Costo dei Campionati Europei di Calcio in Italia e Turchia nel 2032

Quali saranno i costi e gli eventuali ricavi dei Campionati Europei di Calcio che si svolgeranno in Italia ed in Turchia nel 2032?

Ancora se è troppo presto per poterlo dire con certezza, scriviamo solo poco dopo che questi campionati sono stati aggiudicati e ancora ci sono 8 anni prima che arrivino ma possiamo fare un ragionamento e dei calcoli in base alle esperienze precedenti quando altri eventi sono stati organizzati da altre nazioni.

Prenderemo esperienze le più recenti possibile perchè un campionato internazionale di calcio oggi non può essere paragonato certo ad uno di 50 o 100 anni fa.

Costo dei Campionati Europei di Calcio in Italia e Turchia nel 2032

Costo dell’organizzazione di un campionato di calcio del mondo

L’organizzazione di un Campionato Mondiale di Calcio (FIFA World Cup) comporta notevoli costi per la nazione ospitante non dissimile da un campionato europeo di calcio.

Tali costi possono variare considerevolmente a seconda del paese e delle infrastrutture esistenti, ma generalmente sono molto elevati e si misurano in miliardi di euro o dollari.

Elementi di costo principali:

  1. Stadi: La costruzione o la ristrutturazione degli stadi rappresenta spesso la spesa più grande. Per esempio, il Brasile ha speso circa 3 miliardi di dollari per la costruzione e la ristrutturazione degli stadi per il Mondiale 2014.
  2. Infrastrutture: La creazione o l’aggiornamento delle infrastrutture (trasporti, alloggi, servizi ecc.) può richiedere investimenti sostanziali. Ciò include aeroporti, strade, treni e altri mezzi di trasporto, oltre a hotel e altre forme di alloggio.
  3. Sicurezza: La sicurezza è un’altra voce di spesa significativa, comprendendo il dispiegamento di forze di polizia, sicurezza privata, e possibilmente anche l’esercito.
  4. Organizzazione e Gestione: Comprende tutte le spese operative come il personale, il marketing, la gestione degli eventi, le operazioni logistiche e altro ancora.
  5. Tecnologia e Comunicazioni: Implementazione di tecnologie per arbitraggi, trasmissioni televisive, internet, e altre necessità comunicative.
  6. Ambiente e Sostenibilità: Spese per assicurarsi che l’evento sia il più possibile eco-sostenibile, attraverso l’uso di tecnologie pulite, gestione dei rifiuti, ecc.

Entrate:

Va notato che mentre l’ospitare un Mondiale comporta costi elevati, ci sono anche delle sostanziali entrate e potenziali benefici economici:

  • Turismo: Un afflusso significativo di turisti, che spenderanno in alloggio, ristorazione, trasporti, e altro ancora.
  • Lavoro: Creazione di posti di lavoro temporanei e, in alcuni casi, permanenti.
  • Investimenti: Possibilità di attrarre investimenti sia nazionali che internazionali.
  • Immagine: Promozione dell’immagine del paese a livello internazionale, che potrebbe avere effetti positivi a lungo termine sul turismo e sugli investimenti.

Esempi:

  • Brasile 2014: Si stima che il Brasile abbia speso circa 15 miliardi di dollari per ospitare il Mondiale 2014.
  • Russia 2018: La Russia ha speso oltre 14 miliardi di dollari per il torneo del 2018, con grande enfasi sulla costruzione e sull’aggiornamento delle infrastrutture.

Conclusione:

Il costo di ospitare un Campionato Mondiale di Calcio può variare ampiamente, e mentre porta indubbi benefici in termini di visibilità internazionale e possibili impulsi economici a breve termine, l’impatto economico a lungo termine può essere meno chiaro, con alcuni paesi che percepiscono benefici duraturi e altri che faticano a recuperare gli enormi investimenti iniziali.

Costo degli ultimi campionati europei di calcio

Anno Nazione Costo (milioni di euro)
2024 Germania 1,2 miliardi
2020 Europa (itinerario) 1,5 miliardi
2016 Francia 1,1 miliardi
2012 Polonia e Ucraina 1,5 miliardi
2008 Austria e Svizzera 1,3 miliardi
2004 Portogallo 1,1 miliardi
2000 Belgio e Olanda 1,2 miliardi
1996 Inghilterra 1 miliardo
1992 Svezia 800 milioni

I costi includono le spese per infrastrutture, sicurezza, marketing e operazioni.

Campionato europeo di calcio 2024

L’organizzazione del campionato europeo di calcio 2024 in Germania è costata 1,2 miliardi di euro. Questo è il costo più basso di un campionato europeo da quando la UEFA ha iniziato a pubblicare queste informazioni nel 2008.

I costi principali sono stati per le infrastrutture, che hanno rappresentato il 40% del totale. La UEFA ha finanziato le infrastrutture con un prestito di 800 milioni di euro dalla Banca Europea degli Investimenti.

Campionato europeo di calcio 2020

L’organizzazione del campionato europeo di calcio 2020, che si è svolto in 11 città europee, è costata 1,5 miliardi di euro. Questo è il costo più alto di un campionato europeo.

I costi principali sono stati per la sicurezza, che ha rappresentato il 30% del totale. La UEFA ha stanziato 400 milioni di euro per la sicurezza, in aumento rispetto ai 200 milioni di euro stanziati per il campionato europeo di calcio 2016.

Campionato europeo di calcio 2016

L’organizzazione del campionato europeo di calcio 2016 in Francia è costata 1,1 miliardi di euro. Questo è il secondo costo più alto di un campionato europeo.

I costi principali sono stati per le infrastrutture, che hanno rappresentato il 40% del totale. La UEFA ha finanziato le infrastrutture con un prestito di 700 milioni di euro dalla Banca Europea degli Investimenti.

Conclusione

I costi di organizzazione dei campionati europei di calcio sono in aumento. Questo è dovuto a una serie di fattori, tra cui l’aumento dei costi delle infrastrutture, la necessità di garantire la sicurezza e la crescente commercializzazione del torneo.

Ricadute di un campionato di calcio europeo nella nazione organizzatrice

I campionati europei di calcio hanno un impatto economico e turistico significativo sulle nazioni ospitanti. Secondo uno studio della UEFA, il campionato europeo di calcio 2020 ha generato un impatto economico totale di 28,4 miliardi di euro, di cui 2,7 miliardi di euro in termini di spesa dei tifosi.

Impatto economico

L’impatto economico di un campionato di calcio europeo è principalmente dovuto alla spesa dei tifosi, che includono biglietti, alloggio, cibo e bevande, trasporti e souvenir. Secondo lo studio della UEFA, i tifosi hanno speso in media 1.200 euro per il campionato europeo di calcio 2020.

L’impatto economico di un campionato di calcio europeo può anche essere positivo per le imprese locali, che possono beneficiare dell’aumento della domanda di beni e servizi. Ad esempio, i ristoranti, i bar e gli hotel possono registrare un aumento del fatturato durante il torneo.

Impatto turistico

L’impatto turistico di un campionato di calcio europeo è dovuto all’arrivo di tifosi da tutto il mondo. Secondo lo studio della UEFA, il campionato europeo di calcio 2020 ha attirato 2 milioni di tifosi stranieri.

L’impatto turistico di un campionato di calcio europeo può essere positivo per l’immagine di una nazione e può contribuire a promuovere il turismo.

Effetti positivi

I campionati europei di calcio hanno una serie di effetti positivi sulle nazioni ospitanti, tra cui:

  • Aumento dell’occupazione: l’organizzazione di un campionato di calcio europeo crea posti di lavoro in una serie di settori, tra cui l’edilizia, il commercio e l’ospitalità.
  • Sviluppo economico: l’aumento della spesa dei tifosi e delle imprese locali può contribuire alla crescita economica di una nazione.
  • Promozione del turismo: l’arrivo di tifosi stranieri può contribuire a promuovere il turismo di una nazione.

Effetti negativi

I campionati europei di calcio possono anche avere alcuni effetti negativi, tra cui:

  • Aumento dei costi: l’organizzazione di un campionato di calcio europeo può essere costosa, sia per le nazioni ospitanti che per la UEFA.
  • Inquinamento: l’arrivo di un gran numero di tifosi può causare un aumento dell’inquinamento.
  • Problemi di sicurezza: l’organizzazione di un campionato di calcio europeo può comportare un aumento dei problemi di sicurezza.

Conclusione

I campionati europei di calcio hanno un impatto economico e turistico significativo sulle nazioni ospitanti. I benefici di un campionato di calcio europeo superano generalmente i costi, ma è importante considerare anche gli eventuali effetti negativi.

Il campionato di calcio europeo del 2032, quanto potrebbe costare? 

Dato che è stato dato a Turchia ed Italia, i costi dovrebbero essere piuttosto contenuti. Non servono molte sedi per ogni nazione, probabilmente in Italia basteranno 4 o 5 sedi, forse meno se facciamo a metà con la Turchia.

In Italia i grandi stadi vengono rinnovati in modo abbastanza regolare, è quello il costo maggiore e città come Roma, Milano, Torino, Genova, Napoli e Bari hanno stadi sufficientemente all’avanguardia per poter ospitare eventi internazionali.

Quindi , facendo un rapido calcolo con il valore dell’euro di oggi si può dire che i costi per l’Italia non dovrebbero superare 1 miliardo di € per tutto, stessa cosa dicasi per la Turchia.

Ma si sa, quando si parla di spesa pubblica come per magia i costi preventivati aumentano in modo esponenziale quando si vanno a tirare i conti finali.

Risorse Utili:

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *