Gli F-35 Potrebbero essere Hackerati, a Rischio gli Aerei Italiani?

A poche ore dal ritrovamento dell’F-35 precipitato l’altro ieri in North Carolina, tutti si sono fatti la stessa domanda: e se questo aereo invisibile, fiore all’occhiello della tecnologia made in USA  dal costo di 100 milioni di dollari e sogno di tutte le aeronautiche del mondo fosse stato hackerato? E gli altri oltre 1.000 F-35 in giro per mezzo mondo sono a rischio?

Riprendiamo un articolo di una rivista specializzata americana di qualche tempo fa.

Gli F-35 Potrebbero essere Hackerati, a Rischio gli Aerei Italiani?

La più grande vulnerabilità dell’F-35 non sono le armi nemiche, ma che venga hackerato

Il jet high-tech può nascondersi dai radar, ma gli hacker sono una questione diversa.

L’F-35 Lightning II può eludere i radar mentre si infiltra nello spazio aereo nemico per sferrare un colpo mortale. È un combattente sofisticato e furtivo con una grande vulnerabilità: essere hackerato elettronicamente. Mentre l’aereo raggiunge finalmente la piena produzione, l’Air Force sta correndo per tappare i buchi che potrebbero consentire agli hacker di sfruttare i sistemi connessi del jet, con risultati disastrosi.

L’aereo stesso è abbastanza sicuro. Come spiega l’Air Force Times , ci sono più livelli di sicurezza che circondano il jet, inclusi i numeri PIN per i singoli piloti e l’autenticazione sicura nella creazione di pacchetti di missione da caricare nel computer dell’aereo. Un hacker lontano non potrebbe, ad esempio, avviare l’aereo e forzare l’esplosione del motore, o far rotolare l’aereo fuori pista e schiantarsi.

I piloti dell’F-35 amano dire che l’aereo è tanto un computer quanto un jet da combattimento.

Ma che si parli di un computer di casa, di un telefono, di un tablet o di un aereo da caccia estremamente costoso, le vulnerabilità si sommano quanto più si è connessi con il mondo esterno. Gran parte della forza dell’F-35 risiede nella sua capacità di connettersi all’esercito più ampio e sfruttare i big data sulla missione.

La flotta mondiale di F-35 è connessa ad almeno due reti sicure progettate per massimizzare l’efficienza. Il primo è l’ Autonomic Logistics Information System , o ALIS, che tiene traccia dei problemi dei singoli aeromobili e dell’ubicazione dei pezzi di ricambio e delle attrezzature in tutto il mondo.

Ogni squadrone F-35, indipendentemente dal paese, dispone di un pacchetto ALIS da 13 server connesso alla rete mondiale ALIS. I singoli jet inviano i dati logistici al punto di ingresso centrale della loro nazione, che poi li trasmette all’hub del server centrale di Lockheed a Fort Worth, in Texas. In effetti, ALIS invia così tanti dati che alcuni paesi temono che possa rivelare troppe informazioni sulle loro operazioni F-35.

Un altro sistema di rete è la Joint Reprogramming Enterprise , o JRE. La JRE mantiene una libreria condivisa di potenziali sensori e sistemi d’arma avversari che viene distribuita alla flotta mondiale di F-35. Ad esempio, la JRE cercherà e condividerà informazioni sui radar nemici e sui segnali di guerra elettronica in modo che le singole forze aeree non debbano rintracciare le informazioni da sole. Ciò consente ai paesi che utilizzano l’F-35 di adattare la missione alle minacce previste e di volare un passo avanti rispetto ad esse.

Sebbene le reti dispongano di serie protezioni di sicurezza informatica, saranno senza dubbio obiettivi per gli hacker in tempi di pace e di guerra. Gli hacker potrebbero tentare di abbattere completamente le reti, mettendo in difficoltà il sistema logistico mondiale e persino mettendo in pericolo la capacità dei singoli aerei di ottenere i pezzi di ricambio tanto necessari. In alternativa, potrebbe essere possibile compromettere l’integrità dei dati ALIS, ad esempio segnalando una carenza mondiale di motori F-35. Gli hacker potrebbero plausibilmente introdurre dati errati nel JRE che potrebbero compromettere la sicurezza di una missione, accorciando la portata di un sistema d’arma in modo che un pilota pensi di essere al sicuro fuori dalla zona di ingaggio quando sicuramente non lo è.

Anche i simulatori dell’F-35 che addestrano i piloti potrebbero presumibilmente divulgare dati a un avversario. I simulatori di volo sono programmati per rispecchiare il più possibile il volo di un aereo reale, quindi i dati recuperati da un simulatore seguiranno da vicino i dati di un vero F-35.

In un’intervista con Defense News , Briga. Il generale Stephen Jost, direttore dell’Air Force F-35 Integration Office, afferma che ci sono “molti nodi di vulnerabilità che stiamo cercando di puntellare”. Non solo il sistema di rete mondiale è vulnerabile, ma i sistemi wireless utilizzati per supportare l’F-35 potrebbero anche essere punti di ingresso per gli hacker.

I piloti dell’F-35 amano dire che l’aereo è tanto un computer quanto un jet da combattimento. Mentre l’uso di computer e reti in tutto il mondo è un vantaggio per tutti gli operatori del jet, le forze armate statunitensi e i clienti dell’F-35 in tutto il mondo devono essere sicuri che l’aereo – e le apparecchiature che lo supportano – siano adeguatamente blindati contro le minacce informatiche. L’alternativa potrebbe essere che i maggiori vantaggi del jet vengano tranquillamente rivolti contro di lui, e l’entità del danno venga resa nota solo dopo l’inizio della sparatoria.

ARTICOLI CORRELATI

Quanto Costano gli F-35

f-35, prezzo f-35, costo f-35, quanto costa un f-35

Con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, si torna a parlare di armi, sistemi d’arma, aerei e aerei da caccia, nonchè del loro costo. Riguardo queste, oggi scopriremo i costi di un aereo caccia multiruolo: l’ F35, tra i più avanzati tecnologicamente di tutto il mondo per il suo assetto multiruolo, per svolgere contemporaneamente più…

F-35 ancora discussioni

2014: Da male in peggio le notizie sugli F-35, stavolta è il Pentagono che la rilasciato una direttiva che obbliga tutti gli F-35 a terra per dei controlli approfonditi: troppo pericolosi per volare. Uno dei più grandi affari di questo inizio del secolo ( a livello globale); si pensi che il giro d’affari solo per…

Quanti Soldi Servono all’Italia per comprare nuovi Carri Armati

Quanti Soldi Servono all'Italia per comprare nuovi Carri Armati

Cerchiamo di capire quanto costa un carro armato oggi ( di solito sono dati che i governi tengono secretati) e quanti soldi servirebbero all’Italia per rifare tutto il reparto carri dell’esercito, ormai obsoleto. Iniziamo parlando del Leopard considerato tra i migliori carri armati di oggi Il Leopard è una famiglia di carri armati principali (main…

  —

Aerei Militari Italiani Made in Italy

Aerei Militari Italiani della Leonardo - Made in Italy

Tra le eccellenze del Made in Italy vi sono i mezzi militari, con Leonardo che rappresenta l’avanguardia nel settore della difesa e dell’aerospazio, piazzandosi al tredicesimo posto al mondo e al terzo in Europa per il suo comparto. Fondata nel 1948 e precedentemente conosciuta come Finmeccanica, l’azienda presenta 5 divisioni operative. Una delle più importanti…

Investimenti in Industrie di Armi + 25% di Aerei per USAF

Investimenti in Industrie di Armi + 25% di Aerei per USAF

SETTEMBRE 2018: Gli Stati Uniti hanno bisogno di molti più aerei militari. L’aeronautica militare americana (US  Air Force)  prevede che nel prossimo decennio dovrà crescere drasticamente, aumentando di quasi un quarto il numero di squadriglie operative per fronteggiare forze militari sempre più muscolose in Cina e in Russia, hanno detto i suoi funzionari. Il segretario…

Costo Carri Armati Italiani Moderni Leopard 2

Carri Armati Italiani Moderni: Arriva il Leopard 2 e un Nuovo Carro con i Tedeschi

Il sottosegretario alla Difesa italiano, Isabella Rauti, ha confermato l’inclusione del programma di acquisizione del carro armato Leopard 2 della società tedesca KMW (Krauss-Maffei Wegmann) nel Documento di pianificazione della difesa (DPP) 2023-2025. Questo dovrebbe essere solo un primo passo per l’ammodernamento del parco carri armati dell’esercito italiano, rimasto nettamente indietro rispetto all’aviazione e alla…

Come si Compone il Prezzo dei Carburanti

Prezzo della Benzina: Come si Compone il Prezzo dei Carburanti in Italia

Torniamo per l’ennesima volta a parlare del prezzo della benzina. Online ci sono centinaia di articoli a riguardo, ma sembra che la stragrande maggioranza degli italiani non riesca a comprendere da cosa è formato il prezzo finale che pagano alla pompa del benzinaio, forse perchè abbiamo un sistema di informazione che non funziona, fatto di…

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *