Tassi di Interesse Negativi: Cosa Significa e come Funzionano

Cosa sono i tassi di interesse negativi?
I tassi di interesse negativi si riferiscono a uno scenario in cui i depositi in contanti comportano un addebito per lo stoccaggio presso una banca, piuttosto che ricevere interessi attivi. Invece di ricevere denaro sui depositi sotto forma di interessi, i depositanti devono pagare regolarmente per mantenere i loro soldi con la banca. Questo sistema ha lo scopo di incentivare le banche a prestare denaro più liberamente.

 

Perchè oggi esistono questo tipo di tassi di interesse? 

Con tassi di interesse negativi, i contanti depositati presso una banca generano una commissione di archiviazione, piuttosto che l’opportunità di guadagnare interessi attivi.
Tassi di interesse negativi potrebbero essere visti durante periodi deflazionistici in cui le persone o le istituzioni sono inclini a accumulare denaro, piuttosto che a spenderlo o prestarlo.
Il tasso di interesse negativo è pensato per essere un incentivo per le banche a concedere prestiti durante un periodo in cui preferirebbero aggrapparsi ai fondi.

Correlati >> TAN e TAEG cosa sono questi acronimi.

Tassi di Interesse Negativi: Cosa Significa come Funzionano sul Conto Corrente
Come funziona un tasso di interesse negativo?

Mentre i tassi di interesse reali possono essere effettivamente negativi se l’inflazione supera il tasso di interesse nominale, il tasso di interesse nominale era stato teoricamente limitato da zero. I tassi di interesse negativi sono spesso il risultato di uno sforzo disperato e critico per stimolare la crescita economica attraverso mezzi finanziari.

Tassi di interesse negativi possono verificarsi durante periodi deflazionistici in cui persone e aziende detengono troppi soldi invece di spendere. Ciò può comportare un forte calo della domanda e inviare prezzi ancora più bassi. Spesso, una politica monetaria allentata viene utilizzata per affrontare questo tipo di situazione. Tuttavia, con ancora forti fattori di deflazione, la semplice riduzione del tasso di interesse della banca centrale a zero potrebbe non essere sufficiente per stimolare la crescita del credito e dei prestiti.

In un contesto di tassi di interesse negativo, viene influenzata un’intera zona economica poiché il tasso di interesse nominale scende al di sotto dello zero e le banche e le altre aziende devono pagare per conservare i propri fondi presso la banca centrale, piuttosto che guadagnare interessi attivi.

Comprensione di un’economia con tassi di interesse negativi

Un contesto di tassi di interesse negativi è in vigore quando il tasso di interesse nominale scende al di sotto dello zero per cento per una specifica zona economica, il che significa che le banche e le altre società finanziarie dovrebbero pagare per mantenere le loro riserve in eccesso presso la banca centrale anziché ricevere proventi da interessi positivi.

Una politica dei tassi di interesse negativi (NIRP) è un insolito strumento di politica monetaria in cui i tassi di interesse target nominali sono fissati con un valore negativo, al di sotto del limite inferiore teorico dello zero percento.

Esempio reale di un tasso di interesse negativo

Negli ultimi anni, le banche centrali in Europa, Scandinavia e Giappone hanno attuato una politica dei tassi di interesse negativi (NIRP) sulle riserve bancarie in eccesso nel sistema finanziario. Questo strumento di politica monetaria non ortodossa è progettato per stimolare la crescita economica attraverso la spesa e gli investimenti, poiché i depositanti sarebbero incentivati ​​a spendere denaro piuttosto che conservarlo in banca e subire una perdita garantita.

Non è ancora chiaro se questa politica abbia funzionato in questi paesi nel modo in cui era intesa e se i tassi negativi si siano estesi con successo oltre le riserve di liquidità in eccesso nel sistema bancario ad altre parti dell’economia.

 

Conseguenze dirette dei tassi negativi sui Nostri conti correnti e risparmi.

Per il momento , in Italia questo tipo di politica finanziaria ancora non ha preso molto piede nelle banche, specialmente quelle più piccole, ma le conseguenze in realtà già si possono vedere, cioè diminuiscono gli interessi positivi sui depositi liquidi, fin quasi arrivando allo 0% e stanno aumentando le spese di tenuta del conto, fino ad arrivare a prezzi molto alti. Se ci fate caso, sempre meno banche offrono conti correnti a costo zero, una delle più famose banche che offrivano C/C a costo 0, cioè Fineco proprio dal 2020 farà pagare per aprire e gestire un conto corrente online.

Nozioni di economia 

Anarco Capitalismo

Gold Standard

EBIT Definizione 

Too Big To Fail

Miracolo economico in Italia 

Crollo dei Mercati finanziari

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *