Guerra del Petrolio: Perchè Petrolio (e Benzina) Aumenteranno Ancora

La benzina alla pompa arriverà a oltre 2 euro al litro e supererà i 100 dollari al barile, ha detto un’esperto del settore intervistato stamattina.

In guerra ed in amore è tutto lecito, dice un proverbio e Putin sta utilizzando il petrolio della Russia come un’arma; come?

Non producendone più, o quanto meno tagliando notevolmente la sua produzione, in accordo con l’Arabia Saudita e altri paesi OPEC+

Ricordiamoci una cosa però: il prezzo della benzina è così alto perchè è salito il prezzo del petrolio, visto che le accise sono identiche a quando il petrolio costava poco più di 1 euro.

perchè c'è un continuo aumento del prezzo del petrolio
Sopra: lo storico dei prezzi del petrolio a questo va sempre aggiunto che il petrolio si paga in dollari e oggi l’euro è pi ù debole del dollaro rispetto ad un paio di anni fa

La guerra del petrolio l’occidente la sta perdendo: come siamo arrivati a questi prezzi

  1. L’invasione Ucraina del Febbraio 2022 ha rivoluzionato tutti gli equilibri geopolitici mondiali e ha influito pesantemente sull’economia e la Nostra vita di tutti i giorni, senza parlare ovviamente degli abitanti dell’Ucraina, ci sono stati talmente tanti avvenimenti che hanno cambiato le prospettive dell’economia mondiale che è anche difficile fare un riassunto.
  2. Nel 2019-2020 è arrivato il Covid
  3. Molti governi hanno deciso per i lockdown
  4. Imprese e cittadini sono stati mesi senza lavorare
  5. Il prezzo del petrolio è sceso così tanto che alla fine i produttori pagavano per darlo via in quanto avevano i magazzini pieni e non sapevano dove metterlo
  6. Le produzioni industriali sono state ferme per mesi e il sistema delle catene di approvvigionamento si è praticamente bloccato. Tutti ricorderete che per comprare un’auto nuova serviva aspettare fino a 18 mesi in quanto i microchip componenti essenziali per le nuove auto semplicemente non esistevano più in quanto le sole fabbriche che li producevano erano in Cina e in alcuni posti della Cina il lockdown è durato praticamente 18 mesi di fila, per poi ricominciare in qualche caso. Una gestione folle di questa pandemia.
  7. Nel frattempo nei paesi dove c’è stato un lockdown forato per molte settimane come ini Italia o negli altri paesi dell’Europa e in America i governi centrali hanno dovuto dare ristori e stipendi alle persone che non potevano lavorare “stampando” diciamo così moneta.
  8. Poi le fabbriche hanno ripreso a funzionare ma a quel punto mancavano le materie prime o alcuni componenti fondamentali-
  9. Per questo motivo sono iniziati a salire i prezzi delle materie prime.
  10. Putin, vedendo l’occidente in difficoltà economiche e pensando che anche a livello politico non fossimo così uniti invase l’Ucraina a fine febbraio 2022, scatenando sanzioni da parte dell’occidente dei suoi 2 principali beni di esportazione: gas e petrolio.
  11. Anche se le sanzioni non potevano essere per il 100% delle importazioni occidentali di gas e petrolio russo, il prezzo di questi beni, insieme al fatto che erano ripartite tutte le società occidentali è arrivato al suo massimo storico intorno ai 130 dollari al barile.
  12. Il cambio Euro/Dollaro finora molto conveniente per Noi europei è diventato negativo e ora un dollaro costa molto più di prima e il petrolio si paga in dollari.
  13. Il prezzo del petrolio infine si è abbassato sui 67 dollari a giugno e ha ripreso un rally che ancora non è finito e che supererà i 100 dollari al barile il che significa la benzina a più di 2 euro al litro alla pompa, ma perchè?

 

Guerra del Petrolio: Perchè la Benzina Aumenterà Ancora

Russia e Arabia Saudita hanno tagliato la produzione ad inizio Luglio 2023, perchè?

La Russia e l’Arabia Saudita hanno dichiarato il taglio della produzione di petrolio ad inizio Luglio 2023, da lì i prezi sono iniziati a salire, ma perchè questo taglio?

Sicuramente è per far aumentare il prezzo del petrolio che stava scendendo.

Questa è la prima e fondamentale ragione, almeno per gli arabi, ma per i russi?

La Russia inizia a trovarsi in difficoltà economica dall’inizio della guerra aveva subito pochi danni dalle sanzioni occidentali, ma ora l’inflazione si fa sentire ed è arrivata al 15%.

Onestamente non sappiamo dire che Putin ( è solo lui che decide sia la politica estera che interna che economica della Russia) ha come obiettivo di guadagnare di più dal minor petrolio che esporta o se pensa che così facendo mette in difficoltà tutta l’economia occidentale e quindi la fiducia dei cittadini occidentali verso i proprio governi e quindi minare il nemico dall’interno.

Forse ha tutti e due gli scopi.

La Russia viene o sopravalutata dai putiniani, o peggio, viene sottovalutata da tanti – troppi – analisti e commentatori occidentali.

La Russia facendo questo accordo con l’Arabia Saudita, uno dei grandi produttori di petrolio che in teoria dovrebbe essere più fedele agli Stati Uniti che alla Russia ha messo in scacco tutto il sistema di approvvigionamento di petrolio occidentale.

Anche gli Stati Uniti che hanno regolamenti interni piuttosto severi hanno dovuto diminuire le esportazioni in quanto devono tenere enormi riserve di petrolio “strategiche” per i loro bisogni, anche per l’enorme apparato militare in caso di qualche nuovo conflitto ( leggi Singapore e Cina) .

Togliere le accise? Sarebbe bello, se non fosse che …

L’italiano medio pensa che basterebbe togliere le accise sulla benzina per risolvere il problema.

D’altronde si tratta di quasi 1 euro al litro di tasse, sarebbe perfetto.

Questo perchè PER ANNI politici di tutti i colori hanno messo in giro questa favola: “Se mi votate taglio le accise”

Se non fosse che si tratta di 40 miliardi di euro che servono per pagare pensioni, stipendi statali, scuole, ospedali.

Se si tagliano 40 miliardi di euro di entrate all’anno o si fanno nuovamente più debiti oppure si tagliano i servizi e NESSUNO vuole tagliare i servizi.

ARTICOLI CORRELATI

Bonus Benzina 2023: requisiti come richiederlo

bonus benzina, come avere il bonus benzina

Dal 1 gennaio benzina e diesel sono aumentati e potrebbero continuare a farlo ancora durante il resto dell’anno, dopo che il Governo Meloni ha cancellato lo sconto sulle accise. Esiste però un Bonus Benzina che permette di ammortizzare le spese, che scopriremo nell’articolo di oggi capendo cos’è e chi ne ha diritto. Introdotto dal Governo…

10 Problemi con le Auto Elettriche e Divieto UE Auto Benzina/Gasolio nel 2035

10 Problemi Auto Elettriche e Divieto UE Auto Benzina/Gasolio nel 2035

Tutti Noi siamo d’accordo ad inquinare meno, d’altronde ormai è dimostrato che il riscaldamento globale è dovuto anche alle emissioni di CO2 che l’uomo fa nell’atmosfera con motori termici di auto, camion, moto, navi, aerei, e centrali a carbone, gas, petrolio. Per questo motivo l’Unione Europea ha pensato di vietare la produzione di auto a…

Quanto Guadagna un Benzinaio? Mansioni, Stipendi, Fatturato

Quanto Guadagna un Benzinaio? Mansioni, Stipendi, Fatturato

Davanti al rialzo dei prezzi dei carburanti portato dalla guerra Russia-Ucraina è una domanda che ormai tutti si pongono: quanto guadagna un benzinaio? Oggi lo scopriremo insieme, valutando i fatturati dei gestori e gli stipendi degli operatori e quanto su questi ultimi grava la situazione attuale. Una figura imprescindibile per chiunque abbia un’automobile o un…

Ferrari Presenta la SF90 Spider Ibrida, la Nuova Elettrica e Benzina

Ferrari Presenta la SF90 Spider Ibrida, la Nuova Elettrica e Benzina

La scorsa settimana Ferrari NV  ( BIT: RACE ) ha presentato il suo nuovo modello SF90 Spider. Cosa è successo:  La casa automobilistica di lusso italiana sta rilasciando la versione convertibile della sua ibrida SF90 Stradale, il secondo veicolo nella sua gamma di modelli elettrificati, ha annunciato la società . Il modello hard top retrattile include un motore a combustione a…

Auto Ibride o a Benzina? Vantaggi e Svantaggi

Auto Ibride o a Benzina? Vantaggi e Svantaggi

Piero deve cambiare la macchina ma non sa se comprare un auto ibrida o a benzina. Voi cosa fareste? Ecco i vantaggi e gli svantaggi di comprare un’auto ibride o ad alimentazione a benzina. Il 2019 è l’anno di svolta per il mercato dell’auto, grazie all’introduzione dell’ecotassa che penalizza chi vuole comprare un’auto che abbia emissioni inquinanti…

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.