Previsioni Economia Globale e Mercati Azionari Maggio 2023

Principali notizie sull’economia: la Fed statunitense potrebbe aumentare il tasso di interesse finale del 2023 a maggio; L’economia cinese prende velocità, ma i rischi globali sollevano sfide per le prospettive; La Gran Bretagna è l’unica grande nazione sviluppata con un’inflazione a due cifre.

Previsioni Economia Globale e Mercati Azionari Maggio 2023
Previsioni Economia Globale e Mercati Azionari Maggio 2023

1. È probabile che la Fed statunitense effettui un aumento dei tassi di interesse di 25 punti base, quindi si fermerà per il resto dell’anno

La Federal Reserve statunitense consegnerà un ultimo aumento dei tassi di interesse di 25 punti base a maggio e poi manterrà i tassi stabili per il resto del 2023, secondo un sondaggio di economisti Reuters. Il sondaggio ha anche mostrato che quest’anno è probabile una recessione statunitense breve e poco profonda.

La Federal Reserve ha aumentato rapidamente i tassi e l’impatto potrebbe finalmente essere visibile nei numeri dell’inflazione. Ma i dati recenti hanno messo in dubbio questo progresso
La Fed sembra avvicinarsi alla fine del suo ciclo di rialzi dei tassi.

Le preoccupazioni per una recessione economica, evidenziate anche dalla Fed nella riunione politica del 21-22 marzo, e le preoccupazioni per lo stress del settore bancario hanno incoraggiato i mercati a scontare un taglio di almeno 25 punti base entro la fine del 2023.

Ma un taglio dei tassi sembra meno probabile rispetto a tassi più alti a fronte di un’inflazione che sta superando di gran lunga il doppio dell’obiettivo del 2% della Fed, della continua forza del mercato del lavoro e di un significativo allentamento dello stress del settore bancario nelle ultime settimane.

I rendimenti dei Treasury statunitensi a due anni, che in genere riflettono le aspettative sui tassi di interesse a breve termine, sono aumentati di quasi 75 punti base nell’ultimo mese poiché i dati ancora solidi hanno ridotto la prospettiva di tagli dei tassi.

“Sul fronte dei dati, nonostante il rallentamento dell’inflazione a marzo, c’è ancora molto lavoro da fare per tornare all’obiettivo del 2%”, ha affermato Michael Gapen, capo economista statunitense di BofA Securities.

2. L’economia cinese prende velocità, ma i rischi globali sollevano sfide per le prospettive

L’economia cinese è cresciuta a un ritmo più veloce del previsto nel primo trimestre, poiché la fine dei severi limiti del COVID ha sollevato aziende e consumatori dalle paralizzanti interruzioni della pandemia, sebbene i venti contrari da un rallentamento globale puntino a un percorso accidentato.

Più di un anno di inasprimento della politica monetaria globale per frenare l’inflazione ha intaccato la crescita economica mondiale, lasciando molti paesi, inclusa la Cina, dipendenti dalla domanda interna per stimolare lo slancio e sollevando la sfida per i politici alla ricerca della stabilità post-COVID.

Il PIL è cresciuto del 4,5% nel primo trimestre, battendo la previsione del 4% degli analisti in un sondaggio Reuters.
L’economia cinese è cresciuta più velocemente del previsto nel primo trimestre.
Immagine: grafica Reuters
Il PIL cinese è cresciuto del 4,5% su base annua tra gennaio e marzo, secondo i dati del National Bureau of Statistics. Questo è in aumento rispetto al 2,9% nel trimestre precedente. Ha anche battuto le previsioni degli analisti per un’espansione del 4,0% e ha segnato la crescita più forte in un anno.

Un rimbalzo dell’economia cinese è ancora visto come la chiave per la crescita globale quest’anno, poiché le nazioni sviluppate sono ostacolate da un’inflazione costantemente elevata, tassi di interesse in aumento e una lenta espansione post-pandemia e dall’invasione russa dell’Ucraina.

3. Notizie in breve: Storie di economia da tutto il mondo

  • La Gran Bretagna è ora l’unica grande nazione sviluppata con tassi di inflazione a due cifre . La sua inflazione annuale dei prezzi al consumo è scesa al 10,1% il mese scorso, ma ha sfidato le previsioni di un calo maggiore rispetto al 10,4% di febbraio dopo un aumento record dei prezzi del pane, ha affermato l’Office for National Statistics.
  • Il governo tedesco dovrebbe aumentare leggermente le sue previsioni di crescita economica per quest’anno allo 0,4% rispetto allo 0,2% previsto in precedenza, hanno detto a Reuters due fonti. Per il 2024, il governo abbasserà leggermente la sua previsione, all’1,6% dall’1,8% previsto a gennaio, affermano le fonti.
  • È probabile che i tassi di interesse tornino ai livelli pre-pandemici quando l’inflazione sarà domata
    L’inflazione alimenta l’interesse nelle economie avanzate
  • Il nuovo capo della Banca del Giappone, Kazuo Ueda, non inizierà a sciogliere la sua politica ultra accomodante alla riunione della banca del 27-28 aprile, ha affermato quasi il 90% degli economisti intervistati da Reuters. La possibilità di una modifica a sorpresa alla prima revisione del tasso di Ueda sembra essersi attenuata dopo che ha affermato che i cambiamenti non avverranno rapidamente a causa delle turbolenze bancarie occidentali e dei timori di un rallentamento economico globale.
  • La banca centrale argentina ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di 300 punti base, all’81% rispetto alle attese, dopo che l’inflazione ha superato le aspettative a marzo, raggiungendo il 104% su base annua. I dati sull’inflazione di marzo si sono attestati al 7,7%, il livello mensile più alto degli ultimi due decenni.
  • La banca centrale australiana dovrebbe avere un nuovo consiglio specializzato per gestire la politica monetaria . Conferirà ai membri esperti indipendenti maggiori responsabilità nella fissazione dei tassi di interesse, segnando una diluizione del potere tradizionale della banca sulla politica.
  • È probabile che la crescita economica della Russia per il 2023 si collochi nella fascia più alta dell’intervallo previsto dalla banca centrale, compreso tra meno 1% e 1%, ha dichiarato il vice governatore della banca centrale Alexei Zabotkin in un’intervista alla TV di stato. L’economia russa è diminuita del 2,1% nel 2022 sotto la pressione delle sanzioni occidentali e delle ricadute della sua campagna militare in Ucraina.
  • I governi e le banche centrali devono abbracciare la necessità di una riforma più profonda, piuttosto che impiegare misure monetarie e fiscali rapide ogni volta che si verifica una recessione , ha avvertito il capo della Banca dei regolamenti internazionali Agustín Carstens. Queste misure non fanno altro che alimentare l’inflazione o generare instabilità finanziaria, ha riferito il Financial Times .

4. Maggiori informazioni su investimenti in azioni, finanza ed economia su Agenda

Mentre i tassi di interesse nelle economie avanzate hanno iniziato a salire, l’inflazione dilagante ha diminuito i profitti potenziali, affermano gli esperti. Nel suo ultimo rapporto, il FMI prevede che i tassi di interesse reali nelle economie avanzate torneranno ai livelli pre-pandemia una volta domata l’inflazione . Questo significa meno soldi sulle azioni e più su investimenti più sicuri come obbligazioni ed oro.

Il recente crollo della Silicon Valley Bank è derivato dal calo dei valori delle attività con l’aumento dei tassi di interesse, noto come rischio di tasso di interesse . Le banche centrali potrebbero subire pressioni per ridurre la possibilità di rischio di tasso di interesse, il che potrebbe a sua volta indurle a rallentare gli aumenti dei tassi, ma ciò potrebbe significare che saranno necessari tassi ancora più elevati a lungo termine.

I tassi di interesse sono aumentati a livello globale a causa dell’inflazione da record e ciò significa cambiamenti nel modo in cui spendiamo e risparmiamo denaro. Ecco come influisce sulla tua vita : l’economia, le tue spese, i tuoi risparmi, i costi della casa e il costo del credito.

 

Fonte: WEF

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *