ENI: la migliore compagnia petrolifera per ecosostenibilità

Le major petrolifere stanno “ancora non raggiungendo” gli obiettivi climatici, nonostante un’ondata di obiettivi netti zero negli ultimi mesi, secondo Carbon Tracker.

Le maggiori compagnie petrolifere non stanno raggiungendo gli obiettivi climatici globali, nonostante i loro obiettivi di emissione aggiornati, secondo un nuovo rapporto.

Carbon Tracker, il think tank con sede a Londra, ha pubblicato un nuovo documento chiamato “Absolute Impact” , che valuta le politiche dei sette giganti energetici più Equinor e Repsol.

Il gruppo ha affermato che alla fine del 2019 si è verificata una “raffica” di annunci sugli obiettivi di emissione, ma non tutti sono uguali.

Eni è in cima alla classifica, davanti a BP, mentre ExxonMobil ha la politica climatica meno efficace di tutte, secondo il documento.

Sono stati valutati in base all’allineamento con i “tratti distintivi” dell’Accordo di Parigi, compresi i tagli assoluti delle emissioni alla produzione di petrolio e gas, non lasciando la porta aperta a ulteriori output in futuro.

ENI: la migliore compagnia petrolifera per ecosostenibilità
Gli impianti eolici di ENI

Nonostante un’ondata di annunci netti nell’ultimo anno, Carbon Tracker ha affermato che la maggior parte delle major petrolifere non è all’altezza di Parigi e ha fissato obiettivi che le hanno lasciate “libere di aumentare la produzione” o “ignorare” l’impatto della combustione di più petrolio e gas.

Si ritiene che l’Eni abbia la politica climatica più efficace, con un “forte obiettivo intermedio” di riduzione delle emissioni del 30% su base assoluta entro il 2035.

Nonostante solo un obiettivo zero netto dell’80% entro il 2050, Eni ha dato la “più forte indicazione” che sta pianificando il picco della sua produzione di petrolio e gas entro i prossimi cinque anni, il che significa che ha battuto BP ai massimi livelli.

Shell, Equinor e Total siedono in mezzo alla strada, avendo annunciato obiettivi di “intensità di carbonio” piuttosto che una riduzione assoluta delle emissioni e “non sembrano collegarsi ai limiti finiti posti su petrolio e gas nella transizione energetica”.

Nel frattempo, le major statunitensi ConocoPhillips, Chevron ed ExxonMobil sono state ritenute avere le peggiori politiche che “ignorano il carbonio rilasciato quando il loro petrolio e gas vengono bruciati”.

La ExxonMobil è l’ultima, avendo coperto solo le emissioni operative legate al suo investimento nella compagnia petrolifera canadese Imperial Oil.

Obiettivi intermedi, come quello di Eni, sono stati fondamentali per la classifica e Carbon Tracker ha affermato che “non vedeva l’ora” che BP annunciasse tali obiettivi entro la fine dell’anno.

Carbon Tracker ha dichiarato: “Mentre impostare un’ambizione zero netta per il 2050 è lodevole, se non ci sono obiettivi provvisori e piani concreti, vale a dire, nessun percorso verso tale risultato, ciò può portare a domande di impegno e, nella peggiore delle ipotesi, di ‘greenwashing’ ”.

Il gruppo ha precedentemente scoperto che, per raggiungere gli obiettivi delle coppie, le major petrolifere avrebbero dovuto ridurre la produzione di un 35% combinato tra il 2019 e il 2040.

L’autore del rapporto Mike Coffin ha aggiunto: “Le aziende non possono essere allineate a Parigi se non si impegnano a sanzionare solo i progetti allineati a Parigi – questo avrà l’effetto a catena di tagli assoluti alla loro produzione di petrolio e gas e alle conseguenti emissioni”.

La scorsa settimana l’industria del Mare del Nord del Regno Unito ha pubblicato obiettivi per dimezzare le emissioni entro il 2030.

Perchè bisogna diminuire l’uso di plastica

Superbonus 100% efficentamento energetico

Aereo o auto? Quale mezzo di trasporto inquina di più? 

Turismo sostenibile 

Auto elettriche ad energia solare 

Greta Thumberg 

Energie rinnovabili  

Impianto fotovoltaico 

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *