ENEL è la Compagnia Elettrica più Innovativa del Mondo?

Siamo giunti alla conclusione che il futuro è una linea di business separata quando si analizza il rapporto annuale 2019 graficamente appariscente pubblicato da Enel SpA, la società energetica con sede a Roma. Enel è un nome sconosciuto alla maggior parte degli americani (investitori e consumatori).

ENEL è la Compagnia Elettrica più Innovativa del Mondo?
Il nuovo logo di ENEL

È quotata alla borsa di Milano. Ma sono il secondo maggiore produttore di energia al mondo, dopo la compagnia di stato cinese, e servono oltre 60 milioni di clienti principalmente in Italia, Spagna e America Latina. E sono la più grande utility europea.

Come la maggior parte delle utility europee, hanno subito privatizzazioni negli anni ’90. Tuttavia, il governo italiano possiede ancora circa un quarto della società. Non siamo sicuri se chiamarla un’azienda privatizzata o meno.

Sì, hanno azionisti, una politica dei dividendi e pubblicano i dati finanziari in modo appropriato. Ma come sanno gli studenti di finanza aziendale, possedere il 25% del capitale proprio consente di esercitare un’influenza sproporzionata sulla gestione e sugli affari aziendali.

Questa particolare relazione europea del dopoguerra con il capitalismo ci ricorda la storia dell’anziano politico italiano, un devoto comunista, che la domenica partecipava anche regolarmente alla Messa cattolica.

ENEL è la Compagnia Elettrica più Innovativa del Mondo?
Il nuovo logo di ENEL

Perché ENEL è la Compagnia Elettrica più Innovativa del Mondo?

Ma a parte la struttura aziendale, Enel è diversa per un’altra ragione. Quando molte utility elettriche negli Stati Uniti stavano ancora pianificando di aggiungere una nuova generazione di energia da carico a carbone, il nome di Enel è stato aggiunto al Dow Jones Sustainability Index nel 2004. Intorno al volgere del secolo scorso la loro gestione era molto presto ad abbracciare i concetti gemelli di sostenibilità e decarbonizzazione. Attualmente la più grande percentuale della loro generazione di energia proviene dall’idroelettrico con una significativa generazione aggiuntiva da eolico e solare. La gestione ha ridotto la generazione di carbone di un terzo nell’ultimo anno e la sua eliminazione è una priorità.


Inoltre Enel è stata all’avanguardia nella digitalizzazione e nell’installazione di contatori intelligenti. Negli Stati Uniti, il confronto più stretto con Enel è quello di immaginare un TVA o BPA completamente privatizzato con un focus manageriale progressivo e esperto di tecnologia.

Rispetto ad altre società elettriche con nomi goffi le cui relazioni annuali sono raccolte pedonali di legalese, banalità ambientali che potrebbero essere più convincenti se la società non si aggrappasse a quelle centrali a carbone per la vita cara e immagini di dirigenti che cercano di apparire informali non indossando legami, il rapporto Enel è come un’Alfa Romeo accanto a un autocarro con cassone ribaltabile.

Enel suddivide la propria attività in quattro settori: generazione, infrastruttura, vendita al dettaglio ed Enel X. I primi tre costituiscono il 99% del reddito operativo di Enel. Enel X è una piattaforma per raggiungere i consumatori per i nuovi usi dell’elettricità e il suo focus è molto ampio: città, case, aziende e mobilità elettrica. Ciò significa sviluppare stazioni di ricarica per veicoli elettrici, risposta alla domanda e accumulo di energia. Intendono consegnare questi prodotti in tutto il mondo e la loro portata si estende sicuramente su diversi continenti.

Ciò che ci colpisce è l’attenzione di Enel su questa modesta impresa commerciale ora quando sembra avere poca importanza. La maggior parte degli investitori non presterà molta attenzione alle piccole linee di business, specialmente in una società così grande. Ma il management di Enel sta facendo una dichiarazione pubblica e sta anche correndo un rischio. Se questa impresa fallisce, come spesso fanno molte nuove linee di business, tutti lo sapranno e il fallimento sarà piuttosto pubblico. Considerando che se entrassero in queste nuove aree con discrezione e con poca fanfara, un fallimento qui accoppiato con una modesta cancellazione sarebbe a malapena motivo di preoccupazione anche tra gli analisti più diligenti.

L’innovazione di questo tipo è spesso soffocata nelle grandi organizzazioni burocratiche. Tuttavia, il senior management di Enel ha chiaramente acquistato un futuro ecologico che coinvolge reti intelligenti e un consumo di energia a due vie e ne ha fatto un pilastro della propria identità aziendale. Stanno dicendo: questo è un affare, non una foglia di fico. Ma hanno anche un vantaggio rispetto a comparabili utility statunitensi in termini di dimensioni e diversità della base di clienti. Possono sperimentare anche in diverse giurisdizioni.

La loro strategia sembra ridursi a questo. La domanda complessiva di energia crescerà lentamente ma l’elettricità senza carbone può continuare a conquistare quote di mercato da carbone, gas e diesel / benzina nei trasporti. Per garantire questa transizione, la società elettrica deve fornire elettricità proveniente da fonti sostenibili, ( ENEL si avvale di grandi impianti idroelettrici ed eolici in Italia costruiti proprio perchè in Italia non esiste il petrolio e anche il carbone non viene più usato da tempo  ), aiutando nel contempo i consumatori a utilizzarla in modo più semplice ed efficiente.

Non c’è nulla che troviamo particolarmente nuovo o sorprendente nel messaggio aziendale di Enel. Ma come vedere un piccolo narciso crescere tra una crepa nel marciapiede, non ci saremmo aspettati le politiche di utilità più progressiste emanate da una gigantesca holding elettrica italiana con sede a Roma. E oltre a essere presto potrebbero anche avere ragione. Ciao.

Di Leonard Hyman e William Tilles per OilScore

La storia della Ferrari

La storia di FCA

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *