Nella Classifica PIL Pro Capite nel mondo, l’Italia perderà 15 posizioni

La Cina supererà 56 nazioni entro il 2025 in aumento del reddito pro capite, notizie negative per l’Italia il cui reddito pro capite scenderà dal 21° al 35° posto
Si prevede che la centrale asiatica avrà un prodotto interno lordo pro capite, aggiustato per il potere d’acquisto, pari a 25.307 dollari nel 2025.

Entro il 2025, la Cina si classificherà al 70 ° posto nel mondo per la classifica del reddito pro capite, avvicinandosi al terzo posto come nazione più ricca.

Secondo i progetti del Fondo monetario internazionale, l’economia in forte espansione della Cina supererà 56 paesi nelle classifiche del reddito pro capite mondiale nel quarto di secolo fino al 2025.

Entro quella data, la Cina si classificherà al 70 ° posto nel mondo nella metrica, avvicinandosi al terzo più ricco delle nazioni, secondo i dati analizzati da Bloomberg dal World Economic Outlook del FMI del mese scorso.

Si prevede che la centrale asiatica avrà un PIL pro capite, corretto per il potere d’acquisto, pari a $ 25.307 nel 2025. Ciò porterà oltre l’Argentina, uno dei paesi più ricchi del mondo un secolo fa e ora impantanato nel debito e nelle crisi valutarie.

Jim O’Neill, l’ex capo della ricerca economica globale presso Goldman Sachs Inc. che ha notoriamente creato l’acronimo BRIC per Brasile, Russia, India e Cina nel 2001, afferma che il blocco “potrebbe diventare collettivamente più grande dei paesi del G-7” in 2030, riferendosi al Gruppo delle Sette nazioni più ricche. “Questo è quasi esclusivamente a causa della Cina e, in misura minore, dell’India”, afferma.

Leggi anche: Gli Stati più ricchi del mondoPrevisioni PIL Italiano del prossimo anno

Nella Classifica PIL Pro Capite nel mondo, l'Italia perderà 15 posizioni
immagine sopra: una mensa della Caritas

Ci sono molti risultati più notevoli nei dati, che mostrano grandi balzi soprattutto tra i paesi dell’Europa orientale e asiatici.

Si prevede che il Turkmenistan sarà l’unico paese a salire più in alto della classifica rispetto alla Cina, avanzando di 58 posizioni. Grandi guadagni anche per Armenia, Georgia, Vietnam e Bangladesh.

Nel complesso, i paesi asiatici in via di sviluppo vedranno aumentare di sei volte il PIL pro capite nel periodo. Al contrario, l’America Latina e i Caraibi, il Medio Oriente e l’Asia centrale non dovrebbero nemmeno raddoppiare i loro redditi.

Tra le economie del G-7, il PIL medio pro capite è passato da $ 31.471 a $ 64.582 previsti nel 2025. L’Italia è l’unico membro previsto a scendere bruscamente nella classifica, al 35 ° posto dal 21 °.

Gli Stati Uniti hanno ampiamente mantenuto la loro posizione nel mondo. Si è classificato 11 ° nel 2000, con un PIL pro capite di $ 36.318, ed è destinato a salire al 9 ° posto. Ma i suoi vicini se la sono cavata meno bene. Il Canada dovrebbe scendere di sei posizioni al 24 ° posto e il Messico è uno dei maggiori perdenti del periodo, precipitando di 26 posizioni al 77 ° entro il 2025.

In generale, le economie dell’America Latina e dei Caraibi sono state in ritardo nel quarto di secolo. Sono anche tra i più colpiti dal Covid-19 quest’anno, con previsioni del PIL pro capite in calo in tutte le economie della regione tranne la Guyana. In Venezuela, le cose sono andate così male che il FMI non ha nemmeno tentato di fare previsioni, ma nel 2019 i residenti del paese avevano già visto il PIL pro capite crollare del 36% dal 2000.

Haiti non si è ripresa dal devastante terremoto di 10 anni fa, nonostante miliardi di dollari in aiuti. Si prevede che si classificherà al 183 ° posto su 191 paesi misurati nel 2025, dal 159 ° nel 2000 e la nazione con il punteggio più basso nell’emisfero occidentale.

Le nazioni del Golfo Persico, tra le più ricche del mondo all’inizio del secolo, hanno perso terreno con il calo del prezzo del petrolio. Bahrein, Kuwait, Oman e Arabia Saudita stanno tutti uscendo dalla top 20 globale a causa della stagnazione o del declino degli standard di vita.

Altri nella regione sono stati devastati dalla guerra e dai disordini politici. Libia, Siria e Yemen hanno registrato forti cali. In Libano, la situazione è così disastrosa che il FMI prevede una contrazione del PIL del 25% solo quest’anno. I guai del Medio Oriente si riflettono nel fatto che tutti e cinque i paesi che secondo le proiezioni del FMI avranno redditi pro capite inferiori nel 2025 rispetto all’inizio del secolo si trovano nella regione.

L’Africa subsahariana rimane un ritardatario nell’economia mondiale, sebbene ci siano alcuni punti positivi. Mentre solo Seychelles e Gabon avevano un PIL pro capite superiore a $ 10.000 nel 2000, si prevede che entro il 2025 altre sei economie raggiungeranno o supereranno quel livello.

È in Asia che l’aumento del tenore di vita è più incisivo.

In Cina, il PIL pro capite è quasi raddoppiato dal 2000 al 2006, lo ha fatto di nuovo prima del 2013 e si prevede che raddoppi ancora una volta entro il 2024, un tasso di crescita annualizzato del 9,1% nell’arco di 25 anni.

Le città-stato asiatiche di Macao e Singapore dovrebbero entrare nelle prime tre città del mondo per ricchezza, unendosi al Lussemburgo. Secondo le proiezioni del FMI, il PIL pro capite di Singapore, che ha superato quello degli Stati Uniti nel 2006, raggiungerà i 115.445 dollari entro il 2025.

Nell’anno del coronavirus 2020, il FMI prevede che solo quattro delle 50 maggiori economie mondiali raggiungeranno un aumento del PIL pro capite, con Vietnam, Taiwan ed Egitto che si uniranno alla Cina.

La maggior parte degli altri si vede rimbalzare abbastanza rapidamente. Si prevede che le cinque nazioni con il maggior numero di morti per Covid-19 – Stati Uniti, Brasile, India, Messico e Regno Unito – registreranno forti rimbalzi. Tuttavia, nel corso della pandemia avranno perso più terreno nei confronti della Cina.

“Le aziende in Cina non solo hanno riportato il più grande successo finora nel recuperare la produzione persa a causa del Covid-19, ma prevedono anche il recupero completo più rapido”, ha affermato Chris Williamson, economista di IHS Markit. “Le società statunitensi sono al secondo posto”.
– da: Bloomberg

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *