Le più Grandi Potenze Militari del Mondo: Classifica

In questo articolo, diamo uno sguardo ai 12 più grandi eserciti del mondo e se la dimensione militare è ancora un vantaggio strategico. Dopo aver parlato dell’Europa, ecco a livello mondiale cosa sta succedendo.

La dimensione militare ha svolto un ruolo fondamentale nel corso della storia umana. Tuttavia, con l’evolversi della tecnologia, a partire dalla prima età moderna, ha cambiato per sempre il panorama della guerra. Gli inglesi furono in grado di colonizzare facilmente gran parte del mondo, nonostante fossero pochi rispetto ai loro sudditi, grazie alla tecnologia militare avanzata.

Le più Grandi Potenze Militari del Mondo: Classifica
Le più Grandi Potenze Militari del Mondo: Classifica

L’industria della difesa: un’analisi

Al giorno d’oggi, il vantaggio tecnologico ha sostituito il vantaggio dimensionale in misura abbastanza ampia nella maggior parte delle dottrine militari. Queste dottrine vengono attuate attraverso investimenti in ricerca e sviluppo militare. La spesa militare globale è cresciuta dello 0,7% nel 2021, superando la cifra di 2 trilioni di dollari.

Gli Stati Uniti da soli hanno rappresentato il 38% di questa spesa globale, con un budget militare per il 2021 di poco più di 800 miliardi di dollari. La maggior parte di questi fondi va in obblighi contrattuali per la difesa. Secondo un rapporto pubblicato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il 71% del budget per “obblighi contrattuali e spesa per buste paga” è andato agli appaltatori della difesa.

C’è da giurare che i prossimi anni la spesa militare internazionale aumenterà , non si sa bene quanto ma potrebbe tranquillamente raddoppiare nei paesi occidentali, visto l’invasione russa dell’Ucraina tutti gli Stati facenti parte della NATO hanno aumentato il proprio budget di spesa.

Il rapporto ha mostrato che Lockheed Martin Corporation (NYSE: LMT ), The Boeing Company (NYSE: BA ) e Raytheon Technologies Corporation (NYSE: RTX ) sono stati rispettivamente i tre principali appaltatori della difesa del governo nel 2021. Questo dimostra che la tecnologia conta molto più delle dimensioni militari.

Ci sono molte tecnologie in fase di sviluppo, ma quelle che hanno più da offrire in termini di vantaggi strategici negli ultimi tempi sono i missili scramjet ipersonici e i veicoli plananti, il 5G, i sistemi autonomi e l’intelligenza artificiale. Gli Stati Uniti sono già strategicamente affiancati da Russia e Cina in fatto di furtività, sistemi autonomi e tecnologie di difesa aerea. Tuttavia, Russia e Cina hanno un vantaggio su di esso nell’ipersonico.

In effetti, i migliori contratti DoD sono uno sforzo per sviluppare la tecnologia ipersonica. Secondo un rapporto del Dipartimento della Difesa, nel 2021 la ricerca e sviluppo ipersonica è costata la somma di denaro più alta, a 3,2 miliardi di dollari, nei contratti di difesa degli Stati Uniti per la tecnologia militare nel 2021. È stata seguita da sistemi autonomi e intelligenza artificiale, a 2,5 miliardi di dollari e 5G a 1,5 miliardi di dollari.

La maggior parte dei contratti per queste nuove tecnologie è stata assegnata a Lockheed Martin Corporation (NYSE:LMT), Raytheon Technologies Corporation (NYSE:RTX), The Boeing Company (NYSE:BA) e Northrop Grumman Corporation (NYSE:NOC ) .

Per quanto riguarda i sistemi d’arma autonomi, anche alcune potenze militari di medio livello hanno fatto passi da gigante. I droni turchi Baykar-Bayraktar-TB2 forniti alle forze ucraine sono stati molto efficaci nelle loro controffensive contro la Russia. D’altra parte, i droni iraniani Shahed-136, che l’Iran ha ammesso di esportare in Russia, hanno provocato il caos nelle città ucraine.

Quando vengono schierati autonomamente, questi droni possono selezionare e scegliere i propri obiettivi all’interno dei parametri della missione e quindi il loro basso costo, autonomia e coordinamento di gruppo li rende operativamente scalabili e altamente efficaci.

Ora che siamo al passo con i principali sviluppi militari globali, passiamo all’elenco dei 12 più grandi eserciti del mondo.

La nostra metodologia

Per il nostro elenco dei 12 più grandi eserciti del mondo, li abbiamo classificati su una base quantitativa 2021-2022, ma che si riferisce principalmente all’equipaggiamento militare. Ci siamo concentrati sul numero di aerei (nell’aeronautica militare), navi da guerra (abbiamo considerato solo navi da guerra strategiche come fregate, incrociatori, cacciatorpediniere e corvette). Abbiamo menzionato portaerei e sottomarini separatamente per enfasi, carri armati e, secondariamente, personale (attivo e di riserva).

Abbiamo menzionato anche il numero di risorse strategiche come armi nucleari, sottomarini e portaerei (se presenti). Abbiamo anche discusso delle loro spese per la difesa. Detto questo, ecco i 12 più grandi eserciti del mondo:

12. Iran

  • Missili balistici strategici: 3000
  • Aerei: 343
  • Carri armati: 1513
  • Navi da guerra strategiche: 10
  • Sottomarini: 19

 

L’Iran si trova nell’Asia occidentale ed è la dodicesima potenza militare più grande del mondo, secondo il suo arsenale militare. Il paese possiede 3.000 missili strategici con portata e capacità di carico variabili. Supera il limite di autonomia a 2.000 chilometri. Mentre l’Iran attualmente non possiede armi nucleari, ha missili nel suo arsenale in grado di trasportare carichi nucleari.

Ha oltre 1.500 carri armati principali, 7 fregate, 3 corvette e 19 sottomarini. L’inventario degli aerei iraniani conta 343 unità in totale nel 2021. Questi includono caccia, bombardieri, aerei multiruolo, d’attacco, nonché petroliere, trasportatori, pattugliatori e aerei da guerra elettronica. I suoi migliori jet includono Sukhoi 27, Mig-29 e F-14 Tomcat.

Infine, il paese ha quasi 1 milione di dipendenti che includono membri militari sia attivi che di riserva. L’Iran è principalmente impegnato in una guerra fredda in Medio Oriente contro gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, con teatro in Siria e Yemen e, in una certa misura, in Iraq.

La maggior parte dell’equipaggiamento militare occidentale in Iran prodotto da aziende come Lockheed Martin Corporation (NYSE:LMT), Northrop Grumman Corporation (NYSE:NOC), Raytheon Technologies Corporation (NYSE:RTX) e The Boeing Company (NYSE:BA) proviene dal era pre-rivoluzione islamica. Ad esempio, l’F-14 Tomcat nella flotta aerea iraniana è stato prodotto dalla Grumman Corporation.

11. Corea del Nord

  • Aerei: 545
  • Carri armati: 3500
  • Navi da guerra strategiche: 11
  • Sottomarini: 20
  • Armi nucleari: 50 (cifra stimata)

 

La Corea del Nord si trova nell’Asia orientale. È geopoliticamente isolata per la maggior parte e ha sviluppato un enorme arsenale militare per contrastare quelle che sostiene essere minacce militari statunitensi e sudcoreane alla sua sovranità.

Ha circa 3.500 carri armati principali, 11 navi da guerra strategiche, che includono 3 fregate e 8 corvette, 545 aerei, Mig-29 è il miglior caccia e 71 sottomarini. Il suo missile Hwasong-17 ha una portata di oltre 15.000 chilometri.

Le sue stime sulle armi nucleari, basate sulla quantità di materiale fissile che possiede, collocano il numero tra 45 e 55. È anche uno dei più grandi eserciti in termini di personale, con i suoi 1,9 milioni di militari nel 2021, compreso sia il personale attivo che quello di riserva.

10. Israele

  • Aerei: 334
  • Carri armati: 1370
  • Navi da guerra strategiche: 17
  • Sottomarini: 5
  • Armi nucleari: 100 (cifra stimata)

Israele è una potente forza militare in Medio Oriente. Israele ei suoi paesi vicini hanno storicamente avuto un rapporto ostile a causa della sua occupazione della Palestina riconosciuta dalle Nazioni Unite. La sua geografia, unita alla mancanza di profondità strategica, la rende enormemente vulnerabile di fronte a un attacco su larga scala.

Ciò ha portato Israele a sviluppare una dottrina militare aggressiva basata su misure preventive e vantaggio tecnologico e, di conseguenza, ha avuto successo nei conflitti militari contro più paesi.

Ad esempio, è stato in grado di sconfiggere la coalizione di Giordania, Siria ed Egitto nella Guerra dei Sei Giorni. Israele è forse il miglior esempio del fatto che le dimensioni non contano più. Indipendentemente da ciò, il suo esercito è diventato considerevole negli ultimi 20 anni circa.

Il paese ha speso il 2,8% del PIL del 2021 per la sua capacità militare. Gestisce 17 navi da guerra strategiche, tra cui fregate, corvette e navi missilistiche, 1.370 carri armati e 334 velivoli a partire dal 2022. Il suo inventario di aeromobili comprende jet come F-16, diverse varianti di F-15 e il velivolo stealth di quinta generazione F-35 Lightning- II.

Ha optato per l’ambiguità strategica sul possesso di armi nucleari, ma ha effettivamente una stima di 90 armi nucleari nel 2022. Ha quasi 0,6 milioni di militari, di cui il 73% è personale di riserva.

9. Pakistan

  • Aerei: 431
  • Carri armati: 4148
  • Navi da guerra strategiche: 18
  • Sottomarini: 8
  • Armi nucleari: 165

Il Pakistan è una delle più forti potenze militari in Asia. Il paese ha storicamente avuto un rapporto difficile con la vicina India sul Kashmir, che ha portato a tre guerre.

Ciò ha portato il Pakistan a sviluppare un potente arsenale militare. La sua dottrina militare era basata sulla guerra convenzionale con l’India, ma l’instabilità nel vicino Afghanistan e la conseguente insurrezione nelle FATA pakistane durante la Guerra al Terrore hanno portato il paese a sviluppare anche capacità di contro insurrezione.

Il Pakistan mantiene 165 testate nucleari a partire dal 2021, una vasta gamma di missili balistici con capacità nucleare, quasi 4.200 carri armati, 97 elicotteri d’attacco, 8 sottomarini e 18 navi da guerra strategiche tra cui 10 fregate, 2 cacciatorpediniere e 6 corvette.

Il suo inventario di aeromobili è composto da 431 velivoli e comprende aerei d’attacco, multiruolo, bombardieri e utility. I suoi combattenti degni di nota includono l’F-16 Falcon e il JF-17 Thunder. Il Pakistan ha 1,2 milioni di militari, di cui più della metà in servizio attivo.

8. Francia

  • Portaerei: 1
  • Aerei: 333
  • Carri armati: 222
  • Navi da guerra strategiche: 27
  • Sottomarini: 10
  • Armi nucleari: 290
  • Satelliti militari: 7

 

La Francia è una delle due potenze militari più capaci in Europa, l’altra è il Regno Unito. La Francia ha investito molto nel suo arsenale militare sotto la guida di Macron, al fine di realizzare “l’autonomia strategica” dalla NATO guidata dagli Stati Uniti.

Il paese mantiene una portaerei operativa, un totale di 290 testate nucleari, 27 navi da guerra di cui 3 cacciatorpediniere, 18 fregate e 6 corvette, 333 aerei e 67 elicotteri d’attacco. La Francia ha anche 7 satelliti militari operativi.

Per quanto riguarda la sua flotta di aerei, Rafale, realizzato da Dassault Aviation Société anonyme (OTCMKTS:DUAVF), è il suo caccia multiruolo più importante, con 102 unità in servizio. La Francia ha oltre 200.000 militari attivi, di cui 35.000 di riserva.

7. Corea del Sud

  • Aerei: 595
  • Carri armati: 2321
  • Navi da guerra strategiche: 35
  • Sottomarini: 17

 

La Corea del Sud confina con la Corea del Nord e storicamente ha avuto un rapporto teso con la sua controparte settentrionale. Questo è il motivo per cui il paese ha investito molto nelle sue forze armate per tenere sotto controllo le ambizioni nordcoreane. Nel 2021 ha dedicato il 2,8% del suo PIL alla spesa per la difesa. La Corea del Sud vanta una flotta aerea di 595 aeromobili a partire dal 2021.

I suoi notevoli aerei da combattimento includono l’F-15 Eagle, l’F-16 Fighting Falcon e l’aereo stealth di quinta generazione F-35 Lightning II. In termini di navi da guerra strategiche, la flotta navale della Corea del Sud è composta da 3 incrociatori, 6 cacciatorpediniere, 14 fregate e 12 corvette.

La sua potenza militare a terra è sostenuta principalmente da oltre 2.000 carri armati principali. L’esercito della Corea del Sud è presidiato da 5,50.000 persone. La sua forza di riserva è una delle più grandi al mondo, con 2,75 milioni di dipendenti nel 2020.

6. Giappone

  • Portaerei: 2
  • Aerei: 606
  • Carri armati: 580
  • Navi da guerra strategiche: 44
  • Sottomarini: 22

 

L’enorme economia del Giappone, unita alle minacce regionali, gli ha permesso di diventare uno dei più grandi eserciti del mondo. Il paese proietta energia nel Pacifico utilizzando due portaerei di classe Izumo, con una terza in costruzione. Le portaerei sono progettate pensando agli elicotteri, ma il Giappone le ha riproposte anche per i caccia F-35B Lightning-II Joint Strike Fighter di quinta generazione.

Oltre alle portaerei, le altre navi strategiche del Giappone includono 38 cacciatorpediniere e 6 fregate. La sua flotta aerea ha 606 velivoli a partire dal 2022. I caccia degni di nota nell’aeronautica militare giapponese includono l’F15 Eagle e l’F-2, realizzati congiuntamente da Lockheed Martin Corporation (NYSE:LMT) e Mitsubishi Heavy Industries, Ltd. (OTCMKTS:MHVYF ) . Il Giappone ha rafforzato le sue forze per contrastare la crescente vulnerabilità militare che deve affrontare dalla Cina.

Società di difesa americane come Raytheon Technologies Corporation (NYSE:RTX), The Boeing Company (NYSE:BA) e Northrop Grumman Corporation (NYSE:NOC) lavorano anche con alleati degli Stati Uniti come il Giappone.

5. Regno Unito

  • Portaerei: 2
  • Aerei: 555
  • Carri armati: 227
  • Navi da guerra strategiche: 19
  • Sottomarini: 10
  • Armi nucleari: 225
  • Satelliti militari: 8

Il Regno Unito è la più grande potenza militare dell’Europa occidentale. Proietta potenza nei mari attraverso le sue due portaerei, vale a dire, HMS Queen Elizabeth e HMS Prince of Wales. Ha altre 19 navi da guerra strategiche. Questi includono 13 fregate e 6 cacciatorpediniere. La sua flotta aerea comprende 555 velivoli ad ala fissa a partire dal 2021. I suoi aerei da combattimento degni di nota includono l’Eurofighter Typhoon di quarta generazione, sviluppato da Eurofighter GmbH, e l’F-35 di quinta generazione, sviluppato da Lockheed Martin.

Il paese insulare mantiene 225 armi nucleari pronte per l’uso e dispone di 8 satelliti militari attualmente in orbita. Il suo personale in servizio attivo comprende 148.000 soldati mentre altri 38.000 costituiscono la forza di riserva.

4. India

  • Portaerei: 2
  • Aerei: 2.186
  • Carri armati: 4.740
  • Navi da guerra strategiche: 41
  • Sottomarini: 21
  • Armi nucleari: 160
  • Satelliti militari: 15

L’India è la più grande potenza militare dell’Asia meridionale. Il paese ha controversie sui confini sia con la Cina che con il Pakistan e numerose insurrezioni nella sua regione nord-orientale. Ciò ha portato l’India a sviluppare una solida capacità militare. Nel 2021, ha speso il 2,7% del suo PIL per le sue forze armate.

Ha due portaerei, 4.740 carri armati principali, 41 navi da guerra strategiche (10 cacciatorpediniere, 12 fregate e 19 corvette), 21 sottomarini (di cui 2 in costruzione), 41 elicotteri d’attacco e 2.186 velivoli ad ala fissa. Il suo inventario di aerei comprende caccia come Su-30, Dassault Rafale e Mig-29. Attualmente, l’India non ha velivoli stealth di quinta generazione nella sua flotta aerea.

Il paese ha 160 armi nucleari in servizio. È uno degli unici quattro paesi che ha basato la propria struttura di forze nucleari sulla Triade Nucleare, la capacità di lanciare testate nucleari dal mare, dall’aria e dalla terra. Gli altri tre paesi sono Cina, Russia e Stati Uniti.

 

3. Cina

  • Portaerei: 2
  • Aerei: 3.373
  • Carri armati: 5.651
  • Navi da guerra strategiche: 160
  • Sottomarini: 60
  • Armi nucleari: 350
  • Satelliti militari: 60+

La Cina è uno dei più grandi eserciti del mondo. Si trova sempre più in contrasto con gli Stati Uniti, l’India e il Giappone mentre afferma la sua crescente posizione negli affari regionali. Ha controversie territoriali con India e Giappone e controversie geopolitiche con gli Stati Uniti sulla questione di Taiwan.

Pertanto, ha sviluppato la sua potenza militare in modo ambizioso negli ultimi anni. La sua potenza militare comprende 2 milioni di personale in servizio attivo, con altri 2 milioni di truppe di riserva, oltre 5.600 carri armati, 160 navi da guerra strategiche che comprendono solo fregate, corvette, incrociatori e cacciatorpediniere. La sua flotta navale totale che comprende navi più piccole ammonta a ben oltre 400, inclusi 60 sottomarini nel 2021.

Il paese sta inoltre sviluppando capacità avanzate per la guerra informatica e autonoma. La politica estera ha stimato il numero di “Hacker Army” cinesi tra 50.000 e 100.000 dipendenti.

È anche più avanti degli Stati Uniti in capacità come l’ipersonico, con il suo Hypersonic Glide Vehicle (HGV) DF-ZF in servizio a partire dal 2019, mentre gli Stati Uniti dovrebbero mettere in campo la tecnologia non prima del 2023.

2. Russia

  • Portaerei: 1
  • Aerei: 3.829
  • Carri armati: 12.420
  • Navi da guerra strategiche: 98
  • Sottomarini: 58
  • Armi nucleari: 5.977
  • Satelliti militari: 75

La Russia è la seconda più grande potenza militare del mondo. Ha la più grande scorta di armi nucleari al mondo, a 5.977. Ha anche il maggior numero di carri armati principali del mondo, con oltre 12.000.

La Russia ha speso il 4,1% del PIL del 2021 in difesa. La sua flotta aerea comprende 3.829 aeromobili. Alcuni dei caccia di spicco nel suo inventario di aerei includono Su-35 e Su-57. Il primo è considerato uno dei migliori dogfighter di quarta generazione al mondo, mentre il secondo è l’unico caccia stealth di quinta generazione della Russia, che è stato schierato in servizio nel dicembre 2020.

La Russia, come la Cina, è anche davanti agli Stati Uniti nell’ipersonica. Il suo Avangard, l’Hypersonic Glide Vehicle (HGV), è in servizio dal 2019. È anche il primo paese a utilizzare missili ipersonici in combattimento, in Ucraina .

La Russia ha 98 navi da guerra strategiche diverse dalla sua portaerei. Questi includono 83 corvette, 11 fregate e 4 incrociatori. I suoi sottomarini ammontano a un totale di 58. È anche uno dei soli quattro paesi a possedere capacità di triade nucleare. Inoltre, il sistema di difesa aerea della Russia, l’S-400 Triumf, è ampiamente considerato come il migliore al mondo.

 

1. Stati Uniti

  • Portaerei: 11
  • Aerei: 5.217
  • Carri armati: 6.333
  • Navi da guerra strategiche: 132
  • Sottomarini: 68
  • Armi nucleari: 5.550
  • Satelliti militari: 120+

Gli Stati Uniti sono la più grande potenza militare del mondo. Ha speso 800 miliardi di dollari in difesa nel 2021. Le sue 11 portaerei a propulsione nucleare, con una capacità di 80 aerei ciascuna, consentono al paese di proiettare energia in tutto il mondo. La Marina degli Stati Uniti utilizza anche 132 navi da guerra strategiche, che includono 18 fregate, 92 incrociatori e cacciatorpediniere e 22 corvette. Oltre a questo, la Marina degli Stati Uniti gestisce anche 68 sottomarini a partire dal 2022.

La potenza militare a terra è sostenuta da oltre 6.000 carri armati, principalmente M1 Abrams. Il paese ha oltre 120 satelliti militari attualmente in orbita attorno alla Terra. In termini di armi nucleari, gli Stati Uniti hanno la seconda più grande riserva di testate nucleari con un totale di 5.550 armi nucleari.

Il paese ha capacità di triade nucleare e, a tale riguardo, gestisce missili, sottomarini e bombardieri strategici con capacità nucleare terrestre come B-52 Stratofortress e B-2 Spirit.

La struttura militare statunitense è anche una delle più complesse al mondo. Oltre all’esercito, all’aeronautica e alla marina, il Paese dispone anche di altre armi. Questi includono il Corpo dei Marines degli Stati Uniti, la Space Force e la Guardia Costiera. Gli Stati Uniti hanno anche il maggior numero di forze speciali al mondo. Alcuni degni di nota sono il 75° reggimento Ranger, i Navy Seals statunitensi, le forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti (berretti verdi) e la Delta Force.

 

E l’Italia ( extra ) ?

L’Italia è da poco considerata una delle nazioni più armate del mondo, per lo meno dovrebbe rientrare tra le prime 10.

Questo perchè non ha un grande numero di mezzi, ma perchè i suoi mezzi sono di ultima generazione, di un valore tecnologico e militare nettamente superiore ad altro tipo di mezzi progettati e costruiti oltre 50 anni fa.

Nei prossimi anni, tra il 2024-2025 l’Italia riuscirà ad avere ben 3 portaerei a disposizione, le fregate FREMM costruite insieme alla Francia sono considerate le più avanzate del mondo tanto che gli Stati Uniti le hanno richieste.

Per quanto riguarda l’aeronautica avremo circa 100 F-35 e altrettanti Eurofighter, cioè 2 dei più avanzati aerei militari di 4a e 5a generazione.

L’industria di armi nazionale è in mano a Leonardo, che come tutti sanno è di proprietà dello Stato. Leonardo ( leggi : azioni Leonardo previsioni ) ha partnership in pratica in tutta Europa, ma in particolare con inglesi e francesi con i quali costruirà il nuovo aero di 6a generazione e con cui costruisce missili. Leonardo oltre ad avere capacità di costruire praticamente ogni tipo di arma tramite le sue controllate, viene considerata tra i leader a livello mondiale per satelliti e cybersecurity.

Infine, l’Italia ha nelle sue basi NATO circa 90 armi nucleari che sono di proprietà degli Stati Uniti, ma che in caso di guerra possono essere usate anche dall’aviazione italiana e sono infatti progettate per essere usate dagli F-35.

Risorse Utili:

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *