Come trovare l’oro dai rifiuti elettronici

Secondo l’ENEA il valore dell’oro e argento buttati via insieme ai rifiuti elettronici in Italia si aggira intorno ai 15 miliardi di euro all’anno.

Come estrarre metalli preziosi a casa tua

Sepolti tra la spazzatura nei nostri cassetti domestici ci sono dispositivi che contengono metalli e minerali preziosi

Il nostro mondo moderno dipende dalle risorse naturali estratte dal suolo, ma potrebbe esserci un’altra fonte di metalli rari e preziosi dando alle nostre case una pulizia di primavera.

Con così tanti di noi ora bloccati nelle nostre case durante la pandemia, i lavori a lungo rimandati come sgomberare il loft o la soffitta possono sembrare un buon modo per tenere a bada la monotonia. Forse smistare il “cassetto delle cianfrusaglie” in cucina o pulire quell’armadio troppo pieno nella stanza degli ospiti stanno aumentando la tua lista di cose da fare. Se hai bisogno di un po’ di motivazione in più per le pulizie di primavera, però, probabilmente c’è un tesoro nascosto lì dentro.

Rinchiusi all’interno dei vecchi prodotti che accumuliamo in angoli polverosi ci sono metalli e minerali preziosi. Queste sono le stesse risorse naturali tanto necessarie su cui funziona il nostro mondo moderno. Collettivamente, le nostre case e i nostri cortili sono una “miniera urbana” piena di questi materiali essenziali che aspettano solo di essere dissotterrati.

In tutto il mondo ci sono milioni, se non miliardi, di dispositivi elettronici inutilizzati nelle nostre case: vecchi telefoni cellulari, console di gioco trascurate, stereo antichi, apparecchiature informatiche obsolete e stampanti defunte per citarne alcuni. Ognuno di questi contiene rame, argento e persino oro, insieme a una vasta gamma di preziosi elementi delle terre rare.

La chiave, tuttavia, è convincere le persone a sbarazzarsi dei loro vecchi dispositivi in ​​modo che questi metalli possano essere estratti, riciclati e riutilizzati.

Ma prima di iniziare la tua caccia al tesoro, una breve avvertenza: alcune autorità locali stanno attualmente chiedendo alle persone di non creare più rifiuti in un momento in cui i servizi di raccolta dei rifiuti sono sovraccarichi. Quindi, considera questo più come un’opportunità per ordinare il tuo tesoro in pile ordinate, per il riciclaggio in seguito. ( Scopri di più sul perché il distanziamento sociale è così importante . )

Una volta usciti dalla crisi pandemica, tuttavia, alcuni credono che possiamo usare questo enorme deposito di metalli per spostare la nostra attenzione dall’estrazione di materie prime dal terreno allo scavo invece attraverso la miniera urbana. Recuperando i materiali nascosti all’interno dei nostri vecchi dispositivi, potrebbe essere possibile riciclarli e riutilizzarli in nuovi dispositivi senza dover più scavare.

Poiché il riciclaggio diventa più “efficiente e meno costoso e i consumatori diventano meglio informati sullo smaltimento corretto”, afferma James Horne, project manager del WEEE Forum, un’organizzazione di riciclaggio finanziata dall’UE, così “l’estrazione urbana diventa un’opzione progressivamente più praticabile”.

Il metallo da sei milioni di telefoni cellulari e quasi 72.000 tonnellate di rifiuti elettronici è stato estratto per realizzare circa 5.000 medaglie olimpiche d’oro, d’argento e di bronzo
Per avere solo un assaggio di ciò che si può realizzare, possiamo guardare le medaglie per i Giochi Olimpici di Tokyo, che ora dovrebbero svolgersi nell’estate del 2021. Tra aprile 2017 e marzo 2019, il metallo da sei milioni di cellulari telefoni e quasi 72.000 tonnellate di rifiuti elettronici sono stati estratti da dispositivi donati da persone in tutto il Giappone per ottenere circa 5.000 medaglie d’oro, d’argento e di bronzo .

L’estrazione urbana in questo modo ha il potenziale per aiutarci a costruire un futuro più sostenibile, riducendo anche la nostra dipendenza dai metalli scavati nelle miniere di mezzo mondo di distanza.

Per decenni, abbiamo esaurito rapidamente le risorse limitate del nostro pianeta attraverso l’estrazione di materie prime, l’eccessivo consumo e gettando le nostre merci nelle discariche. Secondo alcune stime, se tutti i 7,8 miliardi di persone sulla Terra consumassero lo stesso livello di materiali degli europei, avremmo bisogno di 2,8 pianeti Terra . Uno stile di vita americano per tutti richiederebbe cinque pianeti Terra.

Scavare tutto questo materiale ha un pesante impatto sull’ambiente. Secondo il Global Resources Outlook delle Nazioni Unite, le industrie estrattive sono responsabili di circa il 40% delle emissioni mondiali di carbonio e di circa il 10% della perdita di biodiversità . Negli ultimi 50 anni, l’estrazione di materiale è triplicata. Molte risorse stanno diventando più difficili da trovare, più costose e i costi ambientali dell’estrazione sempre maggiori.

Horne afferma che la miniera urbana non include solo dispositivi elettrici ma potenzialmente “qualsiasi oggetto o materiale esistente, in magazzini, negozi, aziende, case, che sia … inutilizzato o non più idoneo allo scopo”.

Allora, abbiamo davvero già estratto tutto ciò di cui abbiamo bisogno? E c’è abbastanza fuori terra nella “miniera urbana” da rendere superflua l’attività mineraria tradizionale?

I rifiuti elettronici (o “RAEE”, che sta per rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) sono di grande interesse, perché i vecchi telefoni, laptop, utensili da cucina, televisori e altri dispositivi che abbiamo in giro contengono metalli preziosi – come oro, argento, palladio e rame: dobbiamo realizzare nuovi dispositivi elettronici.

A livello globale, il mondo produce fino a 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all’anno – l’equivalente di 6.000 Torri Eiffel – e sta crescendo del 3-4% all’anno. Nel 2016, l’Asia ha generato la maggior quantità di rifiuti elettronici – 18,2 milioni di tonnellate (Mt), mentre le Americhe producono 11,3 Mt, l’Africa crea 2,2 Mt e l’Oceania genera 0,7 Mt. Sebbene sia la più piccola in termini di rifiuti elettronici totali, l’Oceania è stata in realtà il più alto produttore di rifiuti elettronici per abitante, con 17,3 kg a persona, rispetto agli 1,6 kg dell’Africa.

I metalli sono infinitamente riciclabili senza perdere le loro proprietà – Marjolein Scheers

L’Europa è il secondo produttore mondiale di rifiuti elettronici, gettando via circa 12,3 Mt di apparecchiature elettroniche e batterie all’anno. All’interno sono nascoste 330.000 tonnellate di rame e 31 tonnellate d’oro . E poiché le apparecchiature più vecchie in genere contengono più di questi metalli rispetto ai dispositivi più recenti, se dovessimo recuperare tutto questo, sarebbe più che sufficiente per produrre i 14,3 Mt di nuove apparecchiature elettroniche e batterie che gli europei acquistano ogni anno. Si stima che per produrre un anno di nuove attrezzature per l’Europa occorrono 2,9 milioni di tonnellate di plastica, 270.000 tonnellate di rame, 3.500 tonnellate di cobalto e 26 tonnellate di oro.

Aumenta la prospettiva allettante di riutilizzare semplicemente i materiali che abbiamo già scavato piuttosto che saccheggiare ulteriormente la Terra.

Tra coloro che sperano di realizzarlo c’è Umicore, un’ex società mineraria in Belgio che si è trasformata in una delle più grandi società di riciclaggio del mondo nel tentativo di attingere al mercato minerario urbano. Il suo obiettivo principale sono le batterie, comprese quelle dei veicoli elettrici, principalmente per recuperare rame, nichel, cobalto e litio. “I metalli sono infinitamente riciclabili senza perdere le loro proprietà”, afferma il portavoce di Umicore, Marjolein Scheers. “[Essi] possono quindi essere venduti o utilizzati in nuovi materiali per batterie”, spiega.

Umicore non condivide pubblicamente quanto ricicla ogni anno, ma afferma che “abbiamo una capacità di 7.000 tonnellate per il riciclaggio delle batterie, che equivale a 250 milioni di batterie per telefoni cellulari, due milioni di batterie per e-bike o 35.000 batterie per veicoli elettrici”.

Un metallo attualmente molto richiesto è il cobalto, un componente cruciale delle batterie agli ioni di litio per smartphone e auto elettriche. I prezzi del cobalto sono aumentati di oltre il 300% nel periodo 2016-2018 . Eppure, oltre il 60% dell’offerta mondiale di cobalto proviene dalla Repubblica Democratica del Congo, dove è stato fortemente collegato al lavoro minorile e al degrado ambientale . Il riciclaggio delle batterie esistenti potrebbe quindi svolgere un ruolo essenziale nell'”approvvigionamento di cobalto sostenibile”, afferma Scheers.

Il recupero di tutti i dispositivi portatili fuori uso raccolti dai cittadini dell’UE negli ultimi 20 anni, afferma, “genererebbe abbastanza cobalto per [produrre] almeno 10 milioni di veicoli elettrici”.

Da una tonnellata di batterie per telefoni cellulari, Umicore afferma di poter estrarre tra 135-240 kg di cobalto, a seconda della generazione del telefono: gli smartphone moderni ne hanno di più. Dicono che possono anche recuperare 70 kg di rame e 15 kg di litio dagli stessi telefoni. Anche una volta rimossa la batteria, l’elettronica all’interno di un telefono può cedere circa 1 kg di argento e 235 g di oro per tonnellata di dispositivi. Ciò si confronta molto favorevolmente con l’estrazione primaria, che ha una media di soli 100 g di argento in ogni tonnellata di minerale estratto e 2-5 g di oro per tonnellata di minerale.

Rende la “miniera urbana” molto più ricca di materiali di alto valore per tonnellata rispetto alle tradizionali miniere di minerali metallici. E, secondo Sintef, l’istituto di ricerca norvegese, l’estrazione urbana richiede 17 volte meno energia per recuperare questi metalli rispetto a quella necessaria per ottenere materiali vergini. La ricerca che ha esaminato i televisori scartati in Cina ha anche mostrato che è possibile ottenere grandi quantità di oro e rame a un costo inferiore al costo dell’estrazione del metallo dal suolo.

Questa è la teoria. In pratica, tuttavia, “siamo molto, molto lontani dal raggiungere questo obiettivo” per le materie prime critiche , afferma Horne. “In primo luogo, non tutti i RAEE vengono riciclati. Attualmente il tasso è del 35% nell’UE. In secondo luogo, non tutti gli elementi sono attualmente estratti… a causa dei processi di trattamento impiegati. Ad esempio, il tasso di recupero dei [metalli preziosi] contenuti nei RAEE riciclati in Europa nel 2014 è stato appena dell’1%”.

L’ UE spera di aumentarlo , tuttavia, ma prevede solo di raggiungere il 5% entro il 2020 e il 20% entro il 2030. “Anche se questi obiettivi saranno raggiunti, siamo ancora lontani dal poter fornire le quantità necessarie [per soddisfare la domanda] “, dice Horne.

L’altra sfida è in primo luogo come arrivare al “minerale” nella miniera urbana. La miriade di dispositivi, cavi, caricabatterie e trasformatori che costituiscono la parte più preziosa della miniera urbana non sono solo convenientemente accatastati in un unico luogo, in attesa di una scavatrice. Invece sono ampiamente dispersi, spesso nascosti e di difficile accesso. Il recupero dei suoi materiali preziosi non riguarda meno l’estrazione mineraria e più l’ingegneria chimica più difficile e complessa, i servizi per la comunità e l’istruzione.

“Attualmente un terzo dei RAEE nell’UE viene segnalato dagli schemi di conformità come raccolti separatamente e gestiti in modo appropriato”, spiega Ana Maria Martinez, esperta nella produzione e lavorazione dei metalli presso Sintef. “I restanti RAEE vengono raccolti da imprese non registrate e adeguatamente trattati, raccolti da imprese non registrate e trattati in modo improprio o addirittura esportati illegalmente all’estero o smaltiti”. La consapevolezza dei consumatori, dice, è una barriera. Ordiniamo la nostra vecchia elettronica, aspettando un giorno che non arriverà mai in cui potremmo averne bisogno di nuovo.

Un sondaggio condotto dalla Royal Society of Chemistry sulle famiglie nel Regno Unito ha rivelato che più della metà aveva almeno un dispositivo elettronico inutilizzato che languiva in casa e il 45% ne aveva fino a cinque. Se estrapolato, suggerisce che potrebbero esserci fino a 40 milioni di gadget inutilizzati nelle case delle persone. Il WEEE Forum stima che l’europeo medio abbia in casa 248 kg di dispositivi elettronici (rifiuti e in uso), inclusi 17 kg di batterie, afferma Horne.

I punti di raccolta dei RAEE esistono facilmente nell’UE, ad esempio, attraverso il riciclaggio a bordo strada o programmi di restituzione ai rivenditori. “Tuttavia, questo non sembra abbastanza per la società per [restituire i suoi] prodotti riciclabili”, afferma Martinez. Gli Stati Uniti, nel frattempo, non hanno una legge nazionale per la gestione dei rifiuti elettronici , lasciandoli come una questione statale. Solo 25 stati hanno effettivamente leggi per i rifiuti elettronici, con la California che è stata la prima a introdurle nel 2003.

In Umicore, Scheers sostiene che una buona raccolta sarà sempre la chiave.

“Per l’elettronica portatile come i telefoni cellulari, la stragrande maggioranza rimane nei cassetti di casa”, afferma. “La sfida è motivare le persone a consegnarli per il riciclaggio. La raccolta è una sfida collettiva”.

La domanda è se siamo contenti di acquistare beni economici che hanno un alto costo ecologico e umano
Tuttavia, esiste un altro modo per ridurre l’estrazione di materie prime: utilizzare meno materiale in primo luogo. Nella cosiddetta gerarchia dei rifiuti di “riduci, riutilizza e ricicla”, troppo facilmente dimentichiamo i primi due e ci concentriamo sul secondo.

Affinché l’estrazione urbana abbia mai la possibilità di sostituire l’estrazione convenzionale, “non si tratta semplicemente di aumentare il riciclaggio”, afferma Horne. “Occorrono progressi in molte aree correlate per consentire un utilizzo più efficiente delle materie prime e nell’ambito di un’economia circolare. Ad esempio, aumentando la durata del prodotto, cambiando l’atteggiamento dei consumatori nei confronti della proprietà e del consumo, evolvendo gli approcci alla produzione e alla vendita al dettaglio di articoli e garantendo la facilità di riutilizzo”.

Potrebbero essere schemi che superficialmente non hanno nulla a che fare con l’estrazione mineraria – come il “diritto alla riparazione” dell’UE che richiede ai produttori di realizzare elettrodomestici più durevoli e fornire pezzi di ricambio – che svolgono un ruolo cruciale nel futuro dell’estrazione urbana.

Nel frattempo, i dispositivi usa e getta rimangono esattamente questo: buttati. Finiscono in discarica o box in garage, cantine e solai.

“I prezzi sul mercato delle materie prime [dall’estrazione primaria] possono essere molto bassi quando le miniere si trovano in Africa o in Cina”, afferma Martinez. La domanda è se siamo contenti di acquistare beni economici che hanno un alto costo ecologico e umano, o siamo disposti a ridurre, riutilizzare e riciclare ciò che già abbiamo.

Forse ora è il momento perfetto per rivalutare il nostro rapporto con i prodotti elettrici, i rifiuti elettronici e “ridurre, riutilizzare e riciclare” nel contesto delle nostre case. C’è dell’oro nei tuoi armadi. In effetti, c’è una vera e propria tavola periodica degli elementi da trovare.

Recuperarlo potrebbe essere una delle azioni più rispettose dell’ambiente che puoi fare senza dover uscire di casa.

 

Come trovare l'oro dai rifiuti elettronici

Come trovare l’oro nei rifiuti elettronici:

Come sentite da questi ragazzi, trovare oro dai rifiuti non è per niente semplice:

  1. Bisogna trovare il materiale scartato – gettato
  2. bisogna trovare tutti il materiale che ci serve per ‘tirarlo fuori’
  3. ci serve un posto per fare questo lavoro.
  4. ci servono persone che poi l’oro ce lo ricomprano ( ma questo è l’ultimo dei problemi, visto il numero di compro oro in giro per le città).

Quanto si guadagna ricavando l’oro dai rifiuti elettronici:

 

E’ una valutazione molto difficile da fare, ma se avete visto il video, capirete con facilità che in ogni strumento elettronico c’è pochissimo oro.
L’importante è iniziare e trovare qualcuno che ci dia libero ingresso ai rifiuti elettronici e ci dia il permesso di smontarli, in poco tempo, una volta appresa la manualità, non dovrebbe essere difficile in poche ore ricavare materiale prezioso da qualche dozzina di pezzi, cosa che può portare ad un guadagno sostanzioso, con più euro guadagnato di qualsiasi lavoro par time.

Guida su come trovare oro nei rifiuti

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *