Nazioni più ricche del mondo per abitante

Dopo aver visto i Paesi più ricchi del mondo, vediamo qual’é la ricchezza per cittadino di questi paesi.

Se è vero che l’economia italiana é 9a rispetto alla grandezza del PIL, allora scendiamo e non di poco come PIL per cittadino.

Secondo i dati dei servizi segreti americani, la CIA ( che Noi riteniamo più attendibili di altre fonti, quando si parla di questo tipo di argomenti) siamo al 38° posto sui quasi 200 paesi del mondo.
Ai primi posti notiamo quelli che possiamo definire senza paura di smentita dei veri e propri paradisi fiscali.

Gli oggetti più costosi del mondo

    Si tratta di paesi come il Lichtenstein, Macau, Monaco o le isole Bermuda, Lussemburgo e Singapore , il nostro San Marino.
    Tutti posti con pochissimi abitanti e famosi per le tasse al minimo e allora?
    Se è vero che in questi paesi c’è tanta ricchezza, è anche vero che è distribuita tra gli abitanti?
    In questi paesi hanno la residenza alcuni delle persone più ricche del mondo, che difficilmente spartiscono la loro torta di ricchezza col vicino di casa.

    Nazioni più ricche del mondo per abitante
    Qatar, dove si va a fare spesa
    con la Lamborghini

    Paesi più ‘normali’ ai quali Noi possiamo confrontarci è sicuramente la
    Germania, al 21° posto e gli Stati Uniti, al 20°.
    Secondo questa classifica ogni cittadino italiano dovrebbe avere entrate per circa ventimila euro all’anno.
    A Voi risulta?

    Il cittadino più ricco del mondo?

    • Abita in Qatar, e guadagna 100 mila dollari. Peccato che in Qatar ci siano sceicchi che guadagnano questa cifra moltiplicata mille , nonché immigrati che lavorano trattati quasi come schiavi.

    Il cittadino più povero del mondo?

    • Abita in Congo e guadagna 400 dollari all’anno, cioè circa 300 euro al mese

    Se non vi risulta, cioé se vi risulta che produciate ricchezza inferiore o superiore ai 20 mila euro all’anno allora commentate qui sotto

    ricchezza per abitante nel mondo

    Stati per PIL (nominale) pro capite

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *