Stellantis Scambio Batteria: una Ricarica Auto EV in 3 Minuti

E’ il metodo più semplice e veloce per ricaricare un’auto elettrica: non ricaricare la batteria ma cambiarla del tutto quando è scarica.

E’ un sistema che in Oriente viene usato ormai da anni per gli scooter elettrici e che un’azienda americana ha come suo core business,

Come funziona il cambio di batteria per ricaricare l’auto elettrica

E’ un metodo semplice, semplicissimo. Quando la batteria sta per finire la carica ci si reca al “benzinaio” di turno, dove c’è una struttura fatta apposta piena di batterie in ricarica. Si mette l’auto su una pista e qui un sistema automatico cambia la batteria. Ecco che in pochi secondi da quando sei entrato nel “benzinaio” ne esci con la batteria ricaricata.

Ovviamente le batterie devono essere tutte uguali, ma dato che dall’inizio della diffusione delle auto elettriche ognuno è andato per la propria strada, standazzizzarle tutte servirà molto tempo. Ecco che comunque si può usare questo metodo per le auto in car sharing di una città.

Non è un sistema da sottovalutare, perchè “tanto verrà usato solo per le 500” perchè il numero di queste auto in car sharing potrebbe aumentare molto in un centro di una grande città, ecco che a questo punto chi arriva da fuori potrà parcheggiare la sua normale auto e prenderre l’auto elettrica in car sharing.

Oppure chi abita in città potrà acquistare un’auto elettrica che ci mette 2 minuti a ricaricare l batteria, cambiandola.

Una soluzione semplice e geniale che potrebbe dare una vera svolta al mercato delle auto elettriche in paesi come Italia e Spagna, dove non si riescono a vendere.

Leggi anche: I segreti della Famiglia Agnelli .

Stellantis Scambio di Batterie: una Ricarica Auto EV in 3 Minuti
Sopra: lo schema di una Fiat 500e con batteria posta sotto al pianale. Con questo sistema in pochi secondi verrà messa una nuova batteria carica.

Stellantis firma il contratto per lo scambio di batterie

Stellantis ha stretto un accordo con la società californiana di scambio di batterie di veicoli elettrici Ample per alimentare una flotta di veicoli Fiat 500e condivisi in Spagna. Ma la società afferma che l’accordo potrebbe eventualmente espandersi per includere veicoli elettrici di proprietà personale anche in Europa e negli Stati Uniti.

Diventando una delle prime case automobilistiche occidentali ad abbracciare la tecnologia di scambio delle batterie, Stellantis scommette che le infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici in Europa e negli Stati Uniti rimarranno un ostacolo all’adozione nel prossimo futuro, rendendo necessarie altre soluzioni. In teoria, lo scambio della batteria potrebbe aiutare i proprietari di veicoli elettrici ad accendersi e a muoversi senza dover attendere lunghi tratti presso una stazione di ricarica.

Stellantis lavorerà con Ample per lanciare un sistema di sostituzione della batteria per una flotta di veicoli Fiat 500e

Stellantis lavorerà con Ample per lanciare un sistema di sostituzione della batteria per una flotta di veicoli Fiat 500e come parte di un servizio di car sharing attraverso la sua controllata Free2move. Il servizio apparirà per la prima volta a Madrid nel 2024, dove la Fiat 500e è già disponibile. (Il piccolo veicolo elettrico non arriverà in Nord America fino al prossimo anno.) Ample ha già quattro stazioni operative in città e prevede di costruire altre nove stazioni nei mesi a venire.

Lo scambio delle batterie dei veicoli elettrici è popolare in Cina, ma deve ancora guadagnare molto terreno in altri paesi. Ci sono stati diversi tentativi di costruire un’infrastruttura di scambio negli Stati Uniti – in particolare, Tesla mezzo decennio fa – ma con scarso successo.

Con una semplice App potrò sapere DOVE LA BATTERIA ADATTA ALLA MIA AUTO E’ DISPONIBILE E CARICA AL 100%.

Stellantis dovrà installare batterie modulari nella Fiat 500e per essere compatibile con il sistema di scambio di Ample. Il processo funziona guidando il veicolo in una stazione, dove viene leggermente sollevato. I bracci robotici di Ample rimuovono la batteria scarica da sotto il veicolo, la sostituiscono con una completamente carica, quindi abbassano il veicolo. L’azienda afferma che l’intero processo può richiedere solo cinque minuti.

“Il nostro sistema sa quante batterie ci sono nella Fiat 500e, sa come estrarre ciascuno di quei moduli e rimetterli nella stessa disposizione”, ha detto Khaled Hassounah, amministratore delegato di Ample, in un briefing con i giornalisti.

Iniziare con una piccola flotta di veicoli condivisi in una città aiuterà Stellantis a vedere come funziona il sistema di Ample e se può essere adattato a nuovi mercati e includere veicoli di proprietà privata. Se l’azienda decidesse di espandere la sua partnership con Ample, la Fiat 500e sarà probabilmente il primo veicolo a supportare la tecnologia, ha affermato Ricardo Stamatti, vicepresidente senior per la ricarica e l’energia di Stellantis.

I clienti che acquistano auto compatibili con il sistema di scambio di Ample si limiterebbero quindi ad abbonarsi ad una batteria, aprendo una possibile nuova linea di entrate per Stellantis. “Crediamo che si tratti effettivamente di un’iniziativa infrastrutturale che può e sarà ampliata”, ha aggiunto Stamatti.

In Nord America, a differenza della Cina, i veicoli elettrici rappresentano ancora una piccola percentuale delle vendite complessive di veicoli. Le auto plug-in rappresentano oltre un quarto di tutti i veicoli venduti in Cina, mentre negli Stati Uniti sono ancora sotto il 10%. Per questo motivo, negli Stati Uniti l’economia dello scambio delle batterie dei veicoli elettrici non ha funzionato.

Un’altra sfida è la mancanza di standardizzazione delle batterie

Un’altra sfida è la mancanza di standardizzazione delle batterie. Ogni casa automobilistica utilizza un tipo diverso di pacchetto e prodotti chimici diversi. Le stazioni di Ample possono scambiare solo le proprie batterie modulari, ma l’azienda afferma che queste batterie sono compatibili con qualsiasi veicolo elettrico. Le batterie modulari sono configurate su una piastra adattatrice che sostituisce la batteria originale del veicolo elettrico.

Hassounah ha detto che non sarebbe necessario “riprogettare il veicolo stesso”. Alla società sono stati recentemente concessi 15 milioni di dollari dallo stato della California per costruire un impianto di produzione di batterie sostituibili.

Stellantis ritiene che il futuro sia luminoso per la sostituzione delle batterie, ma Stamatti afferma che “il diavolo è nei dettagli”.

“Il 2030 riguarda l’elettrificazione del mondo e la mobilità per tutti”, ha affermato Stamatti. “Questo accelera tutto ciò. È un catalizzatore”.

Risorse Utili:

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *