10 Errori da Non Fare ad un Colloquio di Lavoro con una Banca di Investimenti

Migliora le tue possibilità di entrare nella rosa dei candidati evitando queste insidie.
Mettere i piedi sui mobili, rispondere al cellulare e indossare jeans e scarpe da ginnastica: sono alcune delle cose più ovvie che tutti sanno di non fare durante un colloquio per un lavoro in una banca di investimento.

Ma per quanto riguarda alcuni degli errori più sottili che potrebbero fare la differenza tra il tuo arrivo o meno nella rosa dei candidati? Abbiamo chiesto ad alcuni dei nostri intervistatori senior di diverse unità aziendali di offrire alcuni spunti. Ecco i primi 10 errori principali che vedono.

10 Errori da Non Fare ad un Colloquio di Lavoro con una Banca di Investimenti
Sopra: un colloquio di lavoro: non bisogna essere terrorizzati, ma neanche troppo amichevoli: non siamo al Bar tra amici a farsi un aperitivo

1. Non fare una ricerca sulle attività della banca e sul tuo probabile futuro lavoro

“È l’errore singolo più grande e più comune commesso: partecipare a un colloquio di lavoro senza aver studiato cosa comporta il lavoro o cosa fa la divisione. Se stai cercando una posizione nell’Investment Banking, sappi quali affari ha fatto l’azienda di recente e preparati a parlare dei loro punti salienti.

2. Non volere il lavoro

“Non dirci che stai facendo domanda per un lavoro particolare solo per poter mettere piede nella porta per un ruolo diverso. Va bene avere un obiettivo professionale a lungo termine di lavorare con clienti esterni, ad esempio, ma devi spiegare perché sei interessato a iniziare nella posizione non a contatto con i clienti per cui potresti essere intervistato, come si adatta alle tue competenze e aiuta il tuo obiettivo di carriera a lungo termine.

3. Imbottire il curriculum

“Non inserire nel tuo CV cose di cui non sei all’altezza. Tutto lì è un gioco leale, quindi devi essere in grado di elaborare ogni riga. Se dici di parlare correntemente una certa lingua, allora ci aspetteremo che tu possa dimostrarlo.

4. Mancato invio di un’e-mail di ringraziamento

“Dovresti sempre inviare una nota di ringraziamento dopo un colloquio di lavoro, ma non dire semplicemente ‘grazie’. La nota dovrebbe essere breve e pertinente, ma non così breve! Usa l’e-mail di follow-up come un’opportunità per consolidare la tua presentazione. Dì che hai imparato molto e sei entusiasta della posizione. Dimostra che hai un sincero interesse per il lavoro.

5. Non fare domande

“Non ci sono scuse per non avere domande da porre all’intervistatore. Ti chiederemo sempre se hai domande. Anche se abbiamo risposto a tutto ciò che vuoi sapere, improvvisa e risolvi qualcosa che è stato menzionato nell’intervista e dì che vorresti che approfondissimo un aspetto particolare della posizione.

6. Classifica te stesso

“A volte, qualcuno cercherà di impressionare mostrando le proprie conoscenze in un particolare settore. Se stai cercando una posizione generale, potrebbe finire per farti sembrare che non sei interessato a nient’altro.

7. Essere troppo casual

“Molti studenti costruiscono un rapporto con i nostri reclutatori e intervistatori e poi, durante il colloquio, oltrepassano il limite e fanno qualcosa di troppo casuale. Sii molto raffinato, questo include il codice di abbigliamento, non stai incontrando un amico. Stiamo valutando come ti comporterai di fronte a clienti e altri dipendenti”.

8. Armeggiare con le domande ovvie

Ci sono domande standard, come: ‘Parlami di te’, ‘Perché la nostra azienda’, ‘Perché questa posizione?’ Avere una risposta nella tua testa per questi. Non sta bene se non puoi parlarci di te. Hai davvero bisogno di avere una risposta che spieghi perché differenzia la nostra azienda dalle altre banche e, quindi, perché hai scelto di intervistarci”.

9. Fingendo di sapere qualcosa quando non lo sai

“Finirai per scavare una trappola per te stesso. Faresti meglio a chiedere semplicemente all’intervistatore di elaborare, o anche dire che non conosci la risposta ma vorresti avere l’opportunità di tornare da loro. Tornare nella lettera di ringraziamento con una risposta è del tutto accettabile”.

10. Non essere te stesso

“È importante che ti sembri autentico. Rispondi alle domande con parole tue, piuttosto che rigurgitare una risposta da manuale. È un punto sfumato perché non vuoi essere eccessivamente amichevole … sii solo il tuo “io professionale”. Va bene fare chiacchiere per rompere il ghiaccio e costruire un rapporto con l’intervistatore, ma non esagerare e non essere troppo disinvolto.

Risorse utili al colloquio di lavoro:

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *