vicini, in particolare da quando l’Unione Sovietica ha conquistato gran parte dell’Iran durante la seconda guerra mondiale. Contro questo gruppo di tre alleati disposti ad armare la Russia c’è un’alleanza occidentale di 31 paesi che hanno pubblicamente confermato di inviare armi all’Ucraina.
Diplomaticamente, la Russia sembra quasi altrettanto isolata. Solo quattro paesi (Bielorussia, Nicaragua, Corea del Nord e Siria) hanno votato costantemente contro le sette risoluzioni dell’Assemblea generale delle nazioni unite che hanno condannato il comportamento della russia in ucraina dal 2014, quando le sue truppe hanno conquistato la penisola di crimea. 
Un’altra mezza dozzina, tra cui Bolivia, Eritrea, Mali e Nicaragua, ha votato con la Russia almeno due volte.
I paesi della coalizione dei falliti hanno molto in comune. Nessuna è una vera democrazia. Alcuni, come la Siria, dipendono direttamente dalle truppe russe o dai mercenari per la sopravvivenza dei loro governi. Altri, come l’Eritrea, sono essi stessi paria globali che si affidano alla Russia per il sostegno diplomatico nel Consiglio di sicurezza delle nazioni unite . Anche la coalizione si sta restringendo. Nel 2014, quando le nazioni unite votarono per condannare l’annessione della Crimea, la Russia aveva il sostegno di dieci paesi. Da allora molti hanno ritirato il loro sostegno. Questi includono la Bolivia, precedentemente sotto il controllo di Evo Morales, un uomo forte di sinistra, e il Sudan, governato da Omar al-Bashir, un dittatore genocida che odiava l’Occidente.

Chi sono gli altri alleati di Putin: ecco i paesi nostalgici di Lenin

Circa 30 altri paesi sono nominalmente neutrali e tendono ad astenersi dal voto delle nazioni unite sull’Ucraina. Molti si rifiutano di schierarsi, afferma Dmitri Alperovitch, capo di Silverado Policy Accelerator, un think tank americano. Invece, dice, il loro atteggiamento è: “un vaiolo su entrambe le vostre case; questi sono due paesi bianchi che si combattono l’un l’altro.
Un sottoinsieme di questi costituisce la società della memoria sovietica. Pur non offrendo alcun serio aiuto diplomatico o militare, tendono a propendere per la Russia, facendo cose come tenere esercitazioni militari con le sue forze armate o facendo eco alle sue argomentazioni secondo cui l’espansione della NATO o la stessa Ucraina sono responsabili della guerra .
Districare le loro motivazioni non è semplice, ma emergono alcuni fili comuni. Alcuni, come l’Algeria, l’Angola e il Sud Africa, professano simpatia per la Russia in parte a causa dei legami storici con l’Unione Sovietica (sembrano dimenticare che anche l’Ucraina faceva parte dell’URSS ) ; o, ancor più ironicamente, perché ricordano l’ urss come un alleato dei popoli oppressi che combattono gli imperialisti.
Eppure la nostalgia sovietica non è l’unico fattore in gioco, in particolare in Africa, dove si trova la maggior parte dei paesi che si sono astenuti sui voti chiave delle nazioni unite . In molti casi i partiti oi politici al potere devono favori alla Russia per il suo aiuto nel finanziare o cercare di influenzare le elezioni. L’African National Congress, al potere in Sudafrica, ad esempio, ha ricevuto ingenti donazioni da una società mineraria collegata alla Russia. Ciò potrebbe aver influenzato la sua decisione di ospitare il sig. Lavrov e di tenere esercitazioni militari con la marina russa.
La diplomazia russa in Africa si concentra sull’assistenza alla sicurezza e sulla vendita di armi. Il Consiglio Atlantico, un think tank di Washington, ha notato in un recente rapporto che mentre la Russia aveva firmato sette accordi di cooperazione militare in Africa tra il 2010 e il 2017, ne ha firmati 20 tra il 2017 e il 2021, più della metà dei quali con paesi con che non aveva precedenti legami militari.
La Russia non è solo un grande fornitore di armi. È diventato anche il trafficante d’armi di ultima istanza, guadagnando influenza in paesi che sono tagliati fuori dalle forniture occidentali a causa di colpi di stato e violazioni dei diritti umani, come il Mali e la Repubblica Centrafricana. Gli embarghi occidentali sulle armi “hanno aperto la porta [ai russi]”, afferma J. Peter Pham, inviato speciale americano per il Sahel sotto l’amministrazione Trump. “Non possiamo davvero biasimare i maliani per aver preso ciò che possono ottenere.”
Tuttavia, in alcuni casi, i tentativi della Russia di acquisire influenza sono falliti in modo spettacolare. Il Madagascar, ad esempio, si è rivoltato contro la Russia dopo che nel 2019 è stata sorpresa a tentare di far oscillare le elezioni presidenziali a favore di candidati filo-russi. Dopo che cinque combattenti della Wagner, una compagnia di mercenari russa, sono stati catturati e decapitati dai jihadisti in Mozambico, il paese si è rivolto a Ruanda e Occidente per l’assistenza alla sicurezza.
“Ovunque vadano, sembrano lottare in termini di interferenza politica”, dice Samuel Ramani, anche lui della rusi e autore di “Russia in Africa”, un libro pubblicato il mese scorso. Gli errori commessi dalla Russia nei paesi poveri sono spesso simili ai suoi errori di intelligence in Ucraina, come sopravvalutare la popolarità di delegati o leader locali. “La maggior parte è incompetenza generale e anche una lettura errata delle situazioni locali”, afferma Ramani.
L’energia nucleare offre alla Russia un’altra leva. Rosatom, l’azienda statale russa di energia nucleare, è il più grande esportatore mondiale di reattori. Un articolo pubblicato su Nature Energy il mese scorso da Kacper Szulecki e Indra Overland presso l’Istituto norvegese per gli affari internazionali rileva che almeno nove paesi, tra cui Bangladesh ed Egitto, potrebbero essere vulnerabili alle pressioni politiche perché dipendono dal nucleare costruito o gestito dalla Russia impianti. Diversi altri paesi hanno alti livelli di cooperazione nucleare con la Russia. Eppure anche questo potrebbe indebolirsi. L’interruzione delle esportazioni di gas verso l’Europa da parte della Russia potrebbe minare la sua reputazione generale di affidabile fornitore di energia.

Gli altri alleati della Russia: i paesi opportunisti che pensano di guadagnare dalla crisi internazionale

Il terzo gruppo di paesi – l’asse degli opportunisti – vede le sanzioni occidentali come un’opportunità per incrementare il proprio commercio con la Russia a condizioni vantaggiose. Le importazioni russe di beni sono crollate di oltre il 40% nei primi mesi dopo la sua invasione, secondo un’analisi di Silverado Policy Accelerator. Eppure a settembre si erano ampiamente ripresi, poiché la Cina e la Turchia in particolare sono intervenute per sostituire le esportazioni dall’Europa e dall’America. Finora l’Occidente si è dimostrato incapace di bloccare completamente le importazioni russe di dispositivi ad alta tecnologia come i chip per computer, che vengono utilizzati nei missili e in altre armi. La Russia ha continuato a importare tra un terzo e la metà delle chips rispetto a prima della guerra, in gran parte grazie a un forte aumento dalla Cina.
Inizialmente la Cina sembrava essere stata colta alla sprovvista dall’attacco della Russia all’Ucraina. Aveva concordato una partnership strategica senza limiti solo poche settimane prima che arrivassero i carri armati. Da allora il leader supremo della Cina, Xi Jinping, ha cercato di volgere la situazione a suo vantaggio, intuendo un’opportunità per distrarre l’America dai suoi sforzi per affrontare Cina, soprattutto su Taiwan. Allo stesso tempo, ha calibrato la sua risposta per cercare di isolare la Cina da qualsiasi rappresaglia americana o alleata. I funzionari cinesi professano quindi la neutralità nei confronti dell’Ucraina, rifiutandosi di condannare l’invasione della Russia ma incolpando la guerra la NATO per la sua espansione. Una grande domanda è se la Cina inizierà a fornire armi alla Russia. Ciò potrebbe aiutare ad alleviare le carenze russe e cambiare il corso della guerra. Altro potrebbe essere rivelato quando il presidente Xi visiterà la Russia, il che potrebbe avvenire già la prossima settimana.
Il rapporto della Turchia con la Russia è più complesso. La Turchia è un membro della NATO . Ha venduto droni armati all’Ucraina e si pensa che abbia inviato anche artiglieria a guida di precisione e razzi. Compete con la Russia per l’influenza, dal Medio Oriente all’Asia centrale, e ha persino combattuto guerre per procura contro di essa in Siria e Libia. Eppure dipende anche dalla Russia per il gas naturale e l’assistenza nella costruzione di centrali nucleari. Guadagna miliardi di dollari all’anno dai turisti russi. Questo blocca entrambi i paesi in un abbraccio di dipendenza reciproca. La Turchia trova vantaggioso mettere la Russia e l’Occidente l’uno contro l’altro. La Russia, a sua volta, sembra disposta a trascurare il sostegno turco all’Ucraina fintanto che il commercio continua a fluire.
L’Ci s potrebbe beneficiare molto di più dal commercio con la Russia di quanto non sia. Ha accuratamente rifiutato di condannare l’invasione della Russia e ha aumentato le sue importazioni di petrolio russo scontato (anche se ora afferma che si atterrà a un prezzo massimo imposto dall’Occidente). Rimane un grande acquirente di armi russe. Eppure, allo stesso tempo, non sembra essere diventato un canale critico per l’ingresso in Russia di merci soggette a sanzioni. In effetti, il valore delle esportazioni dell’India verso la Russia è diminuito dopo l’invasione.
L’Occidente ha fatto del suo meglio per trascinare via alcuni dei restanti amici di Putin. E finora ha dissuaso paesi come la Bielorussia dal svolgere un ruolo più attivo nella guerra e l’Iran dal fornire missili balistici, il che rappresenterebbe una seria escalation nel suo sostegno. Ma gli alleati dell’Ucraina si sono dibattuti su come, o anche se, contrastare l’influenza russa nei paesi poveri.
Il primo passo potrebbe essere quello di evitare di gonfiare eccessivamente l’importanza del sostegno morbido offerto alla Russia dai suoi compagni di viaggio, in particolare quando porta a poco più che astensioni ai voti delle nazioni unite o gesti simbolici di solidarietà. “Mi preoccupo di prepararci a un gioco non redditizio di colpisci la talpa se proviamo a contrastare ogni singola manifestazione dell’influenza russa”, afferma Andrew Weiss del Carnegie Endowment for International Peace, un think tank americano. “In alcuni casi, rischiamo di pagare più del dovuto per affrontare problemi che non hanno molta importanza strategica”.
Allo stesso tempo, l’Occidente potrebbe adottare misure relativamente economiche per contrastare la diffusione di Wagner in Africa, in gran parte armando e sostenendo le forze di sicurezza regionali e i governi amici in modo che non siano costretti a rivolgersi alla Russia. Allo stesso modo, quando ha a che fare con l’asse degli opportunisti della Russia, l’Occidente deve calibrare attentamente le proprie linee rosse, precisarle e non protestare per l’aumento del commercio al di fuori dei beni militari e high-tech. Dovrebbe mantenere asciutta la sua polvere economica per dissuadere la Cina o altri dall’inviare armi e munizioni. La Russia non è così isolata come l’Occidente aveva sperato, ma l’affermazione di Lavrov secondo cui è circondata da amici intimi non ha molto senso.
Fonte: T.E. – Arcana Intellego

Risorse Utili:

L’Iran fornirà alla Russia Missili Balistici per la Guerra in Ucraina

droni iraniani

L’Iran si sta preparando a inviare armi aggiuntive, inclusi missili balistici, alla Russia da utilizzare in Ucraina, affermano i funzionari occidentali. L’Iran si sta preparando a inviare circa 1.000 armi aggiuntive, inclusi missili balistici a corto raggio superficie-superficie e più droni d’attacco , alla Russia da utilizzare nella sua guerra contro l’Ucraina, hanno detto alla…

La Svizzera sta Importando Meno Oro dalla Russia

La Svizzera sta Importando Meno Oro dalla Russia

Le Importazioni Svizzere Di Oro Dalla Russia Hanno Assistito A Un Notevole Calo I dati più recenti della dogana svizzera indicano che la Svizzera ha importato 284 chilogrammi d’oro dalla Russia nel mese di giugno di quest’anno. Questo è significativamente in calo rispetto a circa 3 tonnellate di oro importate durante il mese precedente. Le…

Gazprom: Cos’è, perchè è Importante per l’Economia della Russia

Gazprom: Cos'è, perchè è Importante per l'Economia della Russia

Da anni, e ancor più negli ultimi mesi con l’esplosione del conflitto Russia-Ucraina, Gazprom acquisisce una celebrità crescente, poiché protagonista del settore energetico. Oggi in quest’articolo scopriremo cos’è e di cosa si occupa attraverso storia, profilo societario e ultime notizie, per comprendere anche la sua situazione finanziaria. Indissolubilmente legata al governo russo, con la sua…

Google Russia è fallito dopo il sequestro del Conto Corrente

Google Russia è fallito perchè il Governo gli ha sequestrato il conto corrente

Il gruppo tecnologico statunitense afferma che è diventato “insostenibile il funzionamento del nostro ufficio in Russia” Google ( NASDAQ: GOOGL ) ha chiuso la maggior parte delle sue operazioni commerciali in Russia dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin, ma ha continuato a mantenere i suoi servizi gratuiti, inclusa la ricerca © David Paul…

Armi Nucleari Tattiche: Potrebbero essere usate dalla Russia in Ucraina?

Armi Nucleari Tattiche: Potrebbero essere usate dalla Russia in Ucraina?

Col conflitto Russia-Ucraina che imperversa, le minacce di Putin di utilizzare un arsenale di dissuasione si fanno sempre più verosimili, in questo anche una bomba tattica nucleare. In quest’articolo scopriremo cosa sono le armi tattiche nucleari, quando si utilizzano e qual è il loro potenziale distruttivo. La decisione del presidente russo di ricorrere all’azione nucleare…

SWIFT in Russia: Efficacia della Sanzione e Possibili Conseguenze

swift, cos'è swift, swift russia

Il denaro si muove nell’economia globale in un batter d’occhio, grazie in gran parte alla rete SWIFT. Gestita dalla Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, questa vasta rete di comunicazioni facilita i pagamenti internazionali tra migliaia di banche e istituzioni finanziarie in tutto il mondo. Mentre le potenze occidentali rispondono all’invasione russa dell’Ucraina, alcuni commentatori…

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.