Bonus Zanzariera 2021: Cos’è, Come Funziona, Come ottenerlo

Arriva l’estate, tempo di vacanze, ma anche di zanzare, insetti da sempre invasivi e fastidiosi. I rimedi contro di esse sono tanti, dagli spray alle lampade insetticide, ma quello più adatto e dai migliori risultati è sicuramente la zanzariera, una barriera che difende porte e finestre della propria casa dall’attacco di tali parassiti.

Tra i vari Ecobonus offerti dal Governo Conte ed ereditato da quello Draghi poi, il Bonus Zanzariera fa parte di aiuti economici per l’acquisto di sistemi schermanti per la propria abitazione, utile anche a migliorare la sua efficienza energetica proteggendo dalla luce solare. Come funziona il Bonus Zanzariere 2021 e chi ne ha diritto?

Cos’è e come funziona il Bonus Zanzariera 2021?

Per Bonus Zanzariere, si intende una misura rientrante negli Ecobonus 2021 dedicata all’acquisto e montaggio di sistemi schermanti antizanzare così come la rimozione di strutture pre-esistenti. Sebbene l’acquisto di zanzariere non sia solitamente detraibile, rientrano nel Bonus Zanzariere 2021 tutte quelle strutture che soddisfano i requisiti sulle schermature solari ai sensi dell’Allegato M al d.l. 311/2006, che dovranno quindi:

  • Avere marcatura CE di conformità a standard comunitari di salute e sicurezza
  • Avere Gtot di schermatura solare superiore a 0,35, certificato da organismo autorizzato
  • Rispettare le indicazioni di trasmittanza termica sul flusso di calore sulle superfici
  • Essere fissate stabilmente su porte o finestre dell’edificio
  • Proteggere superfici vetrate esposte al sole, all’esterno, interno o integrate negli infissi  
  • Essere facilmente regolabili in funzione dell’esposizione solare

Qualora la zanzariera soddisfi i requisiti d’ecosostenibilità, l’acquirente potrà fruire di una detrazione Irpef o Ires pari al 50% delle spese sostenute tra 1 gennaio e 31 dicembre 2021, con tetto massimo di 60.000 euro che copre:

  • Acquisto e installazione di nuovi sistemi schermanti
  • Smontaggio e smaltimento di sistemi precedenti che non soddisfano i requisiti
  • Opere accessorie d’ammodernamento e riqualificazione
  • Oneri e imposte comunali

Nel bonus sarà compreso anche l’onorario del professionista incaricato alla predisposizione della pratica ENEA (Ente Nuove tecnologie, Energia e Ambiente), per rientrarvi le zanzariere dovranno quindi avere prestazioni energetiche opportunamente certificate. Le spese potranno essere recuperate in 10 quote annuali di pari importo, da inserire in dichiarazione redditi 2022.

Occorre infine ricordare che non è un bonus indipendente ma un mezzo accessorio di riduzione spese, inserito all’interno delle misure sull’efficientamento energetico domestico.

Bonus Zanzariera 2021: Cos'è, Come Funziona, Come ottenerlo
Immagine sopra: una zanzariera da finestra

Chi può avere il Bonus Zanzariere 2021?

Può fruire del Bonus Zanzariere 50% chiunque abbia diritto di godimento reale sull’immobile oggetto dei lavori, che potrà essere:

  • Persona fisica, con detrazione Irpef
    • Proprietario
    • Nudo proprietario
    • Affittuario
    • Comodatario
    • Condomini per parti comuni
    • Soggetto con usufrutto o altro diritto reale
  • Persona giuridica, con detrazione Ires
    • Impresa
    • Libero professionista che utilizza l’immobile per esercizio attività
    • Associazione di professionisti
    • Ente pubblico o privato che versa Ires
    • Case popolari o enti con stesse finalità

La sovvenzione può essere richiesta per immobili di qualsiasi categoria catastale purchè già esistenti, regolamente accatastati e in regola col pagamento dei tributi. Sono inclusi:

  • Immobili residenziali
  • Uffici
  • Negozi
  • Bar e ristoranti
  • Alberghi

Sono invece esclusi immobili in costruzione o assimilabili, come pertinenze o ampliamenti, nonché spese per la semplice sostituzione di reti o singoli componenti. Infine, le spese eccedenti alla detrazione non potranno essere rimborsate gli anni successivi.

Come richiedere il Bonus Zanzariere 2021?

Per ottenere le detrazioni fiscali sulle zanzariere è necessaria comunicazione dell’intervento svolto all’ENEA in via telematica, all’indirizzo ecobonus2021.enea.it, che potrà essere effettuata da:

  • Beneficiario della detrazione fiscale e che ha pagato l’intervento; qualora vi siano più beneficiari deve redigerla solo uno di essi
  • Amministratore del condominio per interventi sulle parti condivise
  • Intermediario/tecnico abilitato che compili la dichiarazione su incarico di beneficiario o amministratore

I lavori dovranno essere pagati con bonifico o altre modalità diverse dai contanti e dovrà essere conservata la seguente documentazione:

  • Fatture e ricevute
  • Copia ricevuta bonifico parlante o bonifico online
  • Certificazione di fornitore, produttore o assemblatore su rispetto requisiti tecnici
  • Schede tecniche componenti
  • Documentazione originale ENEA opportunamente firmata
  • Ricevuta invio effettuato all’ENEA

Infine, da ricordare che la comunicazione all’ENEA dovrà essere inviata entro 90 giorni dal termine dei lavori.

Il Bonus Zanzariere 2021 è cumulabile col Superbonus 110%?

Nonostante siano bonus differenti e legati a diversi aspetti dell’efficientamento energetico dell’ambiente domestico, secondo l’Agenzia delle Entrate il Bonus Zanzariere può usufruire anche della detrazione al 110% a patto che la struttura installata integri elementi oscuranti. Anche in questo caso, verranno coperti anche i costi della documentazione tecnica.

Quali permessi per montare zanzariere?

A differenza di altri Ecobonus su interventi strutturali a fine d’efficienza energetica, l’installazione delle zanzariere non richiede alcun permesso specifico presso gli uffici tecnici comunali: si potrà procedere liberamente una volta accordatosi con l’installatore su giorno e orario del montaggio.

Se installate in condominio, il progetto deve essere preventivamente presentato all’assemblea: ottenuta l’approvazione, nessuna contestazione potrà portare alla sua rimozione eccetto casi di specifiche norme nel regolamento condominiale. Secondo la sentenza 3222 del 17/03/2017 del Tribunale di Milano, le zanzariere non devono danneggiare decoro architettonico ed estetico del condominio.

Infine, nel caso di installazione in immobili in affitto o comodato, è necessario avere il consenso del proprietario che, secondo la risposta 140/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate, può essere richiesto anche telefonicamente. Autorizzazione scritta sarà invece richiesta al momento della dichiarazione dei redditi.

Conclusioni

Concludendo quest’esame, si nota come il Bonus Zanzariere 2021 non sia una sovvenzione a se stante bensì un’importante parte degli Ecobonus dedicati all’ecosostenibilità di ambiente domestico e non solo.

Specialmente in estate le zanzariere acquisiscono un ruolo cruciale, per salvaguardare la salute e garantire maggiore comfort in un periodo che è il più caldo e umido dell’anno; nel farlo proteggono dai fastidiosi insetti prerogativa della stagione, che negli anni divengono sempre più aggressivi.

A conti fatti, richiedere il Bonus Zanzariere è semplice e non prevede particolari requisiti burocratici ma solo strutturali, sarà comunque necessario accertarsi di soddisfarli al meglio, anche qualora si viva in condominio o affitto.

Elenco dei Bonus a disposizione

Bonus Bebè

80 euro

Bonus ristrutturazione 110%

Incentivi auto 

Bonus bici

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *