AUMENTA L’INFLAZIONE E DIMINUISCE LA SPESA DEI CONSUMATORI A DICEMBRE in USA

La spesa per consumi degli Stati Uniti è diminuita a dicembre, suggerendo che l’economia ha perso velocità verso il nuovo anno tra problemi di approvvigionamento e la crescita di infezioni da COVID-19, mentre l’inflazione annuale è aumentata a un ritmo visto l’ultima volta nei primi anni ’80.

Il Dipartimento del Commercio ha affermato venerdì che la spesa dei consumatori, che rappresenta oltre i due terzi dell’attività economica degli Stati Uniti, è scesa dello 0,6% il mese scorso dopo aver guadagnato lo 0,4% a novembre. Gli economisti intervistati avevano previsto un calo della spesa dei consumatori dello 0,6%.

I dati sono stati inclusi nella relazione anticipata sul prodotto interno lordo per il quarto trimestre pubblicata giovedì. L’economia è cresciuta a un tasso annualizzato del 6,9% nell’ultimo trimestre, accelerando dal ritmo del 2,3% del trimestre luglio-settembre.

Leggi anche: Cos’è il MetaversoCos’è l’inflazione

AUMENTA L'INFLAZIONE E DIMINUISCE LA SPESA DEI CONSUMATORI A DICEMBRE in USA .
Sopra: shopping in USA

Ciò ha spinto la crescita nel 2021 al 5,7%, la più forte dal 1984. L’economia si è contratta del 3,4% nel 2020.

La spesa dei consumatori è diminuita, probabilmente il risultato degli americani che hanno iniziato i loro acquisti natalizi in ottobre per paura di scaffali vuoti nei negozi a causa della dilagante carenza di beni, compresi i veicoli a motore. Le crescenti infezioni da coronavirus guidate dalla variante Omicron hanno anche ridotto il traffico verso luoghi come ristoranti e bar, nonché altri luoghi ad alto contatto.

Le carenze dovute alle catene di approvvigionamento eccessivamente tese hanno mantenuto l’inflazione elevata il mese scorso. L’indice dei prezzi delle spese per consumi personali (PCE) è aumentato dello 0,4% dopo essere aumentato dello 0,6% a novembre. Nei 12 mesi fino a dicembre, l’indice dei prezzi PCE è aumentato del 5,8%. Questo è stato il più grande progresso dal 1982 e ha seguito un aumento del 5,7% su base annua a novembre.

Escludendo le componenti volatili del cibo e dell’energia, l’indice dei prezzi PCE è salito dello 0,5% dopo un aumento simile a novembre. Il cosiddetto indice dei prezzi PCE core ha accelerato del 4,9% su base annua a dicembre, il più grande aumento dal 1983. L’indice dei prezzi PCE core è aumentato del 4,7% nei 12 mesi fino a novembre.

L’inflazione sta andando ben al di sopra dell’obiettivo flessibile del 2% della Federal Reserve. La Fed mercoledì ha detto che probabilmente aumenterà i tassi di interesse a marzo.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *