Funerali di Stato in Italia: Cosa sono, Quanto Ci Costano

Per la morte di Silvio Berlusconi ci saranno dei Funerali di Stato, ma chi ne ha diritto, cosa significa e quanto costa alle casse dello Stato questo modo di fare dei funerali, perchè si fa così ?

 

Cosa sono i Funerali di Stato

 

I Funerali di Stato in Italia sono una cerimonia funebre pubblica che viene effettuata quando una persona di notevole importanza per la nazione muore. Di solito, si tratta di politici di alto rango, come presidenti o primi ministri, ma possono anche includere persone altamente rispettate in vari settori, come l’arte, la scienza o lo sport.

Il governo italiano decide chi riceverà un funerale di stato. Questa decisione è presa sulla base del contributo della persona alla società italiana o internazionale.

Questi funerali possono includere un corteo funebre attraverso le strade, discorsi di personaggi importanti, un servizio funebre formale e, talvolta, un periodo di lutto nazionale. Sono eventi altamente simbolici che celebrano la vita e il contributo del defunto alla società.

Funerali di Stato in Italia: Cosa sono, Quanto Ci Costano
Funerali di Stato in Italia: Cosa sono, Quanto Ci Costano

Chi ha diritto ai funerali di Stato

I Funerali di Stato in Italia sono riservati alle persone che hanno avuto un impatto significativo sulla nazione. Generalmente, le categorie di persone che possono ricevere un funerale di stato includono:

  1. Il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio dei Ministri e i Ministri in carica.
  2. Ex Presidenti della Repubblica e ex Presidenti del Consiglio dei Ministri.
  3. Membri di alto rango del governo italiano, passati o presenti.
  4. Persone che hanno avuto un impatto significativo sulla società italiana, sia a livello nazionale che internazionale. Questo può includere artisti, scienziati, sportivi, figure religiose, attivisti per i diritti civili e altre personalità di spicco.
  5. In casi eccezionali, le vittime di alcuni disastri o attacchi terroristici possono ricevere un funerale di stato.

Il riconoscimento di un funerale di stato è un’onore conferito dal governo italiano. Il Presidente della Repubblica o il Presidente del Consiglio dei Ministri decide se una persona è meritevole di tale onore. Si tratta di una decisione molto seria e considerata, che riflette il rispetto e la gratitudine della nazione per il contributo del defunto.

 

Cosa prevede il cerimoniale per i funerali di Stato

Il cerimoniale per i Funerali di Stato in Italia è un insieme di procedure formali e tradizioni che vengono rispettate per onorare adeguatamente la persona deceduta. Il cerimoniale può variare a seconda del rango e del ruolo del defunto, ma generalmente include i seguenti elementi:

  1. Proclamazione del Lutto Nazionale: Il governo può proclamare un giorno di lutto nazionale in cui le bandiere nazionali vengono issate a mezz’asta e le attività pubbliche possono essere limitate.
  2. Trasporto del Feretro: Il feretro può essere trasportato in un corteo funebre che passa per le strade delle principali città, permettendo ai cittadini di rendere omaggio.
  3. Esposizione della Salma: In alcuni casi, la salma può essere esposta in un luogo pubblico, come il Quirinale o il Campidoglio a Roma, per permettere ai cittadini di rendere omaggio.
  4. Cerimonia Funebre: La cerimonia funebre può avvenire in una chiesa o in un altro luogo significativo. Può includere discorsi di personaggi importanti che ricordano la vita e il contributo del defunto.
  5. Sepoltura o Cremazione: La sepoltura o la cremazione avviene secondo le volontà del defunto o della sua famiglia. In alcuni casi, il luogo di sepoltura può diventare un luogo di memoria nazionale.
  6. Onori Militari: A seconda del rango e del servizio del defunto, possono essere resi onori militari, come salve di cannoni, una guardia d’onore o la presenza di rappresentanti delle forze armate.

Ricorda che queste sono generalità e il cerimoniale effettivo può variare a seconda delle circostanze specifiche e delle preferenze del defunto o della sua famiglia.

 

Esequie di Stato e lutto nazionale

 

“Esequie di Stato” e “lutto nazionale” sono due termini che possono essere utilizzati in relazione ai funerali di stato.

Le “Esequie di Stato” si riferiscono alla cerimonia funebre formale per una persona di notevole importanza per la nazione, come un capo di stato, un membro del governo, o altre figure importanti. Questa cerimonia può includere un servizio religioso, discorsi commemorativi, un corteo funebre e altre tradizioni funebri. L’organizzazione delle esequie di stato è gestita dal governo e sono solitamente seguite da un gran numero di persone, sia in persona che attraverso la trasmissione televisiva.

Il “lutto nazionale” è un periodo durante il quale un paese intero esprime il proprio dolore per la morte di una persona significativa o a seguito di un evento tragico, come un disastro naturale o un attacco terroristico. Durante il lutto nazionale, le bandiere sono generalmente esposte a mezz’asta e potrebbero essere sospese alcune attività governative o pubbliche. La durata del lutto nazionale può variare, ma di solito dura uno o più giorni.

Entrambi questi concetti sono usati per riconoscere e onorare il contributo di una persona alla società e alla nazione, e per permettere ai cittadini di esprimere il loro dolore e rispetto.

 

 

Costo dei funerali di Stato

Il costo dei Funerali di Stato può variare molto a seconda delle circostanze specifiche e della complessità della cerimonia. Tuttavia, poiché si tratta di un evento organizzato dal governo, le spese sono generalmente sostenute dallo stato.

Le variabili che possono influenzare il costo complessivo di un funerale di stato includono:

  1. Luogo della cerimonia: Il costo del luogo dove si svolge la cerimonia può variare a seconda delle dimensioni e della posizione. Questo può includere il costo dell’affitto del luogo, se necessario.
  2. Servizi di sicurezza: Poiché un funerale di stato spesso attira un gran numero di persone, potrebbe essere necessario un significativo dispiegamento di forze di sicurezza per gestire la folla e proteggere le personalità presenti.
  3. Trasporto: Il costo del trasporto del feretro e delle personalità coinvolte può essere significativo, specialmente se il corteo funebre attraversa parti significative di una città.
  4. Servizi di stampa e trasmissione: I servizi di stampa e trasmissione, inclusi i servizi fotografici, le riprese video e la trasmissione in diretta del funerale, possono comportare costi significativi.
  5. Onori militari: Se sono previsti onori militari, come salve di cannoni o la presenza di una guardia d’onore, questi possono comportare ulteriori costi.
  6. Altri costi: Ci possono essere molti altri costi associati a un funerale di stato, inclusi i costi per il personale coinvolto nell’organizzazione dell’evento, il catering, le decorazioni, e così via.

Nel complesso, un funerale di stato può costare significativamente di più rispetto a un funerale privato a causa della sua scala e complessità. Tuttavia, questi costi sono generalmente visti come un investimento importante per onorare adeguatamente la vita e il contributo del defunto alla nazione e possono andare da alcune decine di migliaia di euro fino ad arrivare a superare i centomila euro in qualche caso particolare.

ARTICOLI CORRELATI

Come Fare un Testamento Valido senza Notaio? Il Testamento Olografo

 

In punto di morte, il testamento è un atto personale, l’unico strumento per disporre dei propri beni verso eventuali eredi. Non prevedendo limitazioni, può essere revocato in ogni momento. Esso può essere di differenti tipi, ma il fine è quello di lasciare a chi di diritto i beni terreni di propria appartenenza.

In Italia solo il 20% delle persone decide di fare testamento alla propria morte, ma la situazione è destinata a cambiare difronte all’emergenza Coronavirus, che da gennaio 2020 ha causato sul territorio nazionale oltre 13,000 vittime. Capire come fare un testamento può essere semplice comprendendo le varianti a disposizione, ma per redigerlo occorre valutare ogni situazione.

Cos’è un testamento?

Atto personale, non delegabile a terzi o rappresentanti, il testamento dispone il lascito di beni fisici e/o economici a eventuali eredi dopo la propria morte. Secondo l’art. 587 del c.c. ‘Il testamento è un atto revocabile con il quale taluno dispone, per il tempo in cui avrà cessato di vivere, di tutte le proprie sostanze o di parte di esse‘.

Revocabile senza alcuna limitazione, rende nulla ogni clausola e condizione posta alla sua revocabilità forzata vietando inoltre, come stabilito dall’art. 458 del c.c., testamenti congiunti o reciproci e patti successori.

Le istituzioni delle quote di lascito sono differenti in base alla connotazione dei soggetti coinvolti: la disposizione legata è rivolta al legatario, ossia un familiare o parente stretto, a cui viene attribuito un singolo diritto o bene; quella a titolo universale è rivolta all’erede, ossia una persona  senza gradi di parentela, a cui viene attribuita la totalità dei beni. In mancanza di soggetti papabili l’eredità sarà devoluta allo Stato, mentre si istituiscono eredi in caso di morte senza testamento.

Secondo l’ordinamento giuridico italiano il testamento appartiene alla categoria del negozio giuridico. Agli art. 601 e seguenti del c.c. vengono disciplinate 3 forme ordinarie: olografo, pubblico o segreto.

Come Fare un Testamento Valido senza Notaio? Il Testamento Olografo

Cos’è e come fare un testamento olografo?

Tipologia di testamento disciplinato dall’art. 602 del c.c., secondo il quale va obbligatoriamente redatto, firmato e datato dal testatore, pena nullità o annullabilità delle sue ultime volontà. E’ l’unica forma che non richiede l’intervento di un notaio e che può essere scritta autonomamente dall’interessato senza alcun costo.

Il testamento olografo ha 3 requisiti fondamentali:

  • Va scritto a mano dal solo testatore, anche in stampatello e con calligrafia chiara e leggibile, per aggirare rischi d’alterazione e contaminazione; non può essere scritto con computer o macchina da scrivere, pena la nullità dell’atto
  • Va obbligatoriamente firmato, con nome e cognome anagrafico (o pseudonimo se facilmente riconoscibile) in calce alle proprie disposizioni, in ogni pagina qualora l’atto ne conti più di una, per evitare possibilità di censura giudiziale; la sua assenza determina la nullità dell’atto
  • Va datato a mano dal solo testatore, contenendo giorno, mese e anno, sebbene alcune datazioni come Giorno di Natale 2019 o Primo dell’anno 2020 possano risultare valide; la data può essere applicata all’inizio del testamento così come al termine, la sua assenza o la scrittura di altre persone determina l’annullabilità dell’atto

Ultimi requisiti, non obbligatori ma consigliati, sono la revoca delle disposizioni testamentarie precedentemente decise da parte del testatore, al fine di evitare dubbi interpretativi, e la scrittura di 2 o 3 copie originali da consegnare a beneficiari diversi.

testamento olografo

Cos’è e come fare un testamento pubblico?

Tipologia di testamento disciplinata dall’art. 603 del c.c. e dal d.l. 89/1913, poiché è riconosciuta come un vero e proprio atto notarile. E’ un testamento che viene ricevuto da un notaio in presenza di 2 o 4 testimoni, determinando data, luogo e ora di ricevimento.

Tale atto dovrà essere sottoscritto da testatore, testimoni e notaio: qualora il testatore non sia in grado di sottoscrivere l’atto dovrà indicarne la motivazione, mentre il notaio dovrà menzionarla prima di leggere il testamento. I testimoni dovranno godere di capacità giuridica e d’agire, con pieno esercizio di diritti civili e non essere parenti stretti di notaio o testatore. In assenza di questi requisiti, così come della sottoscrizione o della redazione da parte del notaio, il testamento sarà nullo, mentre sarà annullabile in caso di eventuali vizi di forma.

Durante la procedura il notaio deve indagare sulle volontà del testatore conformandole alle norme di legge, prevenendo inoltre controversie con i beneficiari anche in caso di pesi, oneri e condizioni a loro rivolti. Anche qualora il testatore diseredi i beneficiari dopo la sua morte, questi ultimi possono ricorrere a un’azione di riduzione per rendere inefficaci le disposizioni a loro rivolte.

Infine, le volontà del testatore hanno vincolo di riservatezza fino alla sua morte, venendo espresse dal notaio ai soggetti terzi solo nel periodo successivo.

testamento scritto dal notaio

Cos’è e come fare un testamento segreto?

Tipologia di testamento disciplinata dagli art. 604 e 605 del c.c. che come quello pubblico richiede la presenza di un notaio e 2 testimoni, che sottoscriveranno il verbale di ricezione. Il testamento segreto può essere scritto sia dal testatore che da un soggetto terzo:

  • A mano, con firma del testatore solo alla fine dell’atto
  • Con computer o macchina da scrivere, con firma del testatore in ogni facciata

Qualora il testatore non sia in grado di sottoscrivere il suo testamento dovrà dichiararne le motivazioni al notaio. Tuttavia, non può essere scritto in caso di cecità o analfabetismo. La mancata soddisfazione di tali requisiti renderà nullo il testamento segreto, che però sarà valido anche in assenza di una data. A meno che non ci siano disposizioni specifiche, se il testamento è scritto da soggetto terzo questo non ne è beneficiario.

Dopo la sua redazione, il testamento segreto viene consegnato al notaio in busta chiusa, che verrà poi sigillata con ceralacca per impedirne la lettura successiva. Tale episodio verrà dichiarato anche nel verbale di ricezione, a cui partecipano i 2 testimoni.

Rispetto a quello pubblico, che viene visionato dai testimoni e richiede la loro firma, il testamento segreto gode di estrema riservatezza poiché è scritto e firmato solo dal testatore (o da un terzo su sua richiesta) prima di essere sigillato dal notaio, mentre i testimoni parteciperanno solo alla scrittura del verbale.

Testamenti e lasciti, la situazione italiana

Secondo Giulio Biino del Consiglio Nazionale del Notariato, è solo circa il 20% degli italiani ad essere a piena conoscenza della possibilità di fare testamento: di questa percentuale il 13% ne ha già scritto uno, mentre il restante 7% è intenzionato a farlo nell’immediato futuro. Sono invece circa 5 milioni gli italiani che ricorrono al testamento solidale, destinando il loro lascito a uno o più enti benefici.

Situazione destinata a cambiare davanti all’emergenza CoViD-19, che ha messo in seria difficoltà le condizioni socio-economiche nazionali causando 13,155 decessi da gennaio. Stando alle dichiarazioni del commissario straordinario dell’emergenza Domenico Arcuri, infatti, nonostante siano state acquistate 300 milioni di mascherine c’è ancora forte carenza di abbigliamento sanitario e ventilatori polmonari, macchinari necessari alle terapie contro il virus.

Anche in mancanza di statistiche ufficiali, i notai riferiscono un notevole aumento della mole di lavoro legato ai testamenti. A far maggiore richiesta sono anziani e tutti coloro che hanno acceso un mutuo o trattative di compravendita. Ciò fa capire che finanze e salute hanno un’importanza molto simile tra le paure degli italiani.

Conclusioni

Dopo aver capito come scrivere un testamento si può finalmente decidere su quale di essi puntare qualora si vogliano lasciare beni a parenti e non solo. Farlo può essere particolarmente semplice con un testamento olografo, che non prevede componenti burocratiche, mentre può essere più articolato con quello pubblico e quello segreto, che oltre a necessitare della presenza di un notaio, si possono riconoscere come veri e propri atti formali.

I testamenti pubblico e segreto mostrano però una maggiore riservatezza, in quanto le documentazioni sono sotto stretto controllo del notaio, che esprimerà le ultime volontà del testatore solo alla sua morte.

A conti fatti, l’Italia mostra ancora poca propensione ai testamenti rispetto ai paesi anglosassoni, dove le richieste possono arrivare anche al 70% della popolazione. Nonostante un’importanza crescente di bisogni e paure legati al Coronavirus, si sente ancora troppa poca conoscenza della disciplina. Tuttavia, la situazione attuale riserverà nei prossimi mesi uno scenario altamente variabile.

 

ARTICOLI CORRELATI

Successione Legittima: a Chi Spetta l’Eredità tra Fratelli, Cosa dice la Legge

Successione Legittima: a Chi Spetta l'Eredità tra Fratelli, Cosa dice la Legge

Oggi ci occupiamo di successione legittima, e nello specifico della successione legittima tra fratelli. Quando si parla di eredità, si evocano molte sensazione, e risentimenti, specie quando sorgano contrasti sulla divisione dell’ asse ereditario. Quando muore un caro è sempre un gran dolore emotivo, a questo malessere psicologico si aggiungono tutta un a serie di…

 

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *