Quanto Costa un Matrimonio Oggi, nel 2020?

Sposarsi è solitamente una formalità, ma gli italiani non se la fanno mancare. Per organizzare le nozze bisogna sin da subito elaborare i costi e quantificare il budget che coppia e famiglie hanno a disposizione. Per capire quanto costa un matrimonio bisogna partire dal presupposto che le sue spese varieranno a seconda della cerimonia che si intende organizzare. Se da una parte non si bada all’ammontare complessivo, dall’altra è sempre opportuno eliminare le spese più superflue, concentrandosi sugli elementi indispensabili.

L’importanza del matrimonio in Italia

Sebbene una parte della popolazione italiana preferisca la convivenza, per il 55% degli italiani il matrimonio è ancora un passo essenziale nella propria vita di coppia. Nonostante negli ultimi anni si sia visto un incremento notevole dei riti civili rispetto quelli religiosi fino a toccare il 49% della totalità nel 2018, la cerimonia resta una prerogativa della coppia e delle famiglie italiane.

Tra le promesse, il rispetto e il rapporto nella coppia il fascino della cerimonia resta, suddividendosi tra:

  • Rito civile, celebrato in municipio dal sindaco o da un consigliere, dove vengono letti gli articoli del codice civile in merito e viene firmato il registro comunale, con un vero e proprio atto formale di matrimonio, il tutto con una procedura semplice e veloce dalla durata di circa 15-20 minuti
  • Rito religioso, celebrato in chiesa da un parroco, richiede obbligatoriamente l’avere tutti i sacramenti ed un corso prematrimoniale, in questo vengono firmati i registri sia ecclesiastico che comunale in atto formale, con una durata tra funzione religiosa e burocratica di circa un’ora
  • Rito simbolico, senza valore legale e quindi non ancora riconosciuto, viene officiato da un laico professionista che scrive il testo di suo pugno, mentre la cerimonia è completamente personalizzabile dalla coppia in ogni dettaglio

Escluso il rito simbolico, che chiede una cerimonia ufficiale in seguito per essere riconosciuto dalla legge, rito religioso e civile costituiscono a tutti gli effetti dei contratti che uniscono formalmente la coppia nel vincolo del matrimonio, riconoscendo a loro volta il legame di eventuali figli.

Quanto Costa un Matrimonio Oggi, nel 2020?

Costi generali di un matrimonio

Molte coppie specialmente giovani fanno grandi sacrifici per affrontare il giorno del loro matrimonio, mettendo in conto una spesa che può aggirarsi minimamente intorno ai 10.000 euro, fino ad arrivare ad un massimo che può toccare i 100,000 euro. In tutto questo però c’è da considerare diversi aspetti:

  • Città della cerimonia
  • Tipologia e luogo della cerimonia
  • Tipologia e luogo del ricevimento
  • Numero di invitati

Considerando una media di circa 100 invitati, le voci di spesa principali si suddividono in:

  • Partecipazioni, con buste e francobolli, hanno un costo che varia in base a materiale e consistenza e dal numero di invitati, per una spesa dai 250 ai 500 euro complessivi
  • Bomboniere, bigliettini e confetti inclusi, hanno un costo variabile a seconda di composizione e dimensioni, nonché a fama e qualità del pasticcere per quanto riguarda i confetti, per una spesa dai 400 ai 1,000 euro complessivi
  • Bouquet, nastri inclusi, ha un costo che varia in base alla composizione e alle dimensioni, nonché dalla fama del fiorista, per una spesa dai 40 ai 250 euro complessivi
  • Abito della sposa, accessori e gioielli inclusi, ha un costo che varia a seconda di dimensioni, tessuti, decorazioni e valore dei preziosi annessi, per una spesa dai 1,700 agli 8,200 euro complessivi
  • Trucco ed estetica per la sposa, compresi acconciatura ed eventuali trattamenti di bellezza, hanno un costo che varia a seconda della fama di parrucchiere, truccatore ed estetista, per una spesa dai 1,200 ai 7,500 euro complessivi
  • Abito dello sposo, accessori e preziosi inclusi, ha un costo variabile in base a dimensioni, tessuto ed eventuali decorazioni, minore rispetto a quello dell’abito femminile, per una spesa dagli 800 ai 5,000 euro complessivi
  • Damigelle e paggetti, hanno un costo variabile per età, abbigliamento, decorazioni e addobbi portati, per una spesa dai 500 ai 2,000 euro complessivi
  • Fedi nuziali, hanno un costo che varia a seconda di valore e/o caratura della lega utilizzata, qualità delle incisioni nonché fama dell’orefice, per una spesa dai 200 ai 1,500 euro complessivi
  • Fotografo, richiede un compenso in base alla sua fama e alla sua tecnica, a quantità e difficoltà delle foto da scattare e alla presenza di eventuali assistenti, per una spesa dai 500 ai 2,500 euro complessivi
  • Addobbi floreali, hanno un costo che cambia in base della qualità e della dimensione del lavoro svolto nonché dalla fama del fiorista, per una spesa dai 700 ai 1,300 euro complessivi
  • Ricevimento, con affitto della sala incluso ed eventuale cantante, dj o animazione per bambini, è il costo maggiore da sostenere tra le voci che varia a seconda di luogo e tipologia, per una spesa dai 100 ai 300 euro a invitato, può essere:
    • Catering
    • A buffet
    • Cucina tradizionale italiana
    • Cucina estera
    • Cucina gourmet

Infine, oltre ai suddetti servizi, la coppia si può avvalere della consulenza di un wedding planner, figura professionale che segue l’organizzazione dell’evento così come la scelta di ogni elemento. Il wedding planner richiede un compenso basato sulla sua fama e sulla difficoltà e durata di organizzazione, per una spesa dai 300 ai 600 euro per singoli elementi o dai 1,200 ai 2,500 euro per il servizio completo.

Conclusioni

Dopo aver capito quanto costa un matrimonio esaminando tutte le spese ad esso connesse, si può affermare che anche in questo ambito è possibile risparmiare, scegliendo servizi low-budget senza però rinunciare alla qualità, sia estetica che funzionale.

Per molti il matrimonio rappresenta una formalità o, a conti fatti, un’azione per essere legalmente riconosciuti che non cambia però in nessun modo il rapporto di coppia. Per tale motivo molte persone preferiscono la convivenza senza vincoli di legge. Nonostante ciò, però, sono tanti gli italiani che risparmiano in vista di questo grande evento, che sia religioso, civile o semplicemente simbolico.

Questo avviene perchè le nozze sono una tradizione forte e strettamente legata al retaggio italiano, che resiste agli anni così come alle vicissitudini dell’attuale scenario economico nazionale, modernizzandosi e semplificandosi, senza però mai perdere quel fascino e quell’atmosfera da vivere in una cerimonia unica.

MATRIMONIO; COSE DA SAPERE

Assegno di mantenimento in caso di divorzio 

Divorzio Breve

Avvocato divorzista

Economia Italia è un sito che si occupa di economia, finanza, tasse e pensioni dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *