Afghanistan: uno Schema Ponzi venduto al Pubblico Americano

In questo sito abbiamo ampiamente trattato di truffe finanziarie, in particolare dello Schema Ponzi: una truffa finanziaria ben congeniata che può essere replicata in vari ambiti, come questa volta in Afghanistan.
Quando una truffa va in pezzi, crolla velocemente.

Mentre la battaglia politica su chi ha perso l’Afghanistan si fa più sanguinosa, l’ultimo round è passato dal lamento per il probabile ritorno di al Qaeda all’uscita disordinata da Kabul. Immagini vivide di attività caotica all’aeroporto sottolineano questa preoccupazione. Ma, in effetti, il ritiro non avrebbe mai potuto essere ordinato, come suggeriscono i critici senza pensarci. Un’uscita ordinata e preparata con cura era strutturalmente impossibile.

Afghanistan: uno Schema Ponzi venduto al Pubblico Americano
Immagine sopra: i talebani entrano a Kabul, dopo che gli occidentali hanno lasciato

Per capire l’uscita degli Stati Uniti dall’Afghanistan si pensi a Bernie Madoff. È utile vedere lo stato afghano costruito dagli Stati Uniti come uno schema Ponzi: era tutto un castello di carte e, a un certo livello, tutti lo sapevano. Certamente, chiunque avesse familiarità con i rapporti dell’ispettore generale del governo degli Stati Uniti negli ultimi 10 anni lo saprebbe.

Per chi non è a conoscenza dello scandalo Madoff, uno schema Ponzi è una serie di bugie, con poca o nessuna base fattuale, che vengono vendute agli investitori come genialità. Dipende da una continua infusione di fondi da parte di nuovi investitori; i nuovi pagamenti sono inizialmente utilizzati per pagare gli investitori originari. Finché un numero sempre maggiore di investitori può essere indotto a fornire i propri soldi, si trovano fondi per pagare gli investitori precedenti e la truffa può continuare. Quando diventa difficile ottenere finanziamenti continui, o quando importanti investitori iniziano a ritirarsi, altri se ne accorgono, all’inizio diventano scettici, poi si fanno prendere dal panico e infine ritirano i loro soldi e, come in una corsa agli sportelli, ne consegue la corsa per le uscite.

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti osserva che “Gli organizzatori del programma Ponzi utilizzano spesso l’ultima innovazione, tecnologia, prodotto o industria in crescita per attirare gli investitori e dare al loro schema la promessa di rendimenti elevati. I potenziali investitori sono spesso meno scettici nei confronti di un’opportunità di investimento quando valutano qualcosa di nuovo, nuovo o “all’avanguardia”.”

Questa definizione può essere facilmente applicata all’Afghanistan. In primo luogo, c’era la promessa di un rendimento molto elevato con un rischio minimo o nullo per l’investitore, inquadrata come garanzia che gli Stati Uniti avrebbero potuto sconfiggere i jihadisti sostenuti e legati ombelicalmente al tentacolare servizio di intelligence del Pakistan, nel loro territorio nazionale, con solo una piccola forza , in un lasso di tempo tollerabile per gli americani e con relativamente poche vittime americane. Venendo dopo un decennio di arroganza americana in seguito alla scomparsa dell’Unione Sovietica, e in mezzo alla paura diffusa e al panico generale dopo l’11 settembre, il pubblico statunitense è stato portato a credere nella magia.

Agli investitori sono state poi raccontate cose fantastiche dall’amministrazione Bush su come avesse escogitato un approccio completamente nuovo a un terribile flagello e su come avrebbe eliminato il male. Queste promesse sono state formulate in termini di eccezionalismo americano, la mistica delle operazioni speciali, la straordinaria accuratezza dei droni armati e i misteri della guerra di controinsurrezione decodificati e applicati da maghi in uniforme.

Questa seduzione spesso implicava idee mistiche e persino incomprensibili sul perché lo schema originale fosse praticabile e avrebbe dato i suoi frutti. Nel 2001, Richard Armitage, vice segretario di Stato dell’allora presidente George W. Bush, ha esemplificato questo mumbo-jumbo nei suoi commenti al capo dell’agenzia Inter-Services Intelligence (ISI) del Pakistan, che aveva cercato di spiegargli la complessa storia della regione, dicendo che “no, la storia inizia oggi”.

Secoli di vita nelle valli e nelle montagne che divennero il Pakistan nel 1947, tra un esodo e pogrom religiosi che uccisero almeno 500.000 persone, furono resi irrilevanti dall’ingresso delle forze armate statunitensi in Afghanistan nel 2001. Il presupposto magico era che l’esercito e L’élite dell’intelligence non avrebbe perseguito i propri interessi nazionali – come li definiva – che, ovviamente, includevano continuare a sostenere i talebani e fornire rifugi sicuri attraverso il confine di 1.660 miglia del Pakistan con l’Afghanistan.

Sebbene possa essere stata l’illusione più grave, la convinzione che l’ISI avrebbe cessato di sostenere i talebani non era certo l’unica. L’amministrazione Bush e le sue cheerleader hanno venduto l’idea che in Afghanistan avrebbero potuto creare uno stato centralizzato e filoamericano dove nessuno di questi stati era mai stato costruito con successo; che potevano trasformare i costumi rurali; e che potrebbero ridefinire i tradizionali accordi sullo status personale. Tutto questo, diceva il loro discorso di Ponzi, sarebbe stato in qualche modo realizzabile in un lasso di tempo ragionevole, con vittime e costi finanziari minimi.

Ovviamente, come sottolinea la SEC ( US. Security and Charge Commission ) , nessuna delle affermazioni del truffatore è vera; gli investitori vengono inizialmente pagati persuadendo altri ancora a investire. Pertanto, il Congresso degli Stati Uniti ha continuamente stanziato fondi, mentre l’amministrazione ha raccolto promesse di sostegno da altri paesi, senza mai mettere in dubbio la fattibilità del progetto. “Dai un calcio alla strada” era l’equivalente dell’imperativo di attrarre nuovi investitori in uno schema Ponzi. In questo caso, i truffatori, una serie di presidenti degli Stati Uniti, hanno utilizzato questi nuovi fondi per pagare gli investitori originari. Il governo afghano ha continuato a essere finanziato, gli appaltatori sono stati pagati, gli eserciti fantasma sono stati fatturati e i veri soldati sono stati mandati a morire. Più fondi si trovano, più a lungo potrebbe andare avanti. Una volta che un grande investitore si ritira, o si vede che lo fa, ecco la corsa alle porte. L’amministrazione Biden doveva avviarla; anche l’accordo dell’ex presidente Donald Trump con i talebani in Qatar non è stato sufficiente per far scoppiare la bolla. Ma una volta che l’annuncio è stato dato, era tutto finito.

La SEC afferma che tra i tratti distintivi di uno schema Ponzi ci sono rendimenti elevati con rischi minimi o nulli e strategie segrete o complesse sul motivo per cui lo schema è praticabile. Questo spiega perché le metriche compilate dai dipartimenti di Stato e Difesa degli Stati Uniti sono state classificate nel 2017 per impedire agli analisti dell’ispettore generale di darci un’occhiata.

Una volta che è diventato chiaro che gli Stati Uniti erano davvero seriamente intenzionati ad andarsene, tutto è crollato rapidamente, proprio come in una corsa agli sportelli. Come con una corsa agli sportelli, solo se un grande investitore può ritirare di nascosto i propri soldi gli altri non noteranno la loro partenza, si sveglieranno e si precipiteranno verso la porta.

In Afghanistan, il grande investitore sono stati gli Stati Uniti. Sarebbe stato quasi impossibile mantenere segreti gli approfonditi preparativi per gli afgani. Prepararsi su larga scala richiederebbe mesi di pianificazione. Pertanto, avviare tali preparativi manderebbe quel segnale rivelatore a tutti gli interessati che gli Stati Uniti se ne stanno andando. Mentre molte persone potevano vedere e hanno visto la scritta sul muro dopo che Trump ha iniziato i colloqui con i talebani, tuttavia è stato solo quando è stato chiaro che gli Stati Uniti avrebbero effettivamente seguito che la gente poteva essere certa che se ne sarebbe davvero andato. Come in ogni schema Ponzi, la credibilità dell’uscita del grande investitore è cruciale nel provocare la corsa alla porta. La credibilità è binaria, come un interruttore della luce – solo quando il lupo può essere effettivamente visto da tutte le parti le persone scappano – a quel punto, ovviamente,

Una volta che gli afgani si fossero resi conto che gli Stati Uniti se ne stavano andando, avrebbero saputo che era tutto finito, e se avessero collaborato con noi, sarebbero andati nel panico. Alcuni critici sostengono che se gli Stati Uniti avessero mantenuto la base aerea di Bagram e altre strutture, sarebbe stata possibile una partenza ordinata. Questa tesi è viziata per due ragioni. Innanzitutto, è stata proprio l’evacuazione delle basi a rendere credibile la partenza degli USA. Se Biden aveva intenzione di ritirarsi, allora doveva effettivamente ritirarsi. In secondo luogo, anche se le basi fossero state mantenute aperte – e in qualche modo fosse stato lanciato un altro segnale credibile di ritiro – il numero di afgani che volevano uscire avrebbe sommerso qualsiasi capacità fisica e reso le forze statunitensi disposte lungo linee di rifornimento ancora più vulnerabili. Per questa ragione profonda e strutturale, era impossibile avere una partenza ordinata anche se l’amministrazione avesse resuscitato i pianificatori che hanno messo 156.000 soldati sulle spiagge della Normandia in poche ore sotto i cannoni tedeschi. Così com’era, l’uscita avrebbe sempre assomigliato a Dunkerque perché è proprio quello che succede quando gli schemi di Ponzi crollano.

È interessante notare che anche altri paesi i cui governi non hanno una reputazione di inefficienza, come la Germania , stanno incontrando difficoltà, e per ragioni simili.

Il fatto triste è che la storia offre pochi preziosi esempi di ritirata ordinata da parte delle potenze occupanti sconfitte. La partenza francese dal Vietnam e dall’Algeria, gli Stati Uniti dal Vietnam, la Gran Bretagna dall’India e il Portogallo dall’Africa sono solo alcuni esempi. Mentre il mondo riflette sul disordinato ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan, è doveroso ricordare a tutti che una partenza ordinata è solo un concetto teorico, come un aereo senza attriti, utile come esperimento mentale ma senza esistenza nel mondo reale.

 

 

Di Alan Richards , professore emerito alla UCSC, e Steven Simon , Robert E. Wilhelm, Fellow presso il Centro di studi internazionali del MIT e analista di ricerca senior presso il Quincy Institute.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *