ENI: giacimento di gas in Mozambico (Africa) minacciato dal terrorismo

Già nel 2010, Anadarko Corp. con sede in Texas (ora una controllata di Occidental Petroleum Corp. ) e il colosso energetico italiano ENI SpA ( MI. ENI ) hanno annunciato la scoperta di circa 180 trilioni di piedi cubi di riserve di gas naturale, equivalenti a ~ 29 miliardi di barili di petrolio, il bacino super gigante offshore del Mozambico di Rovuma, catapultò immediatamente la nazione sudafricana verso una potenziale superpotenza globale di GNL.

Come previsto, c’è stata una fuga precipitosa delle major del petrolio e del gas, tra cui ExxonMobil , Total, Shell e CNPC (China National Petroleum Corp.), che si sono precipitate a mettere in gioco le loro rivendicazioni.

Ma ora c’è il reale pericolo che la più grande spesa per investimenti in Africa possa andare in fumo anche prima che venga avviata correttamente grazie alla proliferazione del terrorismo nella regione.

Il Mozambico potrebbe potenzialmente raccogliere quasi 100 miliardi di dollari di entrate del GNL , o 7 volte il suo PIL annuale, nei prossimi 25 anni, e aumentare il tasso di crescita reale dal 4% al 4,8% e al 5,4% (a seconda dello scenario) evidenziando così il puro potere trasformativo il progetto potrebbe avere sulla nazione povera.

Ma il mancato decollo dei progetti di GNL potrebbe dare un duro colpo al Mozambico, la sesta nazione più povera del mondo, nonché al governo del presidente Nyusi, che cerca disperatamente di attirare investimenti stranieri.

ENI: giacimento di gas in Mozambico (Africa) minacciato dal terrorismo

Terrorismo crescente

Una famigerata organizzazione terroristica che si è allineata allo Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità di dozzine di attacchi soprattutto nella provincia di Cabo Delgado.

Negli ultimi tre anni, l’insurrezione ha ucciso più di 1.500 persone e ne ha spostate altre 250.000 nel nord del paese, e nessuno sa nemmeno chi siano veramente, cosa vogliono o a chi siano leali, con il governo che vuole semplicemente fare riferimento loro come una banda di criminali. La gente del posto li chiama “al-Shabaab“, secondo il Consiglio Atlantico , ma il loro nome ufficiale – per quanto ne sappiamo – è al Sunna wa Jummah (ASWJ). La leadership del gruppo è sconosciuta.

Quando decapitano qualcuno, non c’è messaggio, nessuna richiesta. Inoltre, non è chiaro se abbiano una connessione reale con lo Stato Islamico o se tale connessione stia ancora trasformandosi.

Perché il prezzo del petrolio è negativo per la prima volta nella storia

Le cause profonde, come sempre, sono il sottosviluppo e la corruzione.

Sono passati circa otto mesi da quando il presidente mozambicano Filipe Nyusi ha prestato giuramento per un secondo mandato alla guida del paese. Nel suo discorso di insediamento, Nyusi ha sottolineato l’importanza della pace se la nazione vuole realizzare il suo pieno potenziale. Il Mozambico è stato afflitto da una guerra civile di 16 anni che si è conclusa nel 1992, eppure la ripresa del conflitto armato rimane una sfida importante fino ad oggi.

Il presidente ha anche promesso di non cadere vittima della maledizione africana in cui le nazioni ricche di risorse tendono ad andare anche peggio economicamente dei loro coetanei meno dotati.

Più facile a dirsi che a farsi. Il governo precedente ha una storia piuttosto complicata in termini di mantenimento della pace, ma ora sono in gioco miliardi di dollari di gas naturale.

L’anno scorso, il governo del Mozambico ha approvato il Piano di sviluppo GNL Rovuma, guidato dalle major petrolifere ExxonMobil ed ENI.

La fase di sviluppo iniziale potrebbe vedere le società accumulare oltre 60 miliardi di $ di investimenti con il Mozambico che potrebbe diventare un fornitore principale di GNL per la Cina, dopo che il paese asiatico ha lanciato il Blue Sky Defense Action Plan progettato per ridurre l’inquinamento atmosferico.

Tuttavia, è ovvio che affinché questo diventi una realtà, Nyusi dovrà garantire la sicurezza a tutte le aziende che investono in una regione in cui gli insorti legati allo Stato Islamico hanno recentemente intensificato gli attacchi contro le forze di sicurezza e contro i civili. Il governo avrà il compito non solo di fermare gli attacchi, ma anche di affrontare i fattori chiave dell’insurrezione, tra cui disoccupazione, povertà e una generale mancanza di opportunità economiche.

Questo sembra essere un compito arduo, considerando che gli intransigenti dell’opposizione hanno continuato con gli omicidi nonostante Nyusi abbia firmato un accordo di pace con Renamo, il principale partito di opposizione, l’anno scorso che ha posto una pausa al conflitto di anni.

Corruzione e debito nascosto

Successivamente, Nyusi dovrà affrontare la corruzione endemica nel settore pubblico per aumentare la responsabilità e garantire che i proventi del gas non finiscano nel conto offshore di qualche funzionario governativo.

Cosa potrebbe fare il governo italiano per difendere i propri interessi

ENI è un’azienda quotata in borsa la cui maggioranza è in mano al Ministero delle finanze. In pratica ENI è un’azienda statale, cioè di tutti Noi. Il governo italiano potrebbe fare degli accordi con il governo del Mozambico per combattere questo terrorismo, con mezzi ed aiuti militari italiani.

Lo farà? . Per ora non si sa nulla a proposito.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *