Norvegia: Giacimenti di Fosfati per 100 anni di Batterie, Fertilizzanti, Pannelli Fotovoltaici

In Norvegia sono state scoperti dei giacimenti di fosfati che riusciranno a soddisfare la domanda mondiale di 100 anni di: Pannelli fotovoltaici, fertilizzanti e abatterie per auto che potrebbero soddisfare la richiesta MONDIALE per 100 anni.

 

Grandi notizie”: l’UE saluta con favore la scoperta di un massiccio deposito di roccia fosfatica in Norvegia

Si stima che il giacimento norvegese valga almeno 70 miliardi di tonnellate, che è poco meno dei 71 miliardi di tonnellate di riserve mondiali accertate valutate dall’US Geological Survey nel 2021.

Un enorme deposito sotterraneo di roccia fosfatica di alta qualità in Norvegia, ritenuto il più grande del mondo, è abbastanza grande da soddisfare la domanda mondiale di fertilizzanti, pannelli solari e batterie per auto elettriche nei prossimi 100 anni, secondo la società che sfrutta la risorsa.

La roccia fosfatica è un elemento essenziale utilizzato nella produzione di fosforo per l’industria dei fertilizzanti ed è stata inclusa nella proposta di marzo della Commissione europea per una legge sulle materie prime critiche .

Si stima che il deposito norvegese valga almeno 70 miliardi di tonnellate, che è poco meno dei 71 miliardi di tonnellate di riserve mondiali accertate valutate dall’US Geological Survey nel 2021 .

I depositi di roccia fosfatica di gran lunga più grandi del mondo – circa 50 miliardi di tonnellate – si trovano nella regione del Sahara occidentale del Marocco. I secondi più grandi si trovano in Cina (3,2 miliardi di tonnellate), Egitto (2,8 miliardi di tonnellate) e Algeria (2,2 miliardi di tonnellate), secondo le stime statunitensi.

“Ora, quando trovi qualcosa di tale portata in Europa, che è più grande di tutte le altre fonti che conosciamo, è significativo”, ha affermato Michael Wurmser, fondatore di Norge Mining, la società dietro la scoperta.

In una dichiarazione inviata via e-mail a EURACTIV, la Commissione europea ha accolto con favore la conferma del massiccio deposito norvegese di fosfato di roccia.

“La scoperta è davvero una grande notizia, che contribuirebbe agli obiettivi della proposta della Commissione sul Critical Raw Material Act”, ha affermato un portavoce dell’esecutivo dell’UE.

Norvegia: Giacimenti di Fosfati per 100 anni di Batterie, Fertilizzanti, Pannelli Fotovoltaici
Norvegia: Giacimenti di Fosfati per 100 anni di Batterie, Fertilizzanti, Pannelli Fotovoltaici

Auto elettriche e pannelli solari

Circa il 90% della roccia fosfatica estratta nel mondo viene utilizzata in agricoltura per la produzione di fosforo per l’industria dei fertilizzanti, per il quale attualmente non esiste alcun sostituto.

Ma il fosforo è utilizzato anche nella produzione di pannelli solari e batterie al litio-ferro-fosfato (LFP) per auto elettriche, così come semiconduttori e chip per computer, anche se in piccole quantità.

Tutti questi prodotti sono stati contrassegnati dalla Commissione Europea come ” di importanza strategica ” per mantenere lo status dell’Europa come potenza globale nella produzione di tecnologie chiave per la transizione verde e digitale.

“Questo è il motivo per cui crediamo che il fosforo che possiamo produrre sarà importante per l’Occidente: fornisce autonomia”, ha detto Wurmser a EURACTIV in un’intervista.

Le quantità di fosforo necessarie per la produzione di batterie sono attualmente minime e si prevede che rappresenteranno solo il 5% circa della domanda globale entro il 2050, secondo un articolo pubblicato lo scorso anno sulla rivista scientifica Nature .

Tuttavia, i principali paesi produttori come la Cina e gli Stati Uniti “possono cercare di proteggere le loro forniture interne limitando le esportazioni, come si è visto nel 2008 con la tariffa cinese sulle esportazioni”, continua l’articolo di Nature . Le future interruzioni dell’approvvigionamento sono quindi “probabilmente di natura geopolitica ed economica, molto prima che le riserve globali siano esaurite”, aggiunge.

Le riserve note di roccia fosfatica di alta qualità si stanno lentamente esaurendo e sono detenute da quattro o cinque grandi fornitori al di fuori dell’Europa, secondo la Critical Raw Materials Alliance , una coalizione industriale.

“L’offerta bassa unita a una domanda elevata significa un aumento dei prezzi”, aggiunge.

Anche la raffinazione del fosforo è un processo ad alta intensità di carbonio, il che significa che la maggior parte dell’industria è attualmente concentrata in Cina, Vietnam e Kazakistan, afferma Wurmser.

“Questo è uno dei motivi per cui non c’è più produzione di questa materia prima fondamentale in Europa: c’era una certa produzione nei Paesi Bassi molti anni fa, ma l’hanno interrotta a causa del forte inquinamento”, spiega.

Ma secondo Wurmser, la Norvegia sarà in grado di osservare standard ambientali più severi durante l’estrazione e la raffinazione di quei minerali rispetto a quanto fanno attualmente i concorrenti asiatici, applicando la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio.

“Il fosforo proveniente da Cina, Vietnam o Kazakistan non rende necessariamente un pannello solare un prodotto ecologico. Questo sottolinea il nostro concetto secondo cui la sostenibilità inizia nel terreno, quando estrai le cose”, afferma.

Scoperta del 2018

Norge Mining ha inizialmente effettuato la scoperta nel 2018 sulla base delle informazioni fornite dal Norwegian Geological Survey. Il giacimento di minerale nel terreno, che originariamente si stimava si estendesse a 300 metri sotto la superficie, in realtà scorreva a 4.500 metri di profondità, ha scoperto la società.

“Quando l’abbiamo scoperto, abbiamo eseguito due programmi di trivellazione in due zone. E su queste due zone, fino a 400 metri, abbiamo stabilito due risorse di livello mondiale, che consentono a ciascuna delle zone di fornire materie prime per almeno 50 anni”, ha affermato Wurmser.

Attualmente è impossibile perforare a profondità di 4.500 metri, quindi i geologi che lavorano al progetto hanno valutato solo un terzo del volume, fino a 1.500 metri dalla superficie.

Combinati, “si tratta di almeno 70 miliardi di tonnellate di roccia fosfatica mineralizzata”, ha detto Wurmser a EURACTIV.

Insieme al fosfato, i giacimenti norvegesi contengono anche vanadio e titanio, anch’essi classificati dall’UE come materie prime critiche e utilizzati nell’industria aerospaziale e della difesa. Wurmser non ha detto quanto fossero significativi quei depositi.

Permessi e regolamenti

Ora che la fase di esplorazione è terminata, Norge Mining sta cercando di spostare il progetto alla fase successiva della produzione mineraria.

Secondo Wurmser, il governo norvegese è stato “molto favorevole” al progetto, proclamando a dicembre che tutti i progetti di materie prime critiche in Norvegia sarebbero stati soggetti ad approvazione accelerata. I prerequisiti di base per ottenere le licenze minerarie sono soddisfatti, compresi gli studi di fattibilità economica, afferma la società.

Ma non si può dire lo stesso dell’Unione Europea.

Nella sua proposta di marzo per una legge sulle materie prime critiche (CRM), la Commissione europea ha classificato il fosforo e la roccia fosfatica come minerali “critici” ma non come “strategici”, che sono soggetti a un benchmark di produzione interna del 40% e a regole di autorizzazione accelerata .

“Ciò che è importante è che l’importanza strategica di queste materie prime sia compresa dai funzionari di Bruxelles”, ha detto Wurmser a EURACTIV.

Norge Mining non ha bisogno di finanziamenti: la società ha già elencato l’interesse di società in Europa, Stati Uniti e Giappone, tra cui “due importanti produttori di aeroplani” interessati alle forniture di titanio.

Tuttavia, l’autorizzazione può fare un’enorme differenza nel settore minerario, dove di solito occorrono tra i 10 e i 15 anni tra l’esplorazione e la prima estrazione commerciale di minerali.

«È molto più importante dei contanti. Perché se hai contanti e non ottieni l’approvazione, non ti aiuta. Ma se hai l’approvazione per fare mining, puoi facilmente raccogliere capitali “, afferma Wurmser.

La Commissione europea riconosce che il fosforo è “un materiale molto rilevante per la chimica delle batterie e la digitalizzazione“. Tuttavia, afferma che le riserve di roccia fosfatica sono “abbondanti” e quindi non devono essere classificate come strategiche.

Ha affermato che la proposta del CRM Act di marzo contiene disposizioni che dovrebbero aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento per questi tipi di minerali, “come un rigoroso monitoraggio dei rischi di approvvigionamento, l’accesso ai finanziamenti e, per i progetti situati nell’UE, l’accesso a uno sportello unico per aver permesso”.

La proposta di legge CRM è attualmente all’esame del Parlamento europeo e degli Stati membri dell’UE in vista dell’adozione finale possibilmente entro la fine dell’anno.

  • Euroactiv come

ARTICOLI CORRELATI

Terre Rare: Cosa Sono, Guerra di Cina, Russia in Africa per Averle

Terre Rare: Cosa Sono, Guerra di Cina, Russia in Africa per Averle

Il termine “Terre Rare” si riferisce a un gruppo di 17 elementi chimici che si trovano nella tavola periodica.

 

Poste Energia Luce e Gas Conviene? Recensione e Opinioni sul Nuovo Servizio di Poste Italiane

Poste Energia Luce e Gas Conviene? Recensione e Opinioni

Il mercato delle utenze è ormai liberalizzato e sono tante le offerte disponibili, innovative e versatili, per ogni categoria di cliente che necessiti di trattamenti più agevolati per risparmiare rispetto a quelli del segmento tutelato. Una di queste è Poste Energia, che scopriremo insieme nell’articolo di oggi comprendendone le caratteristiche principali e valutandone la convenienza.…

Perché c’è un Aumento Bollette di Energia in questo 2021-2022

aumento bollette 2021 perché, aumento bollette enel 2021, aumento bollette 2022, perché aumento bollette

I prezzi di gas, carbone ed elettricità sono aumentati nelle ultime settimane ai livelli più alti degli ultimi decenni. Questi aumenti sono stati causati da una combinazione di fattori, ma è impreciso e fuorviante attribuire la responsabilità alla transizione verso l’energia pulita. In questo commento, forniamo una panoramica dei principali fattori alla base degli attuali…

Previsione Aumento Prezzi Energia e Rischi di Inflazione per il 2022 secondo World Bank

Previsione Aumento Prezzi Energia e Rischi di Inflazione per il 2022 secondo World Bank

I prezzi dell’energia sono aumentati nel terzo trimestre del 2021 e si prevede che rimarranno elevati nel 2022, aumentando le pressioni inflazionistiche globali e spostando potenzialmente la crescita economica verso i paesi esportatori di energia da quelli importatori. L’ultimo Commodity Markets Outlook della Banca Mondiale prevede che i prezzi dell’energia, che dovrebbero aumentare in media…

Migliori Aziende di Energia Rinnovabile nel Mondo nel 2021

Migliori Aziende di Energia Rinnovabile nel Mondo nel 2021

Con la crescente sensibilizzazione verso i cambiamenti climatici, l’economia internazionale ha concentrato gli sforzi sulla progressiva decarbonizzazione delle energie, scommettendo su nuove fonti rinnovabili. Provenienti da sole, vento, acqua o biomasse, le energie naturali rappresentano il 34% del totale europeo e circa il 12% di quello mondiale. Che sia per elettricità, riscaldamento o trasporti, investire…

Energia Idroelettrica in Italia: cos’é e come funziona

Energia Idroelettrica in Italia: cos'é e come funziona

Le energie rinnovabili rappresentano ormai il futuro del pianeta, con investimenti e sviluppi che accelerano sempre più specialmente nei mercati emergenti. La necessità è quella di diversificare le fonti d’energia per avviarsi verso la completa decarbonizzazione, aggirando i rischi d’inquinamento e surriscaldamento globale. Tra le varie fonti naturali vi è l’energia idroelettrica, rinnovabile, inesauribile e…

Energia da Idrogeno in Italia: Conviene Investire e Comprare Auto ad Idrogeno?

Energia da Idrogeno in Italia: Conviene Investire e Comprare Auto ad Idrogeno?

Le energie rinnovabili sono in ampia evoluzione, rappresentando il 34% dell’elettricità totale in Europa e una forte crescita negli ultimi anni pari al 90% dell’aumento totale. Tra queste vi è l’energia a idrogeno, proveniente dall’elemento chimico più abbondante e leggero sulla Terra, inesauribile, rinnovabile e senza impatto ambientale. L’energia all’idrogeno è impiegata come carburante alternativo…

Energia Eolica in Italia: cos’è e come funziona. Conviene investirci?

Energia Eolica in Italia: cos'è e come funziona. Conviene investirci?

Le energie da fonti naturali rinnovabili stanno avendo una forte crescita negli ultimi anni, rappresentando quasi il 90% dell’aumento di capacità totale a livello mondiale. Tra queste vi è l’energia eolica, una delle più antiche, che deriva dal soffiare del vento trasformato in energia elettrica da pale rotanti. Pulita, inesauribile e sempre disponibile, contribuisce significativamente…

Energia Solare in Italia: cos’è e come funziona in Italia

Energia solare: cos'è e come funziona in Italia

Il sole è la fonte primaria d’energia sul pianeta, rinnovabile, inesauribile e sempre disponibile. L’energia solare è utilizzata per generare energia elettrica o termica, garantendo prestazioni d’efficienza e pulizia per ogni immobile, sia domestico che industriale, ma in futuro si auspica anche per il settore automotive. Nonostante l’epidemia CoViD-19, il settore vive da anni un…

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *