Guerra al Contante: la Storia

Dai contanti e dai controlli personali alle carte di credito e alle criptovalute, le abitudini di spesa dei consumatori globali stanno cambiando rapidamente. Ecco come è avvenuto questo cambiamento … e perché è una buona cosa.

Dal momento che la Cina ha emesso per la prima volta banconote durante la dinastia Tang (dal 618 al 907 d.C.), il denaro è stato il mezzo di scelta per le transazioni commerciali in tutto il mondo. Dopo la caduta dell’Impero Romano, argento e monete sono stati utilizzati per facilitare la maggior parte delle transazioni per secoli. Nell’alto medioevo, i mercanti veneziani iniziarono a usare lingotti d’argento per condurre il commercio, poi passarono a note cartacee scritte per i banchieri, istruendoli a effettuare bonifici dai loro conti. Col passare del tempo, un certo tipo di moneta o di valuta cartacea veniva usato quasi esclusivamente per fare acquisti in tutto il mondo.

Infatti, per secoli, la maggior parte dei consumatori non poteva nemmeno immaginare di condurre affari senza l’uso della valuta fisica. Ciò è cambiato nella metà del 20 ° secolo, quando un uomo d’affari di New York ha commesso lo sfortunato errore di dimenticare il portafoglio quando portava i clienti a cena. Quella notte, i commensali del ristorante non erano a conoscenza del fatto che la prima versione della guerra in contanti fosse stata appena licenziata.

 

La prima carta di credito

Nel 1949 un uomo d’affari locale, Frank McNamara, portò i clienti a mangiare al Majors Cabin Grill di New York City e fu colto dal panico quando si rese conto che aveva lasciato il portafoglio in un’altra giacca. Fortunatamente per McNamara, l’imbarazzo è stato scongiurato perché sua moglie ne aveva abbastanza per coprire il conto. Ma l’incidente ha fatto sì che le ruote iniziassero a girare all’interno della testa di McNamara. Sospettava che esistesse un modo migliore per gestire il pagamento per i viaggi e l’intrattenimento piuttosto che richiedere ai consumatori di avere a disposizione abbastanza denaro per pagarli.

Dopo essersi consultato con alcuni partner commerciali, McNamara ebbe la risposta. L’anno successivo, è tornato allo stesso ristorante, ma questa volta, ha pagato con una piccola carta di credito in cartone, la prima carta Diners Club. Questo incidente sarebbe stato in seguito chiamato la “prima cena” all’interno del settore, poiché era la prima volta nella storia moderna che un cliente acquistava quello che poteva permettersi, non quello per cui aveva abbastanza soldi a disposizione.

McNamara ha iniziato offrendo la carta di credito a familiari e amici per una piccola quota annuale e convincendo 27 ristoranti locali ad accettare di accettare la carta come pagamento. Nel 1951, tuttavia, la piattaforma delle carte era decollata: l’adesione era salita a 42.000, i commercianti dell’industria dell’intrattenimento e dei viaggi chiedevano a gran voce di farne parte e l’accettazione veniva estesa alle principali città degli Stati Uniti. Nel 1955 la carta venne accettata in Nord America, Europa, Asia e Medio Oriente e, prima della fine del decennio, più di un milione di membri facevano parte del Diners Club.

Nel 1957 American Express vide il potenziale nel settore delle carte di credito; ha emesso 250.000 carte prima della sua data ufficiale di lancio nel 1958 perché la domanda era così alta. Le carte di Amex erano considerate complementari agli assegni turistici della compagnia, da utilizzare negli hotel, nelle compagnie aeree e in altri stabilimenti dell’industria dei viaggi e dell’intrattenimento.

Presto la concorrenza arrivò da tutte le parti, relegando Diners Club in un ruolo minore nella guerra in contanti, e oggi, Diners Club opera come una piccola parte di Discover Financial Services . Ma l’umile idea di Frank McNamara, stimolata da una cena quasi imbarazzante, avrebbe preso il sopravvento in tutto il mondo e iniziato a cambiare il modo in cui il mondo conduce gli affari.

Come iniziarono le società di carte di credito

Con poche eccezioni, fino alla concezione del Diners Club, i clienti che volevano utilizzare il credito per effettuare acquisti dovevano farlo su una base merchant-by-merchant, che rendeva il processo di utilizzo del credito goffo, noioso e rischioso per i commercianti. Un articolo del Washington Post dell’era degli anni ’90 , che descrive lo stato del credito alla fine degli anni ’50 in America, dipinge questa immagine: “Molti americani avevano ormai una dozzina di forme di credito diverse: una carta di benzina da una compagnia petrolifera, cinque o sei grandi magazzini targhe di addebito, conti di addebito della compagnia aerea se hanno viaggiato, prestiti rateali per auto e frigoriferi e forse un prestito o due da una società finanziaria. ”

La maggior parte di questi account al dettaglio erano account di addebito, il che significava che dovevano essere rimborsati alla fine di ogni mese. L’idea di permettere agli addebiti di credito di passare al mese successivo con interesse non era ancora entrata nella mente americana. Tutto ciò cambierebbe nel 1958, quando Bank of America ( NYSE: BAC )i rappresentanti hanno inviato 60.000 non richiesti BankAmericards, le prime carte di credito dei giorni nostri, ai residenti di Fresno, in California. Intendiamoci, queste non erano applicazioni per la carta. Si trattava di carte già aperte, registrate e pronte all’uso, con un limite di credito di $ 300 per tutti i titolari di carta. Questo primo test è andato abbastanza bene, così Bank of America ha iniziato a “cadere” – il termine dato per spedire a freddo queste carte a ignari consumatori – le carte in tutta la California. Nell’ottobre 1959 erano stati emessi oltre 2 milioni di carte di credito e BankAmericard era stato accettato da 20.000 commercianti.

La rapida accelerazione nell’emissione delle carte, tuttavia, inizialmente ha portato a diversi problemi. La frode delle carte di credito era dilagante e oltre il 22% di tutti i conti BankAmericard erano delinquenti. Bank of America ha perso un sacco di soldi – alcuni stimano fino a $ 20 milioni – con questa introduzione della carta di credito. Ma la banca ha rapidamente ripulito il suo operato istituendo controlli finanziari sul suo nuovo prodotto.

 

Mastercard e il duopolio di Visa

Verso la metà degli anni ’60, la domanda di BankAmericard fu così grande che Bank of America iniziò a firmare accordi di licenza con altre banche per emettere carte che potevano essere utilizzate sulla stessa rete. Quando altre banche hanno concesso in licenza il prodotto, la carta ha assunto nomi diversi nei paesi e nei mercati di tutto il mondo, tra cui Chargex (Canada), Carte Bleu (Francia) e Barclaycard (Regno Unito).

Altre banche, tra cui Wells Fargo ( NYSE: WFC ) , hanno avuto un’idea simile e hanno lanciato l’Interbank Card Association (ICA) nel 1966. L’associazione delle banche avrebbe presto rilasciato Master Charge: The Interbank Card. Nel 1979, Master Charge divenne Mastercard. Il singolo marchio della carta Master Charge, insieme al suo non essere associato ad una singola banca, sembrava aiutarlo ad ottenere l’accettazione. Allo stesso modo, Bank of America rinunciò al controllo di BankAmericard e nel 1976 la rete delle carte assunse il nome e il marchio Visa.

Nel 1981, American Airlines lanciò il primo programma di ricompensa per volantini frequenti. Gli emittenti di carte di credito si sono rapidamente impadroniti e hanno iniziato a offrire diversi premi ai membri dell’account. Nel 1986, Discover Financial ha introdotto il primo programma di cash back, premiando i clienti per spendere di più. Questi incentivi hanno aiutato i consumatori americani ad abituarsi all’idea di acquistare cose a credito ancora più rapidamente e la popolarità delle carte di credito è esplosa. Ma le forme di pagamento elettroniche e digitali non comincerebbero a sostituire il denaro sul serio fino a quando non arriverà un’altra tendenza tecnologica in forte espansione.

Come le banche hanno guidato la guerra in contanti

Mentre i conti delle carte di credito sono esplosi negli anni ’60 e ’70, un’altra banconota è stata licenziata in contanti da un’altra direzione: le banche.

All’inizio degli anni ’70 le banche stavano annegando in assegni; semplicemente non potevano gestire l’enorme volume di carta che stavano ricevendo. Un gruppo di banchieri californiani ha deciso di fare qualcosa al riguardo e nel 1972 ha costituito la California Automated Clearing House Network. Si tratta di una rete da cui trasferire denaro tra due istituzioni finanziarie partecipanti, quasi come un controllo elettronico. Presto le reti regionali di clearing house (ACH) regionali hanno iniziato a germogliare in tutto il paese. Queste reti presto unirono le forze per formare la National ACH Association, o NACHA. Nel 1974, i membri della US Air Force potevano ricevere i loro assegni tramite deposito diretto piuttosto che un controllo fisico, e nel 1978 ogni singola banca nel paese poteva trasferire denaro elettronicamente attraverso la rete.

La rete ACH potrebbe rivoluzionare il sistema bancario, consentendo a chiunque disponga di un conto bancario di impostare pagamenti automatici delle bollette, eliminando la necessità della maggior parte dei controlli e offrendo ai consumatori la possibilità di evitare pagamenti tardivi e mancati.

Come l’e-commerce ha guidato la guerra in contanti

A metà degli anni ’90, Pierre Omidyar iniziò a ricevere buste piene di contanti, assegni e persino di spiccioli. Aveva appena iniziato a chiedere agli utenti di usare il suo sito web d’asta, opportunamente chiamato AuctionWeb, quando i soldi iniziarono a riversarsi. Aveva persino dovuto assumere un aiuto part-time per aprire le buste e aiutare a depositare gli assegni. Quando il suo sito web d’asta crebbe, fu ribattezzato eBay ( NASDAQ: EBAY ) , e divenne presto evidente che l’e-commerce non sarebbe mai prosperato mentre gli acquisti erano facilitati da contanti e assegni. Dopo aver tentato senza successo una serie di opzioni interne, eBay ha acquisito PayPal ( NASDAQ: PYPL ) nell’estate del 2002 per $ 1,5 miliardi.

Sotto la guida dei luminari della Silicon Valley come Peter Thiel e Elon Musk , PayPal aveva rilevato il sito di eBay, la piattaforma digitale era popolare tra compratori e venditori. Al momento dell’acquisizione, circa il 70% di tutte le transazioni eBay ha accettato PayPal come metodo di pagamento e il 25% è stato chiuso con PayPal. PayPal divenne rapidamente la piattaforma di scelta per coloro che volevano effettuare acquisti online o, tramite la funzione di pagamento P2P di PayPal, solo per inviare denaro ad amici o familiari.

A causa dell’inadeguatezza intrinseca degli acquisti online in contanti e personali, e della crescente popolarità dello shopping digitale, l’ e-commerce è stato un vantaggio per i pagamenti elettronici e digitali negli ultimi due decenni. Come CFO Vasant Prabhu di Visa ( NYSE: V ) ha spiegato durante la UBS Global Technology Conference 2017 (come trascritto da S & P Global Market Intelligence ), gli acquisti online hanno dato un forte impulso alle società di carte di credito:

Numeri semplici L’e-commerce cresce 5 volte più velocemente delle transazioni faccia a faccia. E in una transazione di e-commerce, la propensione a utilizzare una carta Visa è due volte più alta di una transazione faccia a faccia. Quindi qualcosa cresce 5 volte più velocemente dove la tua propensione a essere usata è il doppio di quello che avrebbe potuto essere. È fenomenale.

L’e-commerce continua a guadagnare sulle vendite al dettaglio tradizionali in termini di popolarità, una tendenza che non sembra destinata a finire presto. Nel 2018, le vendite di e-commerce negli Stati Uniti sono salite a $ 513,6 miliardi, un aumento del 14,2% rispetto al 2017, buono per circa il 10% delle vendite totali, mentre le vendite al dettaglio nazionali sono cresciute solo del 4,8%. Questa crescita ineguale è una tendenza che è rimasta costante per diversi anni.

 

Come le criptovalute hanno spinto la guerra in contanti

Secondo Tim Draper, venture capitalist, “tra cinque anni, proverai a comprare caffè con moneta fiat e ti derideranno perché non utilizzi la crittografia”.

Anche se esiste da poco più di un decennio, la storia di bitcoin è piena di colpi di scena. Nel 2008 il mondo finanziario si stava sgretolando e nel settembre dello stesso anno Lehman Brothers Holdings, una delle più grandi banche del mondo, ha presentato istanza di protezione in caso di bancarotta. Nel bel mezzo di questa crisi finanziaria, il dominio bitcoin.org è stato registrato da un programmatore, o gruppo di programmatori, usando lo pseudonimo Satoshi Nakamoto. Nel gennaio 2009, il primo bitcoin è stato estratto e inviato da Nakamoto a Hal Finney, un esperto di crittografia. La vera identità di Nakamoto non è ancora nota e la persona (o le persone) che usano lo pseudonimo si è ritirata dal progetto bitcoin nel 2011 e da allora non ha più ricevuto notizie pubblicamente.

Nei primi tempi di Bitcoin, deteneva pochissimo potere d’acquisto reale. Pochi stabilimenti di vendita rispettabili accettano la valuta, ma presto trovano una nicchia negli inferi. Nel 2011 Ross Ulbricht, utilizzando lo pseudonimo di Dread Pirate Roberts, ha aperto un mercato nero online chiamato Silk Road. Mentre il sito è stato creato sotto principi libertari, presto è diventato poco più di un paradiso per il traffico di droga, dove quasi ogni sostanza poteva essere acquistata dietro il mantello dell’anonimato fornito dal bitcoin.

Ulbricht è stato trovato e arrestato in una biblioteca pubblica di San Francisco nel 2013, ma non prima che 1.2 milioni di transazioni fossero state agevolate sul sito per 9,5 milioni di BTC. Mentre Silk Road fu presto chiusa dopo che Ulbricht fu arrestato, lo schema era stato fissato e la criptovaluta divenne presto la forma standard di valuta usata nelle transazioni del mercato nero. Le persone ora usano Bitcoin per comprare tutti i tipi di oggetti, dai cannoni agli immobili ai pacchetti di viaggio.

Dal momento che il primo bitcoin è stato estratto, sono apparse molte criptovalute diverse , la maggior parte delle quali registrano digitalmente le transazioni su un libro mastro decentralizzato alimentato dalla tecnologia blockchain , con i conteggi recenti che mettono il numero ben al di sopra di 2.500.Mentre il numero di criptovalute è aumentato esponenzialmente, quelli che hanno maggiori probabilità di successo e resistenza sono stati lanciati per risolvere problemi specifici del mondo reale, come i pagamenti transfrontalieri o le inefficienze della catena di approvvigionamento .

LEGGI ANCHEMMT Teoria Monetaria ModernaMinibotPagamenti digitali

Perché la guerra al contante è importante

Questi sviluppi, incluso l’aumento dei pagamenti mobili e della tecnologia finanziaria, o fintech , sono molto più di una storia interessante di un settore finanziario di nicchia. La guerra al contante ha aumentato l’inclusione finanziaria, incoraggiato il commercio e reso le transazioni più sicure per i consumatori.

Nel 2017 la Banca Mondiale ha riferito che 3,8 miliardi di persone, pari a circa il 69% della popolazione adulta mondiale, avevano un conto presso una banca, qualcosa che l’istituzione definisce “un passo cruciale per sfuggire alla povertà”. Questa cifra è salita dal solo 51% degli adulti nel 2011. L’accesso a servizi finanziari di base, come conti bancari, linee di credito e la possibilità di effettuare pagamenti elettronici, significa che le persone possono risparmiare per esigenze familiari, prendere in prestito denaro per avviare un’impresa e effettuare pagamenti in modo sicuro e sicuro.

Il presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim ha attribuito direttamente l’aumento dell’inclusione finanziaria ai vantaggi tecnologici nella connettività mobile e internet, affermando: “Avere accesso ai servizi finanziari è un passo fondamentale verso la riduzione della povertà e della disuguaglianza e nuovi dati sulla proprietà dei telefoni cellulari e l’accesso a Internet offre opportunità senza precedenti di utilizzare la tecnologia per raggiungere l’inclusione finanziaria universale “.

I pagamenti elettronici e digitali rendono anche più sicuro per i consumatori effettuare transazioni. Negli Stati Uniti, ad esempio, ai consumatori viene offerta protezione legale e non possono essere ritenuti responsabili per oltre $ 50 di addebiti fraudolenti sulle loro carte di credito , mentre i controlli personali possono esporvi a frodi e denaro rubato senza possibilità di recupero da parte della vittima.

La guerra contro il contante è una tendenza che difficilmente si invertirà presto, sebbene possa benissimo continuare a compiere colpi di scena inaspettati in futuro. I consumatori hanno parlato, constatando che i pagamenti digitali ed elettronici offrono praticità e sicurezza che le forme fisiche di valuta semplicemente non possono eguagliare. La tecnologia che ha permesso la prosecuzione della guerra sul contante ha anche abbassato il prezzo dei servizi finanziari di base, democratizzando l’accesso al credito e ai servizi bancari, consentendo così a più persone di partecipare all’economia globale.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

1 commento

  1. TUTTI I CITTADINI HANNO IN CASA IL CONTANTE ALCUNI ANCHE DIVERSI NON PER FRODARE LO STATO MA PERCHE’ NON SI FIDANO DELLE BANCHE E CHE PRIMA TI DICONO CHE IL POS NON COSTA NULLA MENTRE ALLA FINE NEI RESOCONTI METTONO SEMPRE DA PAGAREQUALCOSA E CON GLI ANNI SUCCESSIVI AUMENTANO.
    MA DICO E’ POSSIBILE CHE QUEI GRANDI CERVELLONI CHE ABBIAMO AL GOVERNO TO NON SI ACCORGONO CHE SE TOLGONO IL CONTANTE CALERANNO DRASTICAMENTE I CONSUMI E POI PERCHE’ SI ACCUSA CHE LA GENTE CON IL CONTANTE FRODA LO STATO O PERCHE’ E’ LO STATO CHE NON E’ CAPACE DI CONTROLLARE ED E’ PIU’ COMODO GIUDICARE IL CITTADINO E NON COLPERIZZARSI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *