Sri Lanka: Perché uno Stato va in Default e il fallimento dell’Agricoltura Biologica

In questo articolo cerchiamo di capire le cause  per cui uno stato sovrano come lo Sri Lanka sia andato in default.

In questo articolo riusciremo a comprendere anche che la vecchia polemica ” basta avere la sovranità monetaria e il potere di stampare moneta” non ha senso, perchè il governo dello Sri Lanka ha dichiarato martedì 12 Aprile di essere temporaneamente in default e non riuscire a ripagare i 35,5 miliardi di $ di debito che ha con l’estero, nonostante sia uno stato sovrano, con una sua moneta ma nonostante questo non è scampato al fallimento, proprio perchè ha fatto scelte sbagliate di politica economica e si può stampare il denaro che si vuole, se si hanno i debiti fatti in valuta straniera perchè la tua moneta non è stabile e non è considerata affidabile dai mercati.

I motivi principali di questo default possono ricondursi ad alcuni fattori:

  1. la pandemia che ha causato scelte politiche sbagliate
  2. l’aumento di prezzi di materie prime come petrolio e fertilizzanti
  3. un paese che basa la sua economia sul turismo e l’agricoltura che ha visto il crollo del turismo
  4. il passaggio forzato ad un’agricoltura 100% biologica
  5. la conseguente mancanza di cibo che è arrivato a prezzi molto alti ( l’agricoltura biologica ha rendimenti molto più bassi rispetto all’uso di OGM )

Lo Sri Lanka interrompe il pagamento del debito e va in default mentre la crisi economica si aggrava.

Il governo cerca di allentare la pressione finanziaria mentre le riserve di moneta estera crollano e i prezzi dei beni essenziali aumentano.

Martedì lo Sri Lanka ha sospeso i pagamenti sul suo debito internazionale, mettendo di fatto in default la piccola nazione insulare mentre si tuffa più profondamente in una crisi economica.

L’aumento dei prezzi di cibo e carburante , nonché la carenza di beni essenziali e medicine, hanno costretto nelle ultime settimane decine di migliaia di manifestanti a chiedere la cacciata del presidente Gotabaya Rajapaksa. La famiglia Rajapaksa, con un fratello in carica come presidente e un secondo come primo ministro, ha chiesto pazienza, dicendo che il governo sta cercando sollievo dai vicini e sta lavorando con il Fondo monetario internazionale per ristrutturare il debito del paese.

“Sebbene il governo abbia compiuto passi straordinari nel tentativo di rimanere aggiornato su tutto il suo indebitamento esterno, ora è chiaro che questa non è più una politica sostenibile”, ha affermato il ministero delle finanze in una nota.

Il debito estero dello Sri Lanka è di circa 50 miliardi di dollari , ovvero circa il 60 per cento della sua produzione economica. Quest’anno il governo deve pagare circa 7 miliardi di dollari per coprire i pagamenti del debito, secondo una presentazione del mese scorso di un ex capo della Banca centrale dello Sri Lanka.

Ma i soldi stanno finendo. Lo Sri Lanka ha chiuso i suoi confini ai turisti per quasi un anno e mezzo durante la pandemia di coronavirus, privando la nazione delle tanto necessarie entrate turistiche. Anche la valuta è crollata, esacerbata dai passi falsi del governo. Le riserve estere sono crollate al di sotto dei 2 miliardi di dollari.

“Si è arrivati ​​a questo a causa della grave carenza di valuta estera”, ha affermato Anushka Wijesinha, economista e co-fondatrice del Center for a Smart Future di Colombo. “I conti di bilancio non sarebbero tornati .”

La mancanza di fondi ha fatto sì che il paese stia lottando per importare carburante, cibo e altri beni essenziali. Anche le forniture alimentari locali sono state danneggiate dall’improvviso passaggio del paese all’agricoltura biologica , che è stata annullata ma non prima di aver ridotto drasticamente i raccolti. La carenza di dollari per importare fertilizzanti significa che anche la prossima stagione agricola potrebbe essere in parte influenzata, affermano gli analisti.

La sospensione dei pagamenti del debito internazionale, ha affermato Wijesinha, allevierà la pressione liberando valuta estera per pagare alcuni beni essenziali importati, inclusi cibo e medicine. “Il motivo delle attuali carenze non è dovuto a una carenza globale”, ha affermato. “È perché non avevamo i soldi per pagare le cose”.

Il modo in cui lo Sri Lanka si riprenderà da questa crisi dipenderà dall’adozione di serie riforme economiche, ha aggiunto.

“Dovremo davvero dimostrare di essere un degno creditore”, ha detto.

sri lanka default, cause default sri lanka
Sopra: la mappa dello Sri Lanka: è un’isola nell’oceano indiano di fronte all’India. Ha 22 milioni di abitanti ed è grande quanto 3 volte la Lombardia.

Come l’agricoltura biologica ha dato il colpo di grazia ad un’economia già provata dalla pandemia 

Lo Sri Lanka pagherà un risarcimento di 200 milioni di dollari per il fallimento della politica agricola che ha forzato 1 milione di piccoli agricoltori a passare al 100% all’agricoltura biologica

Un milione di agricoltori i cui raccolti hanno fallito nell’ambito di un piano per far diventare lo Sri Lanka la prima nazione al mondo di agricoltura biologica al 100% e saranno risarciti.

Lo Sri Lanka ha annunciato un risarcimento per più di un milione di coltivatori di riso i cui raccolti sono falliti nell’ambito di uno schema per farla diventare la prima nazione al mondo di agricoltura biologica al 100%.

Il paese insulare sta attualmente in default a causa di una grave crisi economica innescata da carenze alimentari e blackout continui mentre la pandemia di COVID ha mandato in tilt l’economia dipendente dal turismo.

I prodotti chimici agricoli come i fertilizzanti sono stati tra le importazioni vietate lo scorso anno poiché le autorità hanno cercato di salvare le riserve di valuta estera in diminuzione. Le restrizioni sono state revocate mesi dopo, dopo le proteste degli agricoltori e il fallimento dei raccolti.

Il governo pagherà 40.000 milioni di rupie (200 milioni di dollari) agli agricoltori i cui raccolti sono stati interessati dal divieto di fertilizzanti chimici , ha dichiarato martedì il ministro dell’agricoltura Mahindananda Aluthgamage.

“Stiamo fornendo un risarcimento ai coltivatori di riso i cui raccolti sono stati distrutti”, ha detto ai giornalisti. “Risarciremo anche coloro i cui raccolti hanno sofferto senza un fertilizzante adeguato”.

Il governo spenderà altri 149 milioni di dollari per un sussidio sui prezzi per i coltivatori di riso, ha aggiunto.

Circa un terzo dei terreni agricoli dello Sri Lanka è stato lasciato inattivo lo scorso anno a causa del divieto di importazione.

Le restrizioni hanno portato anche a proteste rabbiose da parte degli agricoltori, un importante collegio politico del presidente Gotabaya Rajapaksa.

Rajapaksa ha detto a un vertice alimentare delle Nazioni Unite lo scorso anno che la politica mirava a garantire “maggiore sicurezza alimentare e nutrizione” e ha incoraggiato altre nazioni a seguire l’esempio dello Sri Lanka.

Invece, la mancanza di prodotti chimici agricoli importati ha aggravato la crisi economica dell’isola, con la carenza di cibo che ha costretto i negozi a razionare zucchero, lenticchie e altri prodotti essenziali.

Il Paese è a corto di carburante per il settore dei trasporti e le società elettriche incapaci di pagare il petrolio hanno razionato l’elettricità. Anche il gas da cucina scarseggia, costringendo le famiglie a usare la legna da ardere per preparare i pasti.

Nonostante la fine del divieto sulle sostanze chimiche, gli importatori affermano di non essere stati in grado di ricostituire le scorte perché le banche commerciali non hanno valuta estera per pagare le nuove forniture.

L’inflazione alimentare in Sri Lanka ha raggiunto un record del 21,5% il mese scorso con verdure e altri prodotti di base ancora di scarsa reperibilità sulla scia della spinta biologica.

Cosa possiamo apprendere da queste vicende?

  1. Che essere uno Stato singolo con la sovranità monetaria e la possibilità di stampare la moneta che vogliamo ( come invece sostiene la MMT moderna ) , non ci esclude dalla possibilità di andare in default.
  2. Che una serie di scelte di politica economica sbagliate fatte solo per andare dietro alla moda ed al populismo del momento ( in questo caso i NO OGM ) in uno scenario già negativo di suo per eventi non programmabili, una conseguenza di un Cigno Nero , siano potenzialmente devastanti per un’economia
  3. Possiamo apprendere che uno Stato che punta tutto in un solo settore o in pochissimi settori economici ( in questo caso lo Sri Lanka basava la sua economia quasi tutta su turismo ed agricoltura) ha un’economia a rischio.
  4. Che l’Agricoltura Biologica può essere ovviamente usata, ma solo ed esclusivamente in modo “libero” cioè deve essere una scelta dell’agricoltore, non può essere imposta dall’alto, in quanto ha rese nettamente minori rispetto all’agricoltura tradizionale.
  5. Che una classe politica che fa del tutto pur di rimanere aggrappata ai suoi scranni e che va dietro alle mode del momento ed alle voglie del “popolo” senza prendersi la responsabilità e l’onere gestire in modo razionale le risorse e le scelte politiche, scelte che possono essere anche impopolari, può rovinare un’intera nazione.
  6. Ora il FMI ( Il Fondo Monetario Internazionale formato da 188 stati ) darà dei soldi in prestito allo Sri Lanka ma metterà delle clausole rigidissime e ci saranno enormi ed inevitabili tagli alla spesa pubblica di questo paese, che se da un lato aiuteranno proprio quegli strati sociali più poveri, inevitabilmente questi si troveranno con meno servizi rispetto a prima del default.

Fonti: NYT ed Al Jazeera

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *