Conseguenze Guerra Commerciale su Smartphone ed iPhone Apple

Huawei Technologies Co. prevede che le spedizioni di smartphone cresceranno del 20% l’anno prossimo anche se sarà bloccato dall’ultimo software Google, suggerendo che gli sforzi dell’amministrazione Trump per contenere l’ascesa dell’azienda potrebbero non funzionare.

Il più grande produttore di smartphone al mondo dopo Samsung Electronics Co., può fare affidamento sul suo enorme mercato interno e sul software interno per mantenere la capacità di vendita della divisione, ha dichiarato Will Zhang, presidente della strategia aziendale. Cambiare il software dell’hardware per la produzione di smartphone non è stato un problema a causa della disponibilità di fornitura globale, ha detto a Bloomberg News.

Huawei si sta avvicinando a un momento critico nella sua lotta per la sopravvivenza, sei mesi dopo che Washington gli ha proibito di acquistare componenti e software chiave statunitensi senza licenze speciali. Questi includono il sistema operativo Android di Google, strumenti di progettazione di semiconduttori di Synopsys Inc. e Cadence Design Systems Inc. e chip a radiofrequenza realizzati da Qorvo e Skyworks. Ciò minaccia di intaccare il business degli smartphone Huawei, che spedisce più del doppio dei dispositivi di Apple Inc. ( AAPL quotazione azioni ) , impedendo al contempo la sua capacità di realizzare dispositivi di rete di quinta generazione.

“Esistono molti modi per i nostri partner statunitensi di trovare soluzioni globali, piuttosto che spedire da un’unica fonte con sede negli Stati Uniti”, ha affermato Zhang presso la sede di Huawei a Shenzhen.

Guerra Commerciale: la Cina Metterà dazi su 60 Miliardi di Merci USA

La più grande società tecnologica cinese è un aspetto centrale di delicati negoziati intesi a disinnescare le tensioni commerciali con il segretario al commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross ha espresso ottimismo sul fatto che gli Stati Uniti avrebbero siglato un accordo commerciale di “Fase Uno” con la Cina questo mese, aggiungendo che le licenze sarebbero arrivate “molto presto “per le società americane di vendere componenti a Huawei. Fino ad allora, la lista nera degli Stati Uniti sta esigendo un tributo incerto sul gigante cinese delle reti.

Maggiori informazioni sulla guerra commerciale: La guerra commerciale tra Stati Uniti ed Europa

Zhang ha affermato che in passato Huawei ha fissato un obiettivo per le spedizioni di smartphone, ma ora a causa della maggiore incertezza sul mercato ha sviluppato tre diversi obiettivi che includono scenari migliori e peggiori. In uno scenario moderato, le spedizioni di smartphone potrebbero aumentare del 20% circa l’anno prossimo, ha affermato. “Anche per quello pessimista, vediamo una piccola crescita”, ha detto Zhang. La migliore proiezione è per una crescita del 40%.

Huawei, che ottiene circa la metà delle sue entrate dalla divisione smartphone, finora è riuscito a sostenere un invidiabile ritmo di crescita nonostante la sua situazione precaria. Ha guadagnato quote di mercato contro Apple e Samsung nel terzo trimestre espandendo le spedizioni di smartphone del 29%. Nel suo mercato interno le spedizioni sono aumentate del 66% nel terzo trimestre, ma sono aumentate solo del 18% in sequenza all’estero, secondo Canalys. Huawei ha registrato un aumento delle entrate del 24% nei primi nove mesi del 2019, sostenuto da un aumento del 26% nelle spedizioni di smartphone a 185 milioni di unità.

Per saperne di più: Investire con la guerra commerciale

Il fondatore del miliardario Ren Zhengfei una volta aveva predetto che la mossa dell’amministrazione Trump avrebbe potuto incassare $ 30 miliardi dalle entrate della sua azienda. Tale importo è stato successivamente ridotto a $ 10 miliardi. Martedì Zhang ha rivisto nuovamente l’importo dell’impatto totale. “Ora penso che siano meno di $ 10 miliardi”, ha detto. Una parte significativa di ciò proviene dal business dei server Huawei, che secondo lui avrebbe dovuto generare entrate per $ 8 miliardi quest’anno. “Ma questo sarà dimezzato”, ha detto, perché Huawei ha avuto difficoltà a creare server che utilizzavano l’architettura x86 dominante utilizzata dai giganti statunitensi Intel Corp. e Advanced Micro Devices Inc. “Sebbene i server non siano il nostro prodotto principale, ogni progetto coinvolge uno ”, ha detto Zhang.

Ha anche affermato che il divieto riguarda il 20-40% dei prodotti Huawei. “Un po ‘di impatto è stato limitato, quindi abbiamo potuto facilmente trovare una soluzione entro sei mesi o tre mesi. Ma per i server ha influito sulla nostra attività, sulle nostre entrate e sulla nostra strategia anche per il futuro. ”

 

A più lungo termine, la società sta esplorando i modi per aggirare un blocco di Google. Huawei ha presentato la sua serie Mate 30 a settembre, il primo telefono a tendone che esegue una versione open source di Android e manca di app con licenza Google da Gmail a YouTube e Google Play Store.

Huawei sta inoltre sviluppando il proprio sistema operativo, HarmonyOS, progettato principalmente per dispositivi Internet of Things ma che può anche alimentare gli smartphone. A settembre, l’azienda ha offerto $ 1,5 miliardi per attirare gli sviluppatori globali a creare software per il proprio ecosistema.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *