Nave incagliata a Suez: ecco i danni all’economia italiana ed europea

Lo spostamento di una nave portacontainer che blocca il Canale di Suez, una delle rotte commerciali più trafficate del mondo, potrebbe ritardare la consegna in Europa di circa 1 milione di tonnellate di naturale liquefatto gas (GNL) su 10 navi se il blocco dura per due settimane, ha detto il ricercatore Rystad Energy.

I funzionari del salvataggio hanno detto che potrebbero volerci settimane per risolvere la congestione sul canale, la via principale per le importazioni europee di GNL dal Medio Oriente e per alcuni carichi diretti in Asia dal Mediterraneo. ( notizie ) Il

Qatar, un importante produttore, ha spedito quasi 260 carichi di GNL in Europa nel 2020 attraverso il canale, ha detto Rystad.

“Anche se la rotta viene liberata entro una settimana, c’è una grande coda di carichi in fila per attraversare il canale”, ha detto Carlos Torres Diaz, capo dei mercati del gas e dell’energia di Rystad. “Il ritorno al flusso normale richiederà del tempo.”
C’erano tre carichi per la consegna all’inizio di aprile in attesa di mercoledì per attraversare il Mediterraneo. Almeno altri due erano nel Mar Arabico e diretti al Canale di Suez.

Nave incagliata a Suez: ecco i danni all'economia italiana ed europea
Immagine sopra: infografica sulla quantità di merce che passa per il Canale di Suez ogni anno

La nave cisterna GNL Golar Tundra ha caricato a Idku in Egitto il 21 marzo ed era in viaggio verso l’Asia, ha detto l’analista di Wood Mackenzie Lucas Schmitt.

All’ingresso sud, la petroliera Rasheeda era in attesa con una spedizione dal Qatar.

Le consegne di GNL ai sette terminali di rigassificazione spagnoli non sono ancora state interrotte, ha detto un portavoce dell’operatore di sistema Enagas.

“Nessuna nave GNL diretta in Spagna è stata colpita dalla nave bloccata nel Canale di Suez e non ci sono navi programmate per arrivare da paesi che utilizzano questa rotta nelle prossime due settimane”.

Durante l’inverno nell’emisfero settentrionale, quando la domanda di riscaldamento cresce, la congestione del Canale di Panama ha contribuito a far salire i prezzi spot del GNL in Asia a livelli record, poiché gli spedizionieri sono stati costretti a cercare rotte più lunghe e più costose.

La stagione primaverile e la rete di condutture possono aiutare a contenere un aumento dei prezzi questa volta.

Le tariffe per il noleggio sono basse – circa $ 30.000 al giorno – ma potrebbero aumentare se l’interruzione dovesse durare, ha detto Schmitt.

I caricatori potrebbero dover invertire la rotta e viaggiare intorno al Capo di Buona Speranza, o aspettare nel Mar Rosso e nel Mediterraneo che la petroliera arenata Ever Given venga rimessa a galla, ha detto mercoledì la società di consulenza Kpler.

Il viaggio da Suez all’Europa nord-occidentale dura circa nove giorni a velocità medie, ha detto Rystad. Il viaggio dal Qatar all’Europa nord-occidentale dura circa 17 giorni, ma il cambio di rotta intorno al Capo di Buona Speranza richiederebbe più di 30 giorni, ha detto l’azienda.

“Potrebbe essere un’opportunità perfetta per i produttori statunitensi per assicurarsi alcuni ordini in un momento di tale crisi delle rotte di trasporto”, ha detto Torres Diaz.

Altre notizie

Da oggi puoi comprare una Tesla con i Bitcoin

Superbonus 110% 

Recovery Fund

Elezioni USA 2020

Conseguenze economiche del coronavirus

Come combattono il virus a Taiwan 

Turismo in Italia vittima del covid

Covid-19 e globalizzazione  

Costo del coronavirus

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *