Mercati Finanziari Oggi 26 Giugno: Previsioni e Guerra Commerciale USA Cina

Martedì 26 Giugno: previsione: negativa. Le Borse della Cina sono in ribasso stamattina, mentre lo yuan si svaluta su dollaro per il quarto giorno consecutivo a 6,55. L’intervento di ieri della banca centrale di Pechino, fornisce alle aziende cinesi un sostegno in più in caso di guerra commerciale aperta con gli Stati Uniti. La Borsa di Hong Kong perde lo 0,2%, l’indice CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen è in calo dell’1%.
Il mercato azionario del Giappone è sulla parità. Lo yen, la valuta bene rifugio dell’Asia, si apprezza su dollaro per il quarto giorno consecutivo a 109,4. E’ sulla parità la Borsa dell’India.
Anche se i venti di guerra continuano a soffiare forte, non scatta la corsa ad accaparrarsi oro, al contrario: il più scambiato tra i metalli preziosi scende stamattina sui minimi da dicembre a 1.264 dollari l’oncia.
Ieri sera la Borsa degli Stati Uniti ha chiuso in forte calo, ma in risalita rispetto ai minimi della giornata. In serata, il consigliere della Casa Bianca al commercio, Peter Navarro che detto in un’intervista alla televisione che la direttiva del Tesoro di cui si parla da giorni sui giornali non contiene alcuna restrizione indiscriminata all’investimento nelle società statunitensi dell’alta tecnologia, molto di quanto è stato riportato è falso.Arrivato a perdere 500 punti, il Dow Jones, grazie alla risalita dell’ultima ora, ha chiuso con un calo di 330 punti, ovvero l’1,3%. S&P500 -1,4%. Nasdaq -2,1%. Netflix ha messo a segno la variazione negativa giornaliera più ampia degli ultimi due anni (-6,3%).Il VIX, l’indicatore della volatilità, è salito del 25% a 17,3.
Stamattina il petrolio Brent è in lieve rialzo, +0,2% a 74,9 dollari il barile. Il WTI tratta a 68,3 dollari.
Euro dollaro a 1,171.Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha negato che si tratti di una misura anti Cina, in questo modo ha però confermato che qualcosa bolle in pentola. Il Wall Street Journal scrive che alle aziende cinesi sarà impedito l’investimento nelle aziende high tech statunitensi, queste ultime non potranno esportare la loro tecnologia in Cina.

Lunedì mattina 25 Giugno, previsione: negativa. i mercati asiatici sono stati scambiati misti mentre gli investitori hanno tentato di scrollarsi di dosso le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.
Il dollaro è scivolato contro un paniere di valute, scambiando a livelli vicino a 94,49 dopo essere caduto da livelli superiori a 94,8 nella settimana precedente.
La lira turca si è rafforzata contro il dollaro, dopo le notizie che hanno riportato che il presidente Tayyip Erdogan è stato proclamato vincitore nelle elezioni presidenziali turche di domenica.

Lunedì mattina i mercati asiatici sono stati indecisi mentre gli investitori hanno tentato di scrollarsi di dosso le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. che stanno caratterizzando questo periodo.

Trump vuol frenare gli investimenti cinesi in Usa, Hong -0,2%, Tokyo -0,3% 25/06/2018

La settimana inizia in Asia con la Borsa del Giappone in calo, lo yen in apprezzamento: indice Nikkei -0,3%, cross yen dollaro a 109,5.

L’indice CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen è sulla parità, dopo un avvio un rialzo. Lo yuan si svaluta su dollaro a 6,53. Perde lo 0,3% la Borsa di Hong Kong, nonostante l’intervento della Banca del Popolo della Cina: ieri sera l’istituto centrale ha tagliato di mezzo punto percentuale il livello minimo di liquidità che le banche sono tenute a detenere come riserva. Il provvedimento, in grado di liberare circa 110 miliardi di dollari di liquidità, dovrebbe servire a tranquillizzare i mercati, sempre più intimoriti del clima di guerra commerciale aperta con gli Stati Uniti. La Borsa di Hong Kong è scesa negli ultimi giorni sui minimi da dicembre.

La situazione non è tranquilla. Ieri il Financial Times ha scritto che la Casa Bianca si prepara ad imporre dei limiti stringenti agli investimenti cinesi nelle società statunitensi della robotica, dell’aerospaziale e dell’energia, quelli che le autorità della Cina considerano a loro volta i settori strategici per il piano “Made in Cina 2020”. Bloomberg scrive stanotte che al Dipartimento al Tesoro sono al lavoro per predisporre il dispositivo, tutto basato sulla legislazione d’emergenza che scatta quando ci sono minacce alla sicurezza. La comunicazione dovrebbe essere pubblicata prima del fine settimana, una volta superate le resistenze di Steven Mnuchin, poco convinto dell’escalation.

Il dollaro è poco mosso su euro a 1,165. Il vertice informale dei paesi della zona euro di ieri a Bruxelles, pare si sia concluso ieri sera tardi senza alcuna risoluzione particolare sulla materia incandescente dell’immigrazione. Della proposta italiana di gestione dell’accoglienza si parlerà giovedì al Consiglio d’Europa.

Molto agitato il mercato del petrolio, soprattutto il Brent, il greggio del Mare del Nord perde l’1,7% a 74,2 dollari il barile, dal +3,7% di venerdì. Pare che l’Arabia Saudita sia determinata a raggiungere un incremento di un milione di barile al giorno, anche prendendosi le quote dei paesi Opec che in questo momento non sono in grado di pompare di più. Solo un lieve calo, -0,5%, per il petrolio WTI.

Cosa accadrà oggi, ci si dimenticherà della Guerra Commerciale tra USA e Cina? Probabilmente sì.

In Australia, il benchmark ASX 200 è sceso dello 0,12% a metà mattinata, mentre il settore finanziario pesantemente ponderato è sceso dello 0,8%. I principali titoli bancari erano più bassi.

Le azioni della Commonwealth Bank sono diminuite dell’1,92% a partire dalle 9:47 di HK / SIN. Prima dell’apertura del mercato, il più grande istituto di credito in Australia ha dichiarato che avrebbe avviato la gestione patrimoniale e le attività di intermediazione di mutui ipotecari e avrebbe intrapreso una revisione strategica delle sue attività di assicurazione generale, compresa una potenziale vendita. Allo stesso tempo, la banca ha anche annunciato una serie di nomine e modifiche al suo gruppo dirigente.

Mercati Finanziari Oggi 25 Giugno: Previsioni e Guerra Commerciale USA Cina

 Mercati Finanziari Oggi 25 Giugno 2018: Previsioni e andamento

Il settore energetico ha registrato un aumento dell’1,68% in quanto le riserve petrolifere sono in gran parte avanzate. La quota di Santos ècresciuta del 2,02 percento, la ricerca petrolifera è cresciuta del 2,34 percento e la Woodside Petroleum ha guadagnato l’1,69 percento.

Il Nikkei 225 giapponese è sceso dello 0,51% mentre l’ indice Topix è sceso dello 0,51%. Attraverso lo stretto coreano, la Kospi era in calo dello 0,42%. L’ indice Hang Seng di Hong Kong è stato leggermente inferiore nei primi scambi.

I mercati della terraferma cinese hanno contrastato la tendenza al ribasso al rialzo. Il composito di Shanghai ha guadagnato lo 0,26%, mentre il composito di Shenzhen ha aggiunto lo 0,63%.

Domenica, il presidente Donald Trump ha raddoppiato la sua retorica su Twitter , invitando altri paesi a porre fine a tutte le barriere commerciali o affrontare un nuovo ciclo di misure di ritorsione.

La scorsa settimana, Trump ha chiesto al rappresentante commerciale degli Stati Uniti di identificare 200 miliardi di dollari di beni cinesi per potenziali tariffe aggiuntive con un tasso del 10%. Quella minaccia seguiva i prelievi annunciati da entrambe le nazioni all’inizio del mese. Di conseguenza, Pechino ha detto che potrebbe fornire una serie di nuove contromisure.

L’incertezza su una guerra commerciale e la disputa tra i due paesi hanno spinto i mercati di tutto il mondo a fare un giro sulle montagne russe la scorsa settimana. Tuttavia, i rapporti hanno suggerito che alcuni funzionari della Casa Bianca stavano cercando di riavviare i colloqui con la Cina per evitare una vera e propria guerra commerciale.

Le basi di investimento di Buffett. Warren Buffett delinea i principali principi di investimento che pratica.
Per saperne di più

“Ciò che è chiaro dagli sviluppi del fine settimana è che il presidente degli Stati Uniti Trump difficilmente si fermerà presto sulle sue minacce tariffarie”, hanno detto gli analisti della Banca OCBC di Singapore in una nota del lunedì mattina. “I responsabili delle politiche cinesi stanno intensificando per contrastare i capricci delle tariffe con misure di stimolo interno”.

In effetti, la People’s Bank of China ha detto oggi che taglierebbe la quantità di denaro che alcune banche dovrebbero detenere come riserve di 50 punti base, rilasciando 108 miliardi di dollari in liquidità, per stimolare i prestiti alle imprese più piccole, secondo la Reuters. La banca centrale cinese ha detto che il taglio mirato entrerà in vigore il 5 luglio, secondo il rapporto.

Lo yuan on-shore è sceso contro il dollaro con la coppia scambiata a 6.5177 alle 9:57 HK / SIN, indebolendosi da un precedente massimo di 6.4999. Anche lo yuan off-shore si è indebolito nei confronti del dollaro, scambiando a 6,5273.

Altrove, il biglietto verde è scivolato contro un paniere di valute mentre l’ indice del dollaro si è scambiato a 94,49, scendendo da livelli superiori a 94,8 raggiunti nella settimana precedente. Tuttavia, l’indice è salito da un precedente minimo di sessione di 94.452.

Tra le altre coppie di valute, lo yen giapponese ha scambiato a 109,5 dollari. Il dollaro australiano ha raccolto circa $ 0,7427.

Nel frattempo, la lira turca ha scambiato a 4.6484 dollari, indebolendosi da un precedente massimo di 4.5791. Ne sono seguite le notizie secondo cui il presidente Tayyip Erdogan aveva il 56,5% dei voticon metà dei voti contati nelle elezioni presidenziali turche di domenica.

I prezzi del petrolio sono diminuiti il ​​lunedì mattina durante il commercio asiatico. Il greggio statunitense è sceso dello 0,34% a $ 68,35 al barile, mentre il benchmark globale Brent è scivolato dell’1,79% a $ 74,2.

I ministri dell’OPEC hanno annunciato oggi un accordo che aumenterà le forniture di petrolio dal cartello del petrolio, dopo una settimana di negoziati tesi a Vienna, in Austria. Il gruppo di produttori ha chiuso la produzione al fine di bilanciare il mercato e aumentare i prezzi negli ultimi 18 mesi. La mancanza di risultati chiari ha destato confusione nei mercati di sinistra.

Simbolo
Nome
Prezzo
Modificare
%Modificare
NIKKEI NIKKEI 22.434,06 -82,77 -0.37%
HSI HSI 29.179,93 -158,77 -0.54%
ASX 200 S & P / ASX 200 6.212,00 -13,20 -0.21%
SHANGHAI Shanghai 2.893,51 3.75 0,13%
KOSPI Indice KOSPI 2.349,94 -7,28 -0,31%
CNBC 100 CNBC 100 ASIA IDX 8.374,29 -47,63 -0.57%

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *