Oro a Natale: l’importanza dell’Oro nelle Religioni

Regalare oro a Natale è una tradizione antica quanto il cristianesimo. Oro e Religione sono sempre stati simbolicamente legati in innumerevoli civiltà dall’antichità ai giorni nostri. Dall’opera d’arte religiosa al simbolismo religioso, l’oro è unico tra i metalli per essere presente  in molte delle religioni del mondo e l’oro è stato a lungo associato alla sfera divina e regalo di Natale di valore e che rimane nei decenni.

Oro nel cristianesimo

Durante il periodo festivo del Natale possiamo capire quanto sia importante l’oro nella religione. Nella tradizione cristiana ad esempio, l’oro compare nella storia del Natale e nella sua associazione con la nascita di Gesù Cristo a Betlemme. Secondo la Bibbia, quando Gesù Cristo nacque a Betlemme, un gruppo di saggi (Magi) fece un viaggio dall’Oriente per celebrare e adorare la nascita, portando con sé in dono oro, incenso e mirra. Il dono dell’oro era un simbolo di ricchezza e potere, ma anche, secondo gli studiosi religiosi, un simbolo della regalità di Cristo sulla Terra.

Presepe a Betlemme con Magi che portano doni tra cui l'oro
Immagine sopra: Presepe a Betlemme con Magi che portano doni tra cui l’oro

Infatti, in tutta la Bibbia, l’oro è spesso menzionato, dal primo libro (Genesi) all’ultimo libro (Apocalisse), e ovunque nel mezzo. Ad esempio: nel Libro della Genesi c’è il  riferimento a 4 fiumi che sgorgano dal Giardino dell’Eden, uno dei quali, il Pishon, “corre intorno all’intero paese di Havilah, dove c’è l’oro. ” (Genesi 2:10 e 2:11). E nel Libro dell’Apocalisse, una descrizione di una nuova Gerusalemme descrive ” la piazza della città era d’oro puro, come fosse vetro trasparente ” (Apocalisse 21:21).

Mentre all’oro viene attribuito un valore considerevole nella Bibbia ed è spesso indicato come la sostanza più preziosa sulla terra e la più grande forma di ricchezza, è anche giustapposto al valore spirituale, in modo da illustrare che il valore spirituale è al di là anche del sostanziale valore materiale d’oro. Ad esempio, Salmo 119:127 dice che: “Perciò amo i tuoi comandamenti più dell’oro, sì, più dell’oro fino!”

Quindi non sorprende quindi che l’oro svolga un ruolo importante nella religione cristiana. Nel cristianesimo, l’oro è stato ampiamente utilizzato per decorare chiese, cattedrali e cappelle, per modellare croci, calici e mobili d’altare, e come foglia d’oro per dorare statue, adornare manoscritti e per rappresentare aureole e luce divina nell’arte del Medioevo e del Rinascimento . L’oro si trova anche sulle cupole dorate di alcune chiese cristiane ortodosse dell’Europa orientale.

Il ruolo dell’oro nelle religioni

Ma cosa possiede l’oro che gli conferisce un fascino universale per tutte le principali religioni del mondo e per le antiche tradizioni religiose dell’antichità, come nell’antico Egitto? E perché nella gerarchia dei metalli l’oro ha la precedenza sugli altri tutti i metalli?

I motivi sono tanti e vari. Con il suo bagliore unico e la sua lucentezza gialla, l’oro è il simbolo del colore del sole, e nell’arte religiosa l’oro è associato alla luce del giorno e all’energia del divino.

E poiché le religioni si evolvono e cambiano e sono influenzate dalle precedenti tradizioni religiose, lo status speciale dell’oro in un contesto religioso è persistito nel corso della storia da una religione all’altra.

Replica dell'Arca dell'Alleanza
Immagine sopra: Replica dell’Arca dell’Alleanza

Si diceva che la biblica Arca dell’Alleanza, che un tempo era conservata a Gerusalemme, fosse completamente dorata. E nel giudaismo, anche la simbolica menorah o candelabro è spesso realizzata in oro. Alcune delle Scritture e degli Scritti del giudaismo si sovrappongono anche a vari testi dell’Antico Testamento nella Bibbia cristiana, quindi i riferimenti all’oro nelle Scritture e negli Scritti ebraici sono anche in una certa misura gli stessi riferimenti all’oro che si trovano nell’Antico Testamento.

Oro nell’Islam

L’oro ha avuto a lungo un intricato legame con la cultura islamica e il suo ruolo è stato modellato dalla necessità di conformarsi agli insegnamenti islamici. Poiché l’usura è vietata nell’Islam, una forma di denaro, come l’oro, che non comporta interessi e l’usura si è evoluta nella forma della storica moneta del dinaro d’oro e del dirham d’argento islamico. Questo storico dinaro d’oro nell’Islam fu prodotto per la prima volta nel settimo secolo. Secondo , il dinaro doveva essere fatto di oro 22k e avere un peso di 4,25 grammi. Poiché il dinaro è oro, il suo peso ne determina il valore, e ha agito come mezzo di scambio stabile e non come promessa cartacea, rispettando ancora una volta la parola del Corano.

Nei tempi moderni, c’è stato persino un risveglio di interesse per il concetto di questo storico dinaro d’oro in Malesia. Ciò ha portato a una serie di iniziative in cui i moderni dinari d’oro sono stati lanciati dagli stati nel 2010 e nel 2011. Un lato del dinaro d’oro Perak presenta persino il design del dinaro d’oro originale della fine del VII secolo d.C. I moderni dinari d’oro sono stati emessi anche dalla .

dinaro d'oro islamico
Sopra: dinaro d’oro islamico

Secondo la legge della Shari’ah, l’oro è anche uno dei 6 beni Ribawi (insieme ad argento, grano, orzo, sale e datteri) che devono essere venduti in base al loro peso e misura, in modo da garantire l’uguaglianza delle transazioni tra le parti commerciali. La speculazione è vietata anche nelle merci Ribawi.

Con la crescita e la proliferazione delle moderne attività di investimento basate sull’oro, è stato necessario aggiornare le linee guida della Shari’a sul tipo di transazioni in oro che soddisfano la conformità alla Shari’a. Ciò è stato ottenuto nel dicembre 2016, quando l’Organizzazione per la contabilità e la revisione contabile delle istituzioni finanziarie islamiche (AAOIFI) ha emesso uno che ha chiarito le forme di reclamo Shari’a relative all’oro che possono essere scambiate o utilizzate in prodotti di investimento garantiti dall’oro. Leggi anche: Mutuo islamico .

L’oro è importante anche nell’Islam come decorazione e ornamento. Mentre l’Islam generalmente proibisce agli uomini di indossare l’oro (ma non alle donne), l’architettura islamica a volte fa anche un uso abbondante dell’oro in aree come la decorazione della moschea, ad esempio la ad Abu Dhabi.

L’oro nell’induismo

L’oro è fondamentale per la religione e la cultura indù praticata in tutta l’India. Alcune delle principali divinità indù sono associate all’oro come Brahma, il dio indù della creazione che nacque da un uovo d’oro cosmico della creazione. L’oro è anche il simbolo di Lakshmi, la dea indù della ricchezza, della prosperità e della buona fortuna.

Pertanto, l’oro è di buon auspicio nell’induismo, il che spiega anche perché viene regalato per matrimoni e altre occasioni speciali e regalato durante feste come Dhanteras. Per lo stesso motivo, l’oro viene donato nelle cerimonie indù e i devoti fanno regolarmente donazioni e offerte di oro ai templi indiani.

il più grande tesoro d'oro del mondo
Immagine Sopra: il tempio Sree Padmanabhaswamy in Kerala

Il tempio Sree Padmanabhaswamy in Kerala conserva quello che oggi è considerato il più grande tesoro d’oro del mondo. Questo tesoro è stato confermato nel 2011, quando alcune delle volte sotterranee di questo tempio sono state aperte per ordine della Corte Suprema dell’India. Il tesoro del tempio Padmanabhaswamy, che contiene ornamenti d’oro, statue d’oro, enormi quantità di monete d’oro e persino un trono d’oro, è stato accumulato nel corso di migliaia di anni dalle donazioni del tempio, comprese le donazioni di ex dinastie e re indiani.

Alcuni templi in India sono addirittura ricoperti d’oro, come il tempio d’oro di Sripuram nel Tamil Nadu, ricoperto da 1500 kg di oro puro, e il tempio d’oro di Sri Harmandir Sahib nel Punjab – importante meta di pellegrinaggio per i sikh – il cui santuario è ricoperto di lamina d’oro.

L’oro nel buddismo

L’oro è anche centrale e venerato nel buddismo. Il colore oro nel buddismo è associato ai raggi dorati del sole e dell’illuminazione.

Tempio del Buddha d'oro: Wat Traimit, Bangkok
Immagine sopra: Tempio del Buddha d’oro a Wat Traimit, Bangkok

La cultura buddista presenta varie famose statue di Buddha in oro massiccio, la più grande delle quali è il Buddha d’oro nel tempio di Wat Traimit a Bangkok, in Thailandia, che pesa 5,5 tonnellate ed è alto 2 metri. Anche le statue buddiste nelle regioni tibetane sono solitamente dipinte d’oro. Nel 2013, l’ex re della Thailandia ha persino donato quasi 300 kg d’oro per decorare la guglia del tempio buddista di Mahabodhi a Bodh Gaya, in India. L’oro è anche usato per decorare il famoso tempio buddista zen del padiglione d’oro a Kyoto, che rivestito in foglia d’oro zecchino.

Regali d’oro per le festività natalizie

Poiché l’oro è raro e prezioso, è sempre stato e sarà sempre un regalo straordinario che sarà amato e ricordato. Con il suo legame intrinseco con il Natale e la tradizione cristiana, così come la profonda associazione con tutte le altre principali religioni del mondo, il dono dell’oro è anche un dono premuroso che trascende anche il valore materiale dell’effettivo contenuto d’oro. Potrebbe essere interessante quindi conoscere una selezione di lingotti d’oro e monete d’oro ideali da regalare e che creeranno un’impressione duratura per coloro che li ricevono.

Regalare lingotti d’oro a Natale

Ci sono dei nomi prestigiosi e ricercati in tutto il mondo per i lingotti d’oro di alta qualità. Fabbricati in Svizzera, i lingotti d’oro puro al 99,99%  sono regali ideali, come un presentato in una scheda di presentazione stilizzata e sicura, o il più tradizionale e robusto , ognuno dei quali è stampato sul anteriore con il proprio numero di serie. Queste ditte producono anche un’intera gamma di lingotti d’oro coniati più piccoli che fanno anche grandi regali, come un dal prezzo interessante .

Per i clienti che preferiscono regalare lingotti d’oro più piccoli e quindi con meno spesa, ci sono anche pesi dei lingotti da 50 grammi e lingotti da 100 grammi.

I prodotti in oro divisibile, spesso noti come combi gold o multi gold, sono ideali per i regali in oro in quanto consistono in una serie di lingotti d’oro staccabili, che possono essere regalati individualmente. In particolare Vi segnaliamo quelli della prestigiosa raffineria d’oro Heraeus di Hanau, in Germania, è un disco girevole e a prova di manomissione contenente 10 lingotti d’oro da 1 grammo coniati singolarmente. Il design di questo disco consente di erogare singoli lingotti d’oro da 1 grammo, quindi è un prodotto ideale per coloro che desiderano regalare piccoli lingotti d’oro a una serie di destinatari.

Allo stesso modo, il da 50 grammi della famosa raffineria svizzera Valcambi può essere suddiviso in lingotti d’oro da 50 x 1 grammo. I CombiBar d’oro comprendono un rettangolo 10 x 5 di lingotti d’oro da 1 grammo delle dimensioni e della larghezza di una carta di credito, che può anche stare in un portafoglio. I lingotti da 1 grammo di ogni Combibar sono tenuti insieme da scanalature all’interno del lingotto d’oro più grande che può essere attaccato individualmente e regalato.

Ogni segmento di lingotto d’oro da 1 grammo è anche impresso con il logo Valcambi e il peso e la finezza del segmento, quindi quando viene staccato, ogni segmento porta ancora la garanzia di autenticità di Valcambi.

Regalare monete d’oro a Natale

Una delle monete d’oro d’oro più apprezzate al mondo è la foglia d’acero canadese d’oro, prodotta dalla Royal Canadian Mint di Ottawa, in Canada. Realizzata in quattro dimensioni da una , fino a , e , la gamma Gold Maple Leaf offre interessanti opzioni regalo a una serie di livelli di prezzo ed è un regalo bello e premuroso per il destinatario.

Un altro regalo senza tempo nella categoria delle monete d’oro è la , prodotta dalla prestigiosa zecca austriaca, una delle zecche più antiche d’Europa. Questa moneta d’oro da 1 oncia, che non ha corso legale nella zona euro, celebra l’Orchestra Filarmonica di Vienna, famosa in tutto il mondo per i suoi concerti di Capodanno e Capodanno a Vienna, in Austria.

Per approfondire l’argomento di monete e lingotti d’oro, Vi rimandiamo alle “risorse utili” qui sotto, cioè degli articoli di. approfondimento di ogni argomento elencato.

Risorse utili:

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *