Tatuaggi in Viso: Perchè Non Devi Farli ( Mai )

Non c’è nessuna legge che ti impedisce di farti i tatuaggi in faccia, come non esiste nessuna legge che impedisce ad un datore di lavoro di assumerti se hai dei tatuaggi in viso. Questo è l’assunto che dovresti tenere in considerazione ogni volta che pensi di farti un tatuaggio sul viso.

Tatuaggi in Viso: Perchè Non Devi Farli
Tatuaggi in Viso: Perchè Non Devi Farli

La legge sui tatuaggi su minori in Italia

La legge italiana impedisce di fare tatuaggi ad un minore. Però è un regolamento che può cambiare da regione a regione. In alcune regioni è vietato del tutto fare tatuaggi a minori di 14 anni, mentre è consentito farli ai minori se accompagnati dai genitori o dal tutore o comunque se questi sono informati ed hanno approvato.

Invece se sei maggiorenne puoi farti tranquillamente ogni tipo di tatuaggio che richiedi ( sempre che trovi disponibile chi te lo fa). Ma veniamo alla ragione dell’articolo e del perchè non bisogna fare tatuaggi sul viso.

Perchè alle aziende non piacciono persone con tatuaggi sul viso

Perchè come potrete leggere sotto quella dei tatuaggi sul viso è una tradizione dei carcerati o di affiliati alle gang americane.

Anche se sei la persona più brava, buona e rispettosa del mondo, questo i clienti della ditta non lo sanno e potrebbero spaventarsi se ti vedono e non servirsi più da quella ditta. Proprio per questo motivo molte aziende escludono chi ha tatuaggi troppo vistosi dai loro dipendenti.

 

Perchè non devi fare un tatuaggio in viso

Ci sono diverse ragioni per cui potrebbe non essere consigliabile fare un tatuaggio sul viso. Ecco alcuni fattori da considerare:

  1. Impatto Professionale: In molti ambienti di lavoro, i tatuaggi visibili, specialmente quelli sul viso, possono essere malvisti o addirittura vietati. Nonostante l’accettazione dei tatuaggi sia cresciuta negli ultimi anni, ci sono ancora molte professioni che richiedono un aspetto “neutro” e professionale.
  2. Percezione Sociale: La società ha delle percezioni e dei pregiudizi che possono influire sulla tua interazione con gli altri. Un tatuaggio sul viso può essere percepito in modo negativo da alcune persone e potrebbe influenzare la tua vita sociale.
  3. Impatto sulla Carriera di Moda o di Attore: Se sogni di intraprendere una carriera come modello o attore, un tatuaggio sul viso potrebbe limitare le opportunità di lavoro.
  4. Il dolore: La pelle del viso è particolarmente sensibile, quindi farsi tatuare sul viso può essere molto doloroso.
  5. Rimozione dei Tatuaggi: Se in futuro decidi di rimuovere il tatuaggio, il processo può essere costoso, doloroso e potrebbe non rimuovere completamente il tatuaggio, lasciando cicatrici o sfumature di colore.
  6. Invecchiamento della Pelle: Col passare del tempo, la pelle invecchia e cambia, e così farà il tuo tatuaggio. Un design che ora sembra buono potrebbe non apparire allo stesso modo in futuro.
  7. Rischi per la Salute: Sebbene rari, ci sono rischi per la salute associati ai tatuaggi, come infezioni e reazioni allergiche. Questi rischi potrebbero essere particolarmente preoccupanti quando si tratta del viso, dato che è una zona molto esposta e sensibile.

Infine, è importante ricordare che un tatuaggio è permanente e il viso è una parte molto visibile del corpo. Prima di prendere una decisione del genere, è importante riflettere a lungo e consultarsi con un professionista esperto.

Cosa sono i tatuaggi

I tatuaggi sono una forma di espressione personale e di decorazione del corpo che esiste da migliaia di anni. Nonostante la percezione e la funzione dei tatuaggi siano cambiate nel tempo e varino in base alla cultura, il tatuaggio rimane una pratica comune in tutto il mondo.

  1. Antica Storia: Il più antico esempio conosciuto di tatuaggio umano è l’Uomo del Similaun, un corpo mummificato scoperto nelle Alpi italiane datato al 3300 a.C. Aveva più di 60 tatuaggi sul corpo. Inoltre, antichi Egizi e Nubiani usavano il tatuaggio come rito religioso o come forma di medicina.
  2. Cultura Polinesiana: La parola “tatuaggio” deriva dal termine samoano “tatau”, che significa “segnare”. La pratica del tatuaggio era molto diffusa in queste culture e serviva a segnare il passaggio all’età adulta, la posizione sociale o la competenza in battaglia.
  3. Giappone: I tatuaggi sono stati parte della cultura giapponese per secoli. All’inizio, erano associati a rituali spirituali e di status. Tuttavia, nel periodo Edo (1600-1868), i tatuaggi divennero associati ai criminali e ai fuorilegge, creando un’associazione negativa che persiste ancora oggi.
  4. Europa Medievale e Moderna: Durante il Medioevo e l’Età Moderna in Europa, i tatuaggi erano spesso associati alla criminalità o alla servitù. Tuttavia, nel 18° secolo, il capitano James Cook tornò dal suo viaggio nel Pacifico Sud con tatuaggi, iniziando una moda tra i marinai europei.
  5. Tatuaggi nei Tempi Moderni: Nel 20° secolo, i tatuaggi divennero popolari tra vari gruppi, come i militari, i motociclisti e i punk. A partire dagli anni ’90 e 2000, i tatuaggi sono diventati molto più mainstream e accettati dalla società, anche se esistono ancora pregiudizi in alcuni settori.
  6. Oggi: Oggi, le persone si fanno tatuaggi per molte ragioni, tra cui l’autodescrizione, l’arte, la commemorazione di persone o eventi, o come simboli di appartenenza a gruppi o comunità. La tecnologia dei tatuaggi ha anche fatto grandi progressi, con inchiostri più sicuri, attrezzature più pulite e tecniche più precise.

La storia dei tatuaggi è ricca e varia, con significati e usi che cambiano nel tempo e nello spazio. Dalle antiche pratiche ritualistiche alle moderne forme di espressione personale, i tatuaggi rimangono una parte importante dell’esperienza umana.

I tatuaggi con frasi o parole scritte

I tatuaggi di parole o frasi sono una forma molto popolare di tatuaggio. Come molte altre forme di tatuaggio, i tatuaggi di parole hanno una storia lunga e variegata.

  1. Origini Antiche: I tatuaggi di parole, come molte altre forme di tatuaggio, hanno origini antiche. Per esempio, i tatuaggi in greco antico sono stati trovati su mummie egizie che risalgono al 200 a.C. Molte di queste erano frasi o parole, spesso con significati religiosi o magici.
  2. Medioevo e Rinascimento: Durante il Medioevo e il Rinascimento, i tatuaggi a forma di parole erano meno comuni in Europa, ma esistevano ancora. Spesso erano usati per marcare i criminali con parole che indicavano i loro crimini. Inoltre, durante le crociate, alcuni cavalieri si facevano tatuare parole religiose o simboli sul corpo come segno di fede.
  3. Tatuaggi di Parole in Asia: In Asia, i caratteri calligrafici sono stati usati nei tatuaggi per secoli. In Giappone, i tatuaggi Kanji (caratteri giapponesi che derivano dai caratteri cinesi) sono molto popolari e possono rappresentare parole o concetti. In Cina, i tatuaggi di parole possono essere usati per esprimere ideali filosofici o sentimenti personali.
  4. Tatuaggi di Parole Moderni: Nei tempi moderni, i tatuaggi di parole sono diventati molto popolari. Le persone si fanno tatuare nomi, date significative, citazioni ispiratrici, parole straniere che hanno un significato speciale per loro, e molto altro. Questi tatuaggi sono spesso visti come un modo per esprimere la propria identità o commemorare persone, luoghi o eventi importanti.

In conclusione, i tatuaggi a forma di parole hanno una lunga storia e sono stati usati in molte culture diverse per esprimere una varietà di significati. Allo stesso modo, oggi le persone usano i tatuaggi di parole per esprimere un’ampia gamma di idee e sentimenti personali.

tatuaggi in faccia
tatuaggi in faccia

La moda dei tatuaggi in faccia

I tatuaggi sul viso hanno una lunga storia e possono essere riscontrati in molte culture diverse, anche se negli ultimi anni sono diventati più evidenti nel mainstream, in particolare nelle culture della musica rap e hip-hop. Ecco una breve panoramica:

Storia:

Il tatuaggio del viso è una pratica antica in molte culture. Ad esempio, i Maori della Nuova Zelanda praticano da secoli il “Ta Moko”, un tatuaggio facciale tradizionale che indica lo status sociale e personale. Simili pratiche di tatuaggi sul viso possono essere trovate nelle tribù dell’Alaska, del Canada, dell’Africa e in altre culture indigene.

Chi li porta:

Nel 21° secolo, i tatuaggi facciali sono diventati comuni tra alcune subculture, in particolare tra i musicisti rap e hip-hop. Artisti famosi come Post Malone, Lil Wayne, 6ix9ine e altri hanno adottato questa tendenza. Questi tatuaggi possono rappresentare vari elementi, tra cui affiliazioni di gang, esperienze di vita, ideologie o semplicemente espressioni artistiche.

Perché:

Il motivo per cui qualcuno sceglie di farsi un tatuaggio sul viso può variare enormemente. Per alcuni, si tratta di una forma di espressione personale estrema. I tatuaggi sul viso sono molto visibili e permanenti, e scegliere di averne uno può essere un modo per comunicare un forte impegno per un’identità, un gruppo o un’idea.

In alcune subculture, i tatuaggi sul viso possono anche servire come segni di status o come simboli di una particolare esperienza di vita o di un’ideologia. Per esempio, nei contesti della musica rap o hip-hop, possono essere usati per rappresentare l’affiliazione a una particolare gang, o per simbolizzare le difficoltà e le sfide che l’artista ha dovuto superare.

Infine, è importante notare che, nonostante la crescente visibilità dei tatuaggi sul viso, rimangono una scelta controversa e possono avere implicazioni significative per l’occupabilità, la percezione sociale e altre aspetti della vita di una persona. Prima di scegliere di farsi un tatuaggio sul viso, è importante riflettere attentamente sulle potenziali conseguenze a lungo termine.

Rimozione dei tatuaggi in viso: tutto quello che non volevi sapere

La rimozione dei tatuaggi, sia sul viso che su altre parti del corpo, è un processo che deve essere intrapreso con cautela, dato che comporta rischi e potenziali complicazioni. Ecco alcuni aspetti importanti da considerare:

  1. Questioni Sanitarie: La rimozione dei tatuaggi è un processo medico che richiede l’intervento di un professionista qualificato. I metodi più comuni per la rimozione dei tatuaggi includono il laser, la dermoabrasione e l’escissione chirurgica, tutti con i loro rischi specifici. I rischi includono infezioni, iperpigmentazione o ipopigmentazione (cioè la pelle diventa più scura o più chiara del normale), cicatrici e, nel caso della rimozione laser, la possibilità di danni alla vista se non vengono adottate misure di protezione adeguate durante la rimozione dei tatuaggi sul viso.
  2. Costi: La rimozione dei tatuaggi può essere costosa. Il costo varia a seconda della dimensione, del colore e della posizione del tatuaggio, così come il numero di sedute richieste per rimuoverlo completamente. Per un tatuaggio di dimensioni medie, i costi possono variare da qualche centinaio a diverse migliaia di euro. La rimozione dei tatuaggi sul viso potrebbe costare di più a causa della delicatezza e della precisione necessarie.
  3. Pericolosità: Se la rimozione del tatuaggio non viene eseguita correttamente, ci possono essere conseguenze serie. Oltre ai rischi di infezione e cicatrici già menzionati, l’uso improprio del laser può portare a ustioni, alterazioni del colore della pelle e, se vengono tatuati gli occhi, a danni alla vista. Per questo motivo, è essenziale scegliere un professionista qualificato e con esperienza per la rimozione dei tatuaggi.

In generale, se stai considerando la rimozione di un tatuaggio, è importante fare la tua ricerca e consultare un professionista. Lui o lei può spiegarti il processo, discutere i potenziali rischi e benefici, e aiutarti a decidere se la rimozione del tatuaggio è la scelta giusta per te.

molte persone, una volta che raggiungono la maturità si pentono dei tatuaggi sul viso che rappresentano cose che li rappresentavano un tempo, ma che oggi non li rappresentano più; è quello il motivo principale per cui se li fanno togliere. impresa non solo costosa e pericolosa ma che di solito viene male in quanto la pelle trattata con il laser spesso si rovina e la “cancellazione” si riconosce, come si riconosce la cancellazione di una gomma su un foglio.

Una cosa orribile ed antiestetica.

Quindi perchè arrabbiarsi quando si può evitare di farli?

ARTICOLI CORRELATI

 

Quanto Costa un Tatuaggio su Spalla, o Polso o Coscia?

Quanto Costa un Tatuaggio su Spalla, o Polso o Coscia?

Un segno importante per chi sceglie di decorare la propria pelle. Un tatuaggio è un simbolo indelebile che rappresenti qualcosa di significativo per la propria vita. Mentre in passato era strettamente legato al credo religioso o alle esperienze di vita, ora è una cosa più normale e permissiva alla portata di tutti, soprattutto di chi…

Anello Romano di Epoca Imperiale venduto a 150 mila $

Anello Romano di Epoca Imperiale venduto a 150 mila $

L’antico anello decorato con l’immagine dell’imperatore romano viene venduto all’asta a quasi 600 volte il prezzo previsto L’anello antico è realizzato in granato con un intricato intaglio di Augusto, primo imperatore dell’antica Roma Un anello di granato di 2000 anni dell’antica Roma che si ritiene contenga un’immagine del primo imperatore romano è stato venduto a

Come Diventare Tatuatore e Quanto si Guadagna

quanto guadagna un tatuatore

Quanto guadagna un tatuatore, oggi e quali scuole bisogna frequentare per diventare tatuatore?  Molti ragazzi oggi, vorrebbero intraprendere questa professione, un lavoro artistico che può dare molte soddisfazioni sotto l’aspetto personale, ma l’aspetto economico? Qual’è lo stipendio, quanti soldi si guadagnano facendo un tatuaggio? Ci sono delle scuole particolari da frequentare, dei corsi indetti dalla…

Gioielli Corona Inglese vs Gioielli Corona Italiana: Valore, Furto, Dove Sono

Gioielli della Corona Inglese vs. Gioielli Corona Italiana: Valore, Furto, Dove Sono

I gioielli della Corona Inglese, noti anche come Gioielli della Corona del Regno Unito, sono una collezione di oggetti simbolici e cerimoniali utilizzati dalla monarchia britannica. I gioielli sono conservati nella Torre di Londra e vengono utilizzati durante le cerimonie ufficiali, come l’incoronazione e la cerimonia annuale dello Stato d’apertura del Parlamento. Ecco un elenco…

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *