Perché c’è un Aumento Bollette di Energia in questo 2021-2022

I prezzi di gas, carbone ed elettricità sono aumentati nelle ultime settimane ai livelli più alti degli ultimi decenni. Questi aumenti sono stati causati da una combinazione di fattori, ma è impreciso e fuorviante attribuire la responsabilità alla transizione verso l’energia pulita.

In questo commento, forniamo una panoramica dei principali fattori alla base degli attuali aumenti dei prezzi e delle loro conseguenze a breve termine.

Lo storico crollo del consumo energetico globale nei primi mesi della crisi del Covid-19 lo scorso anno ha portato i prezzi di molti combustibili ai livelli più bassi degli ultimi decenni. Ma da allora, hanno registrato una forte ripresa, principalmente a causa di una ripresa economica globale eccezionalmente rapida (quest’anno è sulla buona strada per la crescita post-recessione più rapida degli ultimi 80 anni ), un inverno freddo e lungo nell’emisfero settentrionale e un aumento dell’offerta più debole del previsto.

I prezzi del gas naturale hanno visto l’aumento maggiore, con i prezzi di riferimento europei e asiatici che hanno raggiunto un record storico la scorsa settimana, circa dieci volte il livello di un anno fa. I prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono più che triplicati da ottobre 2020 per raggiungere il livello più alto dal 2008. I prezzi internazionali del carbone sono circa cinque volte il livello di un anno fa e le centrali elettriche a carbone in Cina e India, i due maggiori consumatori di carbone del mondo , hanno scorte molto basse prima della stagione invernale.

I forti aumenti dei prezzi del gas naturale hanno indotto un sostanziale passaggio all’uso del carbone anziché del gas naturale per generare elettricità nei mercati chiave, tra cui Stati Uniti, Europa e Asia. L’aumento dell’uso del carbone sta a sua volta facendo aumentare le emissioni di CO2 dalla produzione di elettricità a livello globale.

I prezzi del gas e del carbone sono saliti ai massimi storici, facendo aumentare i prezzi dell’elettricità

Evoluzione dei prezzi dell’energia, 2020-2021

aumento bollette 2021 perché, aumento bollette enel 2021, aumento bollette 2022, perché aumento bollette
Immagine sopra: l’aumento bollette 2021 è dovuto all’aumento del prezzo delle materie prime energetiche

I prezzi più alti del gas e del carbone, combinati con l’aumento dei prezzi europei del carbone, hanno portato a prezzi più alti dell’elettricità. In Germania, i prezzi dell’elettricità sono balzati la scorsa settimana al livello più alto mai registrato, più di sei volte rispetto a un anno fa. In Spagna, dove la produzione di energia a gas svolge un ruolo più importante nella determinazione dei prezzi dell’elettricità, l’aumento è stato ancora maggiore. Nelle ultime settimane, una produzione eolica inferiore al previsto ha fornito un’ulteriore pressione al rialzo.

Nel frattempo, la domanda globale di petrolio continua a riprendersi dai minimi del 2020 e i prezzi alla pompa in molti paesi sono vicini o ai livelli più alti da anni. Si prevede che le aziende di tutto il mondo continueranno ad attingere alle proprie scorte di petrolio per soddisfare la domanda fino alla fine di quest’anno.

Gli aumenti dei prezzi dovrebbero tradursi in una forte pressione al rialzo sulle bollette energetiche delle famiglie e presentare anche rischi più ampi per l’attività economica, soprattutto per i settori che sono direttamente esposti agli aumenti dei prezzi. Molti governi hanno adottato misure per alleviare le bollette dell’elettricità, in particolare per i consumatori vulnerabili.

In Europa, è probabile che molte aziende debbano affrontare il doppio impatto dell’aumento dei costi energetici e di un potenziale calo della spesa dei consumatori a causa dell’aumento delle spese energetiche delle famiglie. L’aumento dei prezzi dell’energia sta già influenzando le operazioni delle industrie ad alta intensità di energia elettrica. E diverse aziende hanno temporaneamente ridotto la produzione di ammoniaca e fertilizzanti, citando il deterioramento dei margini a causa del forte aumento dei prezzi del gas.

In Cina, le rigide tariffe elettriche non hanno seguito il forte aumento dei prezzi del carbone. Di conseguenza, i produttori di energia a carbone hanno a disposizione una quantità insufficiente di carbone e si sono verificati blackout continui in due terzi delle province cinesi. Le grandi industrie ad alta intensità energetica, tra cui acciaio, alluminio e cemento, sono state indirizzate a tagliare la produzione. L’effetto sulle catene di approvvigionamento globali non è ancora chiaro. Nelle province nord-orientali di Heilongjiang, Jilin e Liaonin, anche le famiglie stanno soffrendo interruzioni di corrente, che potrebbero avere implicazioni politiche.

In India, la ripresa economica e il relativo aumento della domanda di energia stanno causando una carenza di carbone. L’estrazione di carbone interna dell’India, che rappresenta l’80% dell’offerta del paese, non è stata in grado di tenere il passo con la domanda e l’aumento dei prezzi internazionali sta rendendo antieconomiche le importazioni. Le centrali elettriche che si basano sul carbone importato hanno rallentato o addirittura interrotto le operazioni e alcune centrali che si basano sul carbone nazionale stanno iniziando a esaurirsi. Nonostante gli sforzi del governo per affrontare le carenze, diversi stati indiani hanno subito gravi carenze di energia negli ultimi giorni, colpendo sia i clienti residenziali che quelli industriali.

I consumatori e le imprese sentono la stretta

Gli attuali prezzi elevati del carbone e del gas non sono il risultato di un singolo “evento shock” dal lato della domanda o dell’offerta. Piuttosto, derivano da una combinazione di fattori di domanda e offerta che hanno gradualmente irrigidito i mercati nel corso di diversi mesi e persino anni.

Gli investimenti in petrolio e gas naturale sono diminuiti negli ultimi anni a causa di due crolli dei prezzi delle materie prime, nel 2014-15 e nel 2020. Ciò ha reso l’offerta più vulnerabile al tipo di circostanze eccezionali che vediamo oggi. Allo stesso tempo, i governi non hanno perseguito politiche sufficientemente forti per aumentare le fonti di energia pulita e le tecnologie per colmare il divario.

In questo contesto, sia la domanda di carbone che quella di gas naturale hanno registrato forti aumenti in tutti i mercati chiave nella prima metà del 2021, con il rimbalzo dell’economia globale. Le prime stime suggeriscono che il consumo di gas naturale e carbone in questi mercati chiave è aumentato rispettivamente dell’8% e dell’11% rispetto alla prima metà del 2020. Oltre alla ripresa economica, questi aumenti sono stati guidati da una serie di eventi meteorologici, compreso un freddo inverno nell’emisfero settentrionale, siccità che hanno ridotto la produzione di energia idroelettrica in Brasile e altrove e una produzione eolica inferiore alla media in Europa.

In termini di approvvigionamento, sia il gas naturale che il carbone hanno dovuto affrontare vincoli. I blocchi di Covid-19 hanno spinto alcuni lavori di manutenzione dal 2020 al 2021, che hanno pesato sull’offerta in un momento in cui la domanda si stava riprendendo. L’impatto è stato particolarmente tangibile nelle aree del Regno Unito e della Norvegia della piattaforma continentale del Mare del Nord. Inoltre, interruzioni impreviste negli impianti di liquefazione del GNL, problemi di fornitura a monte, lavori di riparazione imprevisti e ritardi nei progetti hanno ulteriormente rafforzato il mercato globale del gas. La quantità di fornitura globale di GNL interessata dalle interruzioni nei primi nove mesi del 2021 è aumentata di circa il 27% rispetto alla media dello stesso periodo per tutto il 2015-2020, con la maggior parte delle interruzioni non pianificate. La russa Gazprom, pur onorando i suoi contratti di fornitura a lungo termine, ha ridotto la propria esposizione alle vendite a breve termine e non ha rifornito i propri siti di stoccaggio in Europa ai livelli degli anni precedenti. Le forniture di gas dai giacimenti di Groningen nei Paesi Bassi, che verranno chiusi nel 2022, continuano a essere ridotte come previsto.

 

Una crisi energetica causata da una combinazione di fattori, sia dal lato dell’offerta che della domanda

Principali lavori di manutenzione e interruzioni impreviste nel 2021

aumento bollette 2021 perché, aumento bollette enel 2021, aumento bollette 2022, perché aumento bollette
Immagine sopra: spiega l’aumento bollette perchè ci sono stati vari problemi di approvvigionamento a livello mondiale

Mappa del mercato energetico

Stimiamo che la domanda di carbone in Cina sia aumentata di oltre il 10% nella prima metà del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma la produzione di carbone è aumentata di poco più del 5%, facendo salire i prezzi. Con la Cina di gran lunga il più grande consumatore di carbone del mondo e il punto di riferimento per i mercati globali del carbone, i prezzi internazionali hanno seguito quelli in Cina. Le interruzioni tra i principali esportatori – in particolare l’Indonesia, il più grande esportatore mondiale di carbone termico, e in misura minore Australia e Sud Africa – hanno spinto ulteriormente i prezzi. Anche i prezzi elevati del gas naturale, il principale concorrente del carbone nei mercati dell’energia, hanno sostenuto i prezzi del carbone.

A causa della forte crescita della domanda e dell’offerta più limitata del previsto, i livelli di stoccaggio del gas sotterraneo in Europa alla fine di settembre erano del 15% inferiori ai livelli medi quinquennali. Si prevede che i bassi livelli di stoccaggio aumenteranno ulteriormente la dipendenza dell’Europa dalle importazioni di gas durante la stagione di riscaldamento. In Brasile, la prolungata siccità ha lasciato i livelli dell’enorme bacino idrico del paese del 25% al ​​di sotto della media quinquennale all’inizio di ottobre, il che potrebbe portare a un’ulteriore domanda di importazioni di GNL nei prossimi mesi. Le prospettive per il mercato del carbone, con scorte basse in vista della stagione invernale non solo in Cina ma in tutte le principali regioni consumatrici, sono leggermente migliori.

Le attuali dinamiche di mercato (curve forward all’inizio di ottobre) suggeriscono che i parametri di riferimento europei per il gas naturale (TTF) e il carbone (carbone di Rotterdam) rimarranno elevati, con una media di 30 USD/MBtu e 190 USD/t rispettivamente durante la stagione di riscaldamento 2021-22 .

A livello globale, i fattori chiave delle dinamiche del mercato dell’energia nei prossimi mesi saranno la gravità dell’inverno nell’emisfero settentrionale, la forza delle tendenze di crescita economica e l’entità delle interruzioni impreviste della fornitura. I prezzi del gas naturale e dell’elettricità oscilleranno in Europa a seconda delle temperature, della potenza del vento e di molti altri fattori. In questo senso, le condizioni meteorologiche influenzeranno i mercati sia dal lato della domanda che dell’offerta. Queste fluttuazioni possono essere esacerbate da ridotti livelli di stoccaggio del gas naturale, poiché questi si traducono in livelli di pressione inferiori che gravano sulla capacità di prelevare gas dai siti di stoccaggio durante i periodi di forte domanda.

L’andamento della temperatura potrebbe incidere molto sul prezzo dell’energia questo inverno

È legittimo che i paesi adottino misure di emergenza come sgravi temporanei da alcune tasse o oneri per alleviare l’onere sui consumatori, in particolare i più vulnerabili, da periodi di turbolenze di mercato a breve termine. Ma queste misure dovrebbero essere attuate in modo tale da non peggiorare il contesto degli investimenti per le fonti e le tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio – come le energie rinnovabili come solare ed eolico, l’efficienza energetica, le reti elettriche, l’energia nucleare e i biocarburanti sostenibili – che sono vitali per la transizione verso sistemi energetici più puliti e resilienti come l’idrogeno.

Fonte: Agenzia Internazionale dell’Energia.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *