Se il Coronavirus non sarà contenuto una recessione globale è quasi certa

Gli economisti cercano di stimare l’impatto di una pandemia, ma non sappiamo quanto possa essere grave, ecco delle opinioni di previsione di esperti di Wall Street che approfondiscono lo scenario peggiore e che pubblichiamo di seguito ( prima redazione 25 febbraio )

Il mondo si è svegliato lunedì alla realtà che l’epidemia di coronavirus avrà un impatto molto più grande sull’economia globale di quanto gli investitori e i decisori politici abbiano ipotizzato. Quanto è grande, nessuno lo sa davvero.

La scorsa settimana, sembrava che i mercati finanziari credessero che COVID-19 sarebbe stato contenuto. Ma nuovi casi in Italia, Corea del Sud e Iran nel fine settimana hanno minato questa convinzione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha cercato di rassicurare il pubblico lunedì, affermando che la malattia non era ancora una pandemia perché si sta diffondendo in modo contenuto.

Indipendentemente dai mercati azionari GDOW,-3,04% SPX,-3,52% e altri mercati finanziari BUXX,-0.12% TMUBMUSD10Y, -7,57% GC00,+ 1.82% stava rapidamente ricalibrando lo scenario peggiore, quello in cui centinaia di milioni di persone sarebbero state infettate e milioni sarebbero morte.

Leggi anche: La credibilità della Cina messa alla prova dal coronavirusCOVID ed economia globale

Lo scenario peggiore: quello a cui però bisogna prepararsi

Gli investitori stanno appena cominciando a valutare la possibilità di una brutta e brutta recessione globale che sarebbe seguita da un rapido rimbalzo una volta che la malattia avesse seguito il suo corso.
A lungo termine, ovviamente, una pandemia potrebbe avere effetti di più ampia portata, tra cui una forza lavoro più piccola e meno produttiva e persino un riordino della globalizzazione.
Una pandemia “potrebbe produrre un impatto a breve termine sull’economia mondiale simile in profondità e durata a quella di una recessione postbellica media negli Stati Uniti”, ha scoperto il CBO, cioè l’Ufficio Ragioneria del Congresso degli Stati Uniti

Vorremmo pensare di poter sapere il peggio che potrebbe accadere, ma c’è ancora così tanto che non si sa su COVID-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus che è emerso in Cina e che ora si sta diffondendo in tutto il mondo. La maggior parte delle analisi economiche si basa su pandemie passate, come la pandemia influenzale globale del 1918, e attacchi più recenti con influenza aviaria, SARS e MERS.

Se il Coronavirus non sarà contenuto una recessione globale è quasi certa

Niente di simile nella storia recente

Ma nessuno di questi esempi si adatta perfettamente alla situazione attuale. Per prima cosa, a differenza dell’influenza, nessuno al mondo ha un’immunità naturale a questa malattia, né esiste un vaccino. Il coronavirus è abbastanza contagioso e molte più persone hanno probabilmente COVID-19 di quanto si ipotizzi in queste simulazioni pandemiche generiche.

Le pandemie più recenti non erano così diffuse o mortali come questa sembra essere. Le persone che non sembrano essere malate possono trasmettere il virus, rendendo più difficili gli sforzi per contenere le sue magnitudini diffuse.

Inoltre, la pandemia di influenza del 1918 si è verificata in un altro mondo, il mondo prima delle compagnie aeree ha ridotto il mondo, il mondo prima della globalizzazione ha avvicinato le nostre economie più che mai, e il mondo prima di Internet, una tecnologia che può diffondere disinformazione e temere viralmente attorno globo in un istante.

Ad esempio, la pandemia del 1918 non sembrò avere un grande impatto sul commercio globale o sui mercati finanziari. Confrontalo con quello che abbiamo già visto con COVID-19. Ecco cosa dicono Apple, Procter & Gamble, Walmart e altre società statunitensi sull’epidemia di coronavirus .

Ciò significa che l’impatto economico di una pandemia globale di queste proporzioni potrebbe essere molto più grande di quello che gli investitori e i responsabili politici hanno assunto.

 

Leggi anche >> Cosa fare degli investimenti con il Coronavirus

Il PIL potrebbe contrarsi del 4,5%?

Molti economisti hanno cercato di modellare le conseguenze economiche di una pandemia.

CBO ha condotto uno studio nel 2005 e nel 2006, modellando l’impatto di una pandemia influenzale del 1918 sull’economia. Hanno scoperto che una pandemia “potrebbe produrre un impatto a breve termine sull’economia mondiale simile in profondità e durata a quella di una recessione postbellica media negli Stati Uniti”. In particolare, una grave pandemia potrebbe ridurre il prodotto interno lordo degli Stati Uniti di circa il 4,5%, seguito da un forte rimbalzo.

Il CBO ha ipotizzato che 90 milioni di persone negli Stati Uniti si sarebbero ammalate e 2 milioni sarebbero morte. Ci sarebbero anche effetti dal lato della domanda, con un calo dell’80% nel settore delle arti e dell’intrattenimento e un calo del 67% nei trasporti. La vendita al dettaglio e la produzione calerebbero del 10%.

Gli Stati Uniti non erano preparati per una pandemia di influenza allora, ha detto il CBO, e non lo è ora.

“Se una pandemia dovesse verificarsi nel breve termine, le opzioni per gli Stati Uniti sarebbero limitate ai tentativi di controllare la diffusione del virus e l’uso giudizioso di strutture mediche, personale e forniture limitate”, ha concluso l’agenzia bipartisan. “A lungo termine, sono potenzialmente disponibili più strumenti, tra cui una maggiore capacità di trattamento, un maggiore utilizzo di vaccini e scorte di farmaci antivirali e possibili progressi nella tecnologia medica.”

Altre simulazioni delle economie statunitensi e non statunitensi hanno riscontrato impatti economici simili, anche se la ricerca è arrivata a una fase precedente della globalizzazione, quando la nostra economia non era tanto dipendente dalle catene di approvvigionamento lontane.

Impatto sull’economia italiana 

l’impatto sull’economia italiana inizierà a sentirsi dal Marzo, mese in cui probabilmente si entrerà in recessione tecnica e durerà mesi.

Il più grave problema sarà quello di fermare impianti industriali, tutto il settore turistico e quello dell’intrattenimento. Sarà però il settore turistico e dell’alta moda a subire più danni, settori che da soli sono una bella fetta del PIL.

Nel 2021 però, tutto questo dovrebbe essere solo un brutto ricordo. 

Mettere in quarantena l’economia

Gran parte dell’impatto economico immediato di una pandemia può essere ricondotto agli sforzi per contenerla, piuttosto che dagli effetti della malattia stessa. Mentre tentiamo di mettere in quarantena coloro che potrebbero diffondere la malattia, chiudiamo molte attività economiche.

Le quarantene potrebbero essere l’unico modo per rallentare la diffusione di COVID-19, ma potrebbero anche ostacolare la nostra risposta. Il nostro sistema sanitario si basa anche su input vitali per medicine, forniture e attrezzature prodotte in tutto il mondo, tra cui la Cina e altre economie asiatiche duramente colpite. E ovviamente ci affidiamo al libero flusso di migliaia di altri beni e servizi.

Il potenziale impatto di questa pandemia è rassicurante. Soprattutto, abbiamo bisogno di un pensiero chiaro da parte dei nostri leader e del pubblico e di una risposta globale coordinata basata sui fatti e sulle migliori pratiche di salute pubblica. Dobbiamo tutti essere al meglio.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *