Perchè in Asia non c’è l’Inflazione?

Di fronte al tumulto pubblico sul costo della vita, i politici amano sottolineare che l’aumento dei prezzi è un fenomeno globale. “Ogni paese del mondo sta ricevendo un grande morso e una parte di questa inflazione”, ha affermato il presidente Joe Biden il 10 giugno, dopo che l’America ha registrato il suo più grande morso dal 1981 (i prezzi al consumo sono aumentati dell’8,6% a maggio, rispetto a un anno prima).

È vero che il costo del carburante, dei fertilizzanti, dei cereali e di altre merci è aumentato ovunque dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio. Ma non dappertutto ha la bocca piena di inflazione. Delle 42 grandi economie presenti nella pagina degli indicatori di The Economist , otto hanno ancora un’inflazione inferiore al 4%. Sei di questi otto si trovano nell’Asia orientale o sudorientale (vedi grafico). La regione comprende anche alcune piccole oasi di stabilità dei prezzi, come il Vietnam (dove l’inflazione era del 2,9% nell’anno fino a maggio) e Macao (l’1,1% nell’anno fino ad aprile).

inflazione in asia
inflazione in asia

A cosa si deve questo eccezionalismo orientale? Parte della spiegazione risiede nella diffusione di due malattie. Un focolaio di peste suina africana dal 2018 al 2021 ha devastato la popolazione di suini in Cina, dove secondo alcune stime sono stati abbattuti fino a 200 milioni di maiali. Ciò ha aumentato notevolmente il prezzo della carne di maiale, un alimento base nell’Asia orientale. Il prezzo è successivamente diminuito drasticamente. Nella Cina continentale, ad esempio, il prezzo della carne di maiale è sceso di oltre il 21% nell’anno fino a maggio. Ciò ha contribuito a compensare le pressioni inflazionistiche in altre parti dell’economia. (Aiuta anche il fatto che l’Asia orientale, a differenza di altre parti del mondo, mangi più riso del grano. Il prezzo del riso è aumentato dell’8% dall’invasione russa dell’Ucraina, mentre i prezzi del grano sono aumentati del 17%).

L’altra malattia antinflazionistica nella regione è il covid-19. Molte parti dell’Asia hanno iniziato a convivere con il virus più lentamente e con riluttanza che in Occidente. L’Indonesia, ad esempio, non ha abbandonato del tutto la quarantena per gli arrivi internazionali fino al 22 marzo. In Malesia, i viaggi e gli spostamenti non sono tornati alla normalità fino all’inizio di maggio, un mese intero dopo che il Paese è ufficialmente entrato nella sua fase di “transizione verso l’endemica”, secondo un indice delle restrizioni sociali sviluppato da Goldman Sachs, una banca. Taiwan rimane prudente anche adesso. Il suo successo nel tenere a bada il covid in passato ha lasciato alla sua popolazione poca immunità naturale e meno fatalismo occidentale sulla malattia.

La Cina, ovviamente, continua a imporre rigide restrizioni alla circolazione e alla raccolta delle persone ovunque compaiano infezioni. I recenti blocchi a Shanghai e altrove hanno ostacolato sia la capacità dell’economia di fornire beni sia la volontà dei consumatori di acquistarli. Questa doppia interruzione dell’offerta e della domanda potrebbe in teoria spostare i prezzi in entrambi i modi. Ma il danno alla spesa dei consumatori sembra essere più grave e persistente. A maggio, il secondo mese del blocco di Shanghai, le vendite al dettaglio sono diminuite di quasi il 10% (in termini reali) rispetto all’anno precedente, anche se la produzione industriale è aumentata dello 0,7%.

I limiti ai viaggi transfrontalieri sono stati devastanti per le economie di Hong Kong e in particolare di Macao, che fa affidamento sui visitatori dalla terraferma per riempire i suoi casinò. in effetti, il pil di Macao nei primi tre mesi di quest’anno era meno della metà di quello raggiunto negli stessi mesi del 2019. In quel contesto, un’inflazione dell’1% non sembra così miracolosa. In effetti, è sorprendente che i prezzi stiano aumentando.
In Occidente, l’elevata inflazione ha costretto molti responsabili delle politiche economiche a diventare falchi. La Federal Reserve americana, ad esempio, si è sentita obbligata ad aumentare i tassi di interesse di 0,75 punti percentuali il 15 giugno, più velocemente del previsto. La nuova fretta della Fed di combattere l’inflazione sta complicando la lotta dell’Asia orientale contro lo stesso nemico. I tassi di interesse più elevati in America attirano flussi di capitali globali, esercitando pressioni al ribasso sulle valute asiatiche. Hong Kong, che ha ancorato la sua valuta al dollaro americano, e Macao, che ha ancorato la sua valuta a quella di Hong Kong, sono state obbligate ad aumentare i tassi di interesse il giorno dopo che la Fed lo ha fatto. Anche Malesia e Taiwan hanno alzato i tassi di interesse già quest’anno e l’Indonesia, dove i tassi di interesse sono del 3,5%, dovrebbe aumentarli il prossimo mese, secondo JPMorgan Chase, una banca.

Anche Malesia e Indonesia hanno sperimentato una risposta meno ortodossa all’aumento dei prezzi: il divieto di esportazione. L’Indonesia ha proibito per breve tempo la vendita all’estero di olio di palma e la Malesia mantiene il divieto di esportazione di polli vivi. L’obiettivo è riservare tutta la fornitura del Paese alla propria gente. Ma le politiche possono ritorcersi contro se i prezzi più bassi spingeranno gli agricoltori locali a ridurre la produzione. Tali divieti esacerbano l’inflazione anche altrove nella regione. Singapore, in particolare, dipende dalle importazioni di pollame dal suo vicino più grande. L’intimità economica e la rivalità della coppia stanno tornando a casa.

Un’eccezione a questa tendenza all’inasprimento è il Giappone. Nella riunione del 17 giugno, la Banca del Giappone ha ribadito il proprio impegno ad acquistare tutti i titoli di Stato decennali necessari per mantenere i loro rendimenti non superiori allo 0,25%. Ha deciso di attenersi a questo tetto, anche se i rendimenti equivalenti in America sono aumentati nettamente a oltre il 3,2%. Questo divario di rendimento ha contribuito al crollo dello yen, che è sceso intorno ai livelli più deboli rispetto al dollaro dal 1998.

Uno yen debole farà salire i prezzi all’importazione, contribuendo all’inflazione in Giappone. Se persiste un’inflazione più elevata, la gente se lo aspetterà, chiedendo a titolo di compensazione salari più generosi. Questi salari più alti, a loro volta, faranno aumentare i prezzi, rendendo le aspettative di inflazione che si autoavverano.
In molte parti dell’Asia, una tale spirale salari-prezzi è qualcosa da temere. Ma in Giappone, è qualcosa che i politici hanno cercato a lungo. Dopo anni di domanda debole e prezzi in calo, le aspettative di inflazione erano diventate pericolosamente basse, rendendo più difficile per la Banca del Giappone rilanciare l’economia in una fase di recessione e prevenire un ritorno alla deflazione. Come ovunque, il Giappone sta subendo un’ondata di inflazione. I suoi banchieri centrali vogliono affondare i denti ancora più a fondo.

 

LEGGI ANCHE :

 

Inflazione in Turchia e la crisi dell’agricoltura nel 2022

inflazione in turchia

Gli agricoltori turchi combattono contro l’aumento dei costi e l’aumento del debito Il crollo della lira e l’impennata dei prezzi globali sottolineano la necessità di una riforma agricola L’agricoltura è un pilastro dell’economia turca, generando quasi il 7% del prodotto interno lordo Per migliaia di anni, la regione intorno ad Antakya, nella provincia meridionale di…

Investimenti Sicuri con l’Inflazione, Come Proteggere i Risparmi

investimenti sicuri, miglior investimento attuale, investimenti sicuri e redditizi

Fare investimenti sicuri in tempo di inflazione è molto complicato, specialmente oggi. L’inflazione è un mostro che mangia il valore dei Nostri soldi che se teniamo “fermi” su un investimento che da interessi bassi, si svalutano con il tempo. Ancora il tesoro Italiano non ha emesso BOT o Buoni Postali con alti rendimenti tanto da…

L’Inflazione é Arrivata Ecco Cosa Devi Sapere per Proteggerti

L'Inflazione é Arrivata Ecco Cosa Devi Sapere

Che cos’è l’inflazione, perché è alta e a chi fa male? Un’analisi delle domande più comuni sull’aumento dei prezzi in corso.   L’inflazione è diventata centrale per lo zeitgeist americano nel 2021 in un modo che non lo era da decenni. Le ricerche su Google sono in corso. I problemi della catena di approvvigionamento sono…

Inflazione: significato, conseguenze e come fermarla

Inflazione: significato in economia e finanza, le parole da sapere usate dagli esperti

Ecco cosa intendono gli esperti quando parlano di “CPI” o “inflazione core” o “aumento dei prezzi” Un’inflazione sempre più alta può sembrare implacabile, ma cosa la sta guidando esattamente e cosa si può fare? I funzionari governativi e i media sono in fermento con discorsi su cose come l’inflazione di fondo, i problemi della catena…

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *