Perchè gli NFT sono così di moda? L’arte digitale è il nuovo trend

69 milioni di dollari per l’arte digitale? La mania NFT spiegat Il composito di Beeple venduto per 69,3 milioni di dollari. Prima che ci fosse Beeple, c’era William Shatner.

A luglio, l’attore, cantante e autore di “TekWar” di “Star Trek” ha creato una serie di figurine con immagini della sua carriera – un telegramma di un produttore, una foto del suo primo servizio da modella, una radiografia dei suoi denti – e li ha elencati come token digitali unici in vendita online.

In nove minuti, l’intera corsa di 125.000 token è andata esaurita, per circa $ 1 ciascuno. A quel tempo, sembrava un sacco di soldi per artefatti digitali senza alcun valore nel mondo reale.

Cosa sono gli NFT

Conosciuti come NFT, questi token sono decollati nelle ultime settimane in quella che è una bolla speculativa ecologicamente distruttiva o un nuovo promettente modello di finanziamento per l’arte e i media proprio perchè spinge ad investire in arte.

Nei mesi trascorsi da quando i token di Shatner sono arrivati ​​sul mercato, le aziende sono nate per creare carte collezionabili dalle famose clip dei momenti salienti della NBA e gli artisti si sono affrettati a incassare la mania. Giovedì, un collage digitale dell’artista grafico Mike Winkelmann, che si fa chiamare Beeple, è stato venduto all’asta di Christie’s per 69 milioni di dollari. La casa d’aste ha dichiarato Winkelmann “tra i primi tre artisti viventi più preziosi”, ma il valore crescente del suo lavoro – fino al mese scorso i pezzi stavano andando a milioni a una cifra – riflette una frenesia più ampia intorno a tutte le cose NFT.

Leggi anche: Come creare un NFT

mercato ntf, ntf investimenti, ntf cm350, certificazione ntf, ntf telefono, ntf meaning, opera ntf, ntf finanza
mercato ntf, ntf investimenti, ntf cm350, certificazione ntf, ntf telefono, ntf meaning, opera ntf, ntf finanza

L’idea di base della tecnologia è abbastanza semplice. Un NFT, che sta per Non-Fungibile Token, è come un certificato di autenticità per un oggetto, reale o virtuale. Il file digitale univoco è archiviato su una rete blockchain, con eventuali cambiamenti di proprietà verificati da una rete mondiale e registrati pubblicamente. Ciò significa che la catena di custodia è contrassegnata nel file stesso in modo permanente ed è praticamente impossibile scambiare un falso.

Al contrario, bitcoin e altre criptovalute sono token fungibili; come un dollaro USA, qualsiasi bitcoin è uguale a qualsiasi altro, mentre gli NFT sono unici nel loro genere. La maggior parte delle vendite NFT fino ad oggi sono state negoziate in criptovalute come ether e registrate sulla blockchain di ethereum associata, sebbene questo non sia un requisito del modulo.

Il file NFT non contiene l’opera d’arte digitale, il videoclip o la scheda Shatner stessa. È solo una specie di contratto, che dice “il proprietario di questo NFT possiede quest’altro file digitale”, spesso con un collegamento al file artistico stesso. Gli NFT potrebbero anche essere usati come biglietti digitali non falsificabili per eventi, o persino record di proprietà per le vendite di proprietà: tutto ciò che sono realmente sono bit di codice unici con una catena di titoli verificabile allegata.

Un gioco chiamato CryptoKitties ha messo a frutto questa tecnologia all’inizio. Dal 2017, gli utenti sono stati in grado di acquistare e vendere NFT da collezione collegati a singoli gatti virtuali e i prezzi sono saliti a sei cifre all’inizio del 2018. La stessa società dietro CryptoKitties, Dapper Labs, è anche dietro la fiorente società di clip da collezione NBA Top Shot , che ha venduto 230 milioni di dollari in NFT legati ai momenti salienti del basket da ottobre a gennaio.

L’attrattiva degli NFT per i collezionisti è ovvia: invece di fare affidamento su documenti forensi o documenti irregolari per dimostrare che un’opera d’arte o una carta collezionabile è il vero affare, l’autenticazione è codificata nel file NFT stesso.

L’attrattiva delle NFT attualmente acquistate e vendute per milioni è meno intuitivo. Un file NFT non è di per sé una carta collezionabile fisica, che qualcuno potrebbe apprezzare per la sua rarità in una corsa di produzione storica o voler completare una collezione. Né è un’opera d’arte, figuriamoci un’opera d’arte famosa con la reputazione di oggetto di bellezza o di interesse storico. E nel caso in cui i file digitali vengano generalmente allegati agli NFT oggi, chiunque può guardare gli stessi momenti salienti del basket in qualsiasi momento o salvare una copia della stessa immagine digitale sul proprio disco rigido. Tutto ciò che fa una NFT è autenticare e registrare la provenienza della stessa NFT, come con una riproduzione in edizione limitata di una fotografia – ma quando l’oggetto d’arte allegato alla NFT è liberamente disponibile, non c’è motivo intrinseco per cui avrebbe alcun valore a tutto.

È qui che entra in gioco l’immaginario collettivo del mercato. Mancando di valore intrinseco, le NFT approssimano il modo in cui l’arte e le carte collezionabili possono funzionare come strumenti finanziari per gli investitori.

Il mercato dell’arte d’élite, sebbene sostenuto da un’industria di esperti e creatori di gusti che apparentemente influenzano il valore delle singole opere d’arte, è stato scardinato da qualsiasi realtà materiale per decenni. Molti acquirenti d’arte acquistano arte perché è preziosa, non perché è arte, e poi la conservano nei magazzini fino a quando non ritengono opportuno liquidarla come una risorsa sui loro libri e venderla a un nuovo acquirente che la valuta anche come un’attività finanziaria .

Il mercato delle carte collezionabili è impazzito nel 2020, con prezzi d’asta per carte rare che hanno infranto record a un ritmo costante: $ 900.000 per una carta con LeBron James e Michael Jordan insieme a febbraio, $ 1,8 milioni per una diversa carta LeBron a luglio e $ 1,81 milioni per una carta Giannis Antetokounmpo a settembre. In ottobre, una carta Honus Wagner del 1909 valeva 3,25 milioni di dollari.

Le carte stesse non sono cambiate, ma come asset class sono diventate, come le belle arti, più attraenti per investitori e speculatori alla ricerca di una riserva di valore e potenziali rendimenti.

Gli NFT adottano lo stesso principio: qualsiasi cosa unica e verificabile può diventare un luogo in cui parcheggiare denaro e fare ritorni, e aprirlo a qualsiasi immaginabile oggetto reale o virtuale. Jack Dorsey, amministratore delegato di Twitter, sta mettendo all’asta un NFT collegato al suo primo tweet su un sito Web interamente dedicato alla vendita di NFT di tweet, e l’offerta è di 2,5 milioni di dollari. Alcune persone vendono NFT di opere d’arte di altre persone senza il loro consenso. Se lo volessi, potresti provare a vendere un NFT per la luna.

Ma questa creazione di valore dal nulla ha dei costi reali. L’elaborazione delle transazioni di criptovaluta richiede un’enorme quantità di potenza di calcolo, il che ha sollevato preoccupazioni ambientali riguardo al boom. Joanie Lemercier, un artista francese attento all’ambiente che segue da vicino l’utilizzo di energia del suo studio, è rimasto sgomento nell’apprendere che la vendita di soli sei dei suoi pezzi come NFT ha utilizzato più elettricità in un giorno rispetto ai due anni precedenti. Su scala più ampia, si stima che le reti di computer che compongono collettivamente le blockchain di bitcoin ed ethereum utilizzino la stessa quantità di elettricità di Argentina ed Ecuador, rispettivamente, ogni anno.

Oltre all’alto costo energetico, non c’è alcuna garanzia che gli NFT manterranno il loro valore a lungo termine, proprio come non c’era motivo di pensare che un pezzo di carta con una foto di Honus Wagner su di esso varrebbe mai di più rispetto al cartoncino su cui è stato stampato nel 1909.

Ma per ora, molti artisti stanno incassando la mania. Le persone che hanno lottato per generare entrate dalla loro arte chiedendo mance o vendendo stampe fisiche possono schiaffeggiare un NFT su un pezzo e guadagnare migliaia di dollari.

Anche il mondo della musica ha iniziato a immergersi nell’acqua. I Kings of Leon hanno pubblicato un nuovo album venerdì scorso tramite tutti i canali tipici, ma hanno deciso di abbandonare tre NFT contemporaneamente, addolcendo l’accordo per i fan (che potrebbero anche essere speculatori NFT) offrendo bonus album, vantaggi per spettacoli dal vivo e grafica aggiuntiva agli acquirenti.

Mike Shinoda, un membro originale dei Linkin Park, la band nu metal rap-rock che ha generato la propria società di capitali di rischio nel 2015 , è diventato uno dei primi musicisti a lanciare un singolo in parallelo con un NFT alla fine di febbraio. Gli acquirenti hanno pagato migliaia di dollari per un’edizione di 10 clip da 75 secondi della canzone “Happy Endings”, accompagnata da un’illustrazione animata, i cui proventi sono andati all’ArtCenter College of Design di Pasadena.

Nel caso di Shinoda, gli acquirenti hanno anche ricevuto per posta una copia fisica firmata della copertina dell’album. Ma il mondo reale è fuori luogo. “Basta abbracciarlo. Non si tratta dell’oggetto fisico”, ha detto Shinoda in un’intervista con Input Magazine . “Riguarda il concetto di proprietà.” Certo, perché no?

Approfondimenti:

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *