Rallenta l’Economia Italiana nel 2019 – 2020. Previsione Disoccupazione

Rallenta l’Economia Italiana nella prima parte dell’anno, tra le tensioni del commercio internazionale e la crescente spread tra i titoli di Stato benchmark a 10 anni del paese e le loro controparti tedesche.
Questo differenziale ha aggiunto 100 punti dalle elezioni nazionali di inizio marzo che hanno provocato un prolungato stallo politico che alla fine ha prodotto un governo populista ed euroscettico di coalizione che era seduto all’inizio di giugno, ha riferito Xinhua.

Più grande è lo spread, minore è la fiducia degli investitori e maggiori sono i tassi di interesse che il paese deve pagare per prendere in prestito denaro.

Rallenta l’Economia Italiana nel 2019 – 2020

Lo spread, che aleggiava a 130 punti base a marzo, è passato da allora a 230 punti base e oltre.

Il prodotto interno lordo nazionale ha aggiunto lo 0,3% nel primo trimestre e dovrebbe fare lo stesso nel secondo trimestre, in calo rispetto alla crescita trimestrale media dello 0,4% nel 2017, ha detto l’ISTAT nelle sue previsioni di maggio per l’economia italiana.

Nel suo bollettino di giugno, la Banca d’Italia ha visto l’economia crescere dell’1,4% quest’anno, per poi rallentare all’1,2% nel 2019-2020. Il Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita dell’1,5% nel 2018, decelerando all’1,1% l’anno prossimo e allo 0,9% nel 2020, secondo i dati raccolti dalla banca centrale italiana.

Crescita dell’economia in Europa

In confronto, l’ISTAT ha detto che il PIL della zona euro è cresciuto del 2,4% nel 2017 (contro il 3,8% per l’economia globale) e si prevede un aumento del 2,3% quest’anno.

Un decennio dopo la crisi finanziaria internazionale che ha spinto il paese in anni di recessione, l’Italia, a differenza di quasi tutti gli altri Stati della zona euro, è ancora lontana dal tornare ai livelli pre-crisi.

“La produzione industriale è di 17 punti percentuali al di sotto dei livelli del 2008, il tasso di disoccupazione supera di oltre 5 punti il ​​minimo pre-crisi e la disuguaglianza (economica) è aumentata in modo marcato”, ha detto a metà settembre il ministro dell’Economia Giovanni Tria. -Giugno.

Inoltre, l’aumento del protezionismo sui mercati internazionali quando le barriere commerciali imposte dagli Stati Uniti hanno spinto la Cina e l’Unione europea a rispondere in natura hanno già avuto ricadute negative a livello macroeconomico.

“Le tensioni protezionistiche che sono emerse negli ultimi mesi hanno già rallentato la crescita significativa del commercio internazionale pubblicato nel 2017, raffreddando la fiducia dei produttori europei e asiatici”, ha detto il ministro.

dati dell'economia italiana storico
L’Italia continua ad essere uno dei paesi più ricchi del mondo, nonostante si continui a dipingere il Nostro paese, come una nazione alla fame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *