QI Medio Mondiale in Diminuzione: Perché Siamo Meno Intelligenti?

I tassi di QI stanno diminuendo in molti paesi sviluppati e questo non è di buon auspicio per l’umanità
Una crisi dell’intelligenze potrebbe minare le nostre capacità di risoluzione dei problemi e offuscare le prospettive dell’economia globale.Le persone stanno diventando più stupide. Non è un giudizio; è un fatto globale. In una serie di nazioni leader, i punteggi del QI hanno iniziato a diminuire .

Sebbene ci siano domande legittime sulla relazione tra QI e intelligenza , e un ampio riconoscimento del fatto che il successo dipende tanto da altre virtù come la grinta , i test del QI in uso in tutto il mondo oggi sembrano davvero catturare qualcosa di significativo e durevole. Decenni di ricerche hanno dimostrato che i punteggi individuali del QI predicono cose come i risultati scolastici e la longevità . Più in generale, il punteggio medio del QI di un paese è legato alla crescita economica e all’innovazione scientifica .

QI Medio Mondiale è in Declino: Perché Siamo Meno Intelligenti?

Anche i bambini nati da genitori con un QI elevato stanno scivolando giù nella scala del QI.

Quindi, se i punteggi del QI sono davvero in calo, ciò potrebbe non solo significare 15 stagioni in più dei Kardashian, ma anche la potenziale fine del progresso su tutti questi altri fronti, portando in ultima analisi a meno scoperte scientifiche, economie stagnanti e un generale oscuramento del nostro futuro collettivo. .

Finora, gli Stati Uniti non hanno raggiunto questo muro del QI, nonostante ciò che potresti essere tentato di supporre dallo stato attuale del dibattito politico. Ma non affrettarti a celebrare l’eccezionalità americana: se i QI stanno diminuendo in altri paesi avanzati ma non qui, forse significa che non siamo davvero un paese avanzato ( troppa povertà , troppo poco sostegno sociale ).

O – altrettanto preoccupante – se stiamo tenendo il passo con i Jones (o Johanssons e Jacques) in termini di sviluppo nazionale, ciò significa che probabilmente sperimenteremo un crollo del QI in modo simile nel prossimo futuro. A quel punto, gli Stati Uniti dovranno affrontare gli stessi pericoli della stagnazione intellettuale ed economica.

Se vogliamo evitare che l’America subisca questo destino, è meglio capire perché i QI stanno diminuendo altrove. Ma è un territorio inesplorato. Fino a poco tempo, i punteggi del QI si muovevano solo in una direzione: verso l’alto. E se stai pensando: “Il test non è impostato in modo che 100 sia sempre il QI medio?”, È vero solo perché i ricercatori ridimensionano i test per correggere i punteggi grezzi. (Inoltre, congratulazioni, questo è il tipo di pensiero critico che non vogliamo perdere!)

Questi punteggi grezzi sono aumentati su una varietà di test del QI standard per oltre mezzo secolo . Può sembrare strano se pensi al QI come in gran parte ereditario. Ma gli attuali test del QI sono progettati per misurare le abilità cognitive di base come la memoria a breve termine, la velocità di risoluzione dei problemi e l’elaborazione visiva, e l’aumento dei punteggi mostra che queste capacità cognitive possono effettivamente essere affinate da fattori ambientali come scuole di qualità superiore e più esigenti. ambienti di lavoro.

Per un po ‘, l’aumento dei punteggi del QI è sembrato una chiara prova del progresso sociale, una prova tangibile che l’umanità stava diventando sempre più intelligente e potrebbe persino essere in grado di aumentare le capacità intellettuali indefinitamente. Gli studiosi lo chiamarono “effetto Flynn”, in omaggio a JR Flynn, il ricercatore che ne riconobbe la portata e l’importanza.

In questi giorni, tuttavia, lo stesso Flynn ammette che “i guadagni di QI del 20 ° secolo hanno vacillato”. Una serie di studi che utilizzano una varietà di test e metriche del QI consolidati hanno rilevato punteggi in calo in Scandinavia, Gran Bretagna, Germania, Francia e Australia.

I dettagli variano da studio a studio e da luogo a luogo, dati i dati disponibili. Le carenze di QI in Norvegia e Danimarca compaiono nei test di lunga data dei coscritti militari, mentre le informazioni sulla Francia si basano su un campione più piccolo e su un test diverso. Ma il modello generale è diventato più chiaro: all’inizio del volgere del 21 ° secolo, molte delle nazioni economicamente più avanzate hanno iniziato a sperimentare una sorta di declino del QI.

Possibile cause di diminuzione dell’intelligenza media

Una possibile spiegazione era quasi eugenetica . Come nel film “Idiocrazia”, è stato suggerito che l’intelligenza media viene abbattuta perché le famiglie con un QI inferiore stanno avendo più figli (“fertilità disgenica” è il termine tecnico). In alternativa, l’ampliamento dell’immigrazione potrebbe portare nuovi arrivati ​​meno intelligenti a società con QI altrimenti più elevato.

Tuttavia, uno studio del 2018 sulla Norvegia ha messo in dubbio queste teorie dimostrando che i QI stanno diminuendo non solo nelle società ma all’interno delle famiglie. In altre parole, il problema non è che i norvegesi istruiti siano sempre più in inferiorità numerica rispetto agli immigrati con un quoziente di intelligenza inferiore o ai figli di cittadini meno istruiti. Anche i bambini nati da genitori con un QI elevato stanno scivolando giù nella scala del QI.

 

Alcuni fattori ambientali – o insieme di fattori – stanno causando un calo dei punteggi del QI dei genitori e dei propri figli, dei bambini più grandi e dei loro fratelli più piccoli.

Una delle spiegazioni principali è che l’aumento dei lavori di servizio con competenze inferiori ha reso il lavoro meno impegnativo dal punto di vista intellettuale, lasciando il QI ad atrofizzarsi mentre le persone sforzano di meno il cervello.

Ci sono anche altre possibilità, in gran parte non testate, come il riscaldamento globale che rende il cibo meno nutriente, o dispositivi dell’era dell’informazione che minano la nostra capacità di concentrazione.

La Nostra opinione

La Nostra opinione é che questo depauperamento sia dovuto a diversi fattori, non solo uno. Cioè fattori “fisici” e “fattori intellettuali”.

  • Un artigiano di 50 o 100 anni fa doveva trovare soluzioni per il suo lavoro ed inventava marchingegni per aiutarsi. In moltissime fabbriche i sistemi di produzione venivano migliorati proprio dagli operai, i quali venivano premiati proprio per questo. Oggi le macchine difficilmente si rompono, quasi tutto è progettato da un numero ristretto di ingegneri e la massa degli operai/artigiani  non si sforza più a pensare a nuove soluzioni.
  • Un altro aspetto è quello del linguaggio usato al tempo dei social. L’esempio di Twitter è lampante: fino a poco tempo fa c’erano solo 40 caratteri da poter usare per esprimere un concetto. Quindi la sfera del linguaggio usato si è con il tempo ristretta. Basta leggere un libro di successo in italiano di 100 anni fa e di oggi. I termini usati sono decisamente inferiori ed il cervello non è più abituato ad usarne tanti.

Quindi la stragrande maggioranza di persone sforza meno il cervello. Come un muscolo, con il tempo si atrofizza se non viene adeguatamente stimolato. Quindi se è vero che diminuisce la povertà economica, aumenta la povertà intellettuale.

Conclusioni

In definitiva, sarebbe bello individuare il motivo preciso per cui i punteggi del QI stanno diminuendo prima che siamo troppo stupidi per capirlo, soprattutto perché questi punteggi sembrano davvero collegati alla produttività a lungo termine e al successo economico .

E mentre potremmo essere in grado di compensare con abilità oltre all’intelligenza, come la determinazione o la passione, in un mondo in cui i punteggi del QI continuano a diminuire – e dove il calo si espande in luoghi come gli Stati Uniti – c’è anche uno scenario più cupo: una crisi dell’intelligence globale che mina la capacità di risoluzione dei problemi dell’umanità e ci lascia mal equipaggiati per affrontare le complesse sfide poste dall’IA, dal riscaldamento globale e dagli sviluppi che dobbiamo ancora immaginare.

da: NBCNEWS

NB: ci sono molti studi pubblicati ( come questo ) e facilmente consultabili online, cercando su Google.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

1 commento

  1. Il declino del mondo occidentale non è di natura psicologica, bensì ha cause evidenti nel riequilibrio forzoso tra Stati Nazionali della Società Aperta, multipolare, della globalizzazione antagonista sul mercato.

    Il fenomeno dell’impoverimento linguistico e della crescita dell’analfabetismo funzionale si osserva solo tra le ultime generazioni e quelle appena precedenti, del boom economico del dopo guerra. Prima dell’ultima guerra esistevano grandi masse di analfabeti totali e parziali, e i popoli erano divisi su vari livelli, anche su quello linguistico, per l’uso di mille dialetti e forme di comunicazione non codificata, gestuale, di cultura intima, volgare. E allora i fenomeni di isolamento ed emarginazione era fortemente più incisiva nei confronti di questa odierna dovuta all’analfabetismo funzionale. Tale arretramento non è dovuto a cause psicologiche, individuali, ma è un risultato epocale che segna lo spartiacque tra un tipo di sviluppo economico fondato sul colonialismo, in società chiuse e militarizzate del passato, che vivevano dallo sfruttamento del mondo soggiogato, alienato, schiavizzato.
    La spiegazione sociologica invece è un’altra: la dipendenza delle masse dalla tecnica, la dipendenza dall’assistenza statale e sociale, la dipendenza dalla scienza intesa come tecnocrazia che risolve tutto per tutti, come per magia.
    La fiducia alla crescita eterna degli anni del boom del mondo sviluppato, industrializzato, imperialista e tecnologicamente, cioè scientificamente avanzato, dove ogni generazione coltivava la fede del costante miglioramento dello status di vita migliore nei confronti dei propri genitori, è stata bruscamente smentita dalla globalizzazione. Oggi i giovani del Primo Mondo non hanno aspirazioni di migliorare la propria condizione nei confronti del genitori, e vedono il Secondo e Terzo Mondo avvicinarsi al proprio stile di vita, minacciare il proprio tenore, revocare la rendita a vita dovuta alla dipendenza del terrore militare, gli equilibri di potere distruttivo. I giovani del Terzo Mondo sono vigorosi, biologicamente forti, psicologicamente dotati per lottare e sopravvivere, sono capaci di enormi salti nella mobilità sociale, emigrano, usano le nuove tecnologie, recuperano spazio perduto e ritardi culturali atavici mettendosi al confronto con enorme vitalità. Non sono tecnicamente assistiti come noi, riescono a cavarsela con le proprio forze della volontà, mentre i nostri giovani si lasciano appassire nell’abbandono, nichilismo, autodistruzione.
    Al posto della fiducia all’eterna prosperità dei propri genitori, oggi non si trova di meglio che investire allo Stato Sociale Tuttofare e Tuttopensare il compito di mantenere e conservare un tenore di vita decoroso, minimo ma sicuro, garantito con l’assistenza della tecnica e con il supporto scientifico, automatizzato, robotizzato. E avanza così la mentalità del Reddito di Cittadinanza… come Fede Metafisica che qualcun altro produrrà penosamente i beni e i servizi occorrenti per mantenere lo Stato Sociale comodo, ricco ed efficiente, ma politicamente purtroppo inesistente, culturalmente azzerato nell’idiozia di massa.
    Mentre le nostre giovani generazioni si rilassano e smettono di competere, vengono assorbiti nella subcultura del consumismo passivo e compulsivo, i giovani dei popoli del mondo in via di sviluppo che vuole evolvere, corrono per conquistare i meriti della Società Aperta della globalizzazione, migliorandosi, adeguandosi ad un sistema di qualità totale necessario per equilibrare le tensioni sociali e culturali, sul valore del merito ed eccellenza.
    Se i nostri giovani smettono di faticare, socializzare, comunicare, cooperare, sognare e costruire il proprio futuro, in una parola “competere”, implodono nello stato di afasia culturale attuale che si misura nel PIL, nella Infelicità dilagante, nell’analfabetismo funzionale, in tutti i parametri noti ai sociologi con i quali descriviamo il declino del Mondo Industrializzato, che forse era solo ingigantito di misura nei consumi allargati, ma non era cresciuto culturalmente e socialmente, e rimasto umanamente senza valori e identità utili alla sopravvivenza, in corsa folle contro l’ambientalismo, la solidarietà, la vivibilità di una società moderna inclusiva per tutti, verso il nichilismo attuale e futuro.
    Evangelos Alexandris
    Insegnante, Sociologo, Giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *