I calciatori italiani sono sopravvalutati dal calcio mercato?

Valutare se i calciatori italiani siano sopravvalutati dal calciomercato è un’opinione complessa e soggettiva, che dipende da diversi fattori e sfumature.

Esistono diverse posizioni e argomenti da considerare:

Sopravvalutazione:

  • Costo dei trasferimenti: Alcune voci sostengono che i calciatori italiani tendano ad avere costi di trasferimento più alti rispetto al loro valore reale, spesso a causa di un “effetto nostalgia” o di una sopravvalutazione del “made in Italy”. Questo può portare ad acquisti non ottimali per le squadre straniere.
  • Confronto con i campionati esteri: In alcuni casi, si osserva che i calciatori italiani, pur brillando in Serie A, non riescono a ripetersi con lo stesso livello di prestazioni nei campionati esteri più competitivi. Questo potrebbe suggerire una certa sopravvalutazione del loro talento in relazione al panorama internazionale.
  • Enfasi sul potenziale: A volte, i giovani talenti italiani vengono etichettati come “promesse” o “futuri campioni” e venduti per cifre elevate, basandosi più sul loro potenziale ancora inespresso che sulle loro prestazioni attuali. Questo può portare a delusioni se le aspettative non vengono soddisfatte.

Valutazione equilibrata:

  • Talento e abilità: È innegabile che l’Italia abbia una lunga tradizione di calciatori di grande talento e abilità tecnica. Molti giocatori italiani si distinguono per la loro creatività, tattica e capacità di inserimento nei meccanismi di gioco.
  • Successo a livello internazionale: La Nazionale italiana ha dimostrato il proprio valore a livello internazionale, vincendo il Campionato Europeo nel 2021 e raggiungendo la finale dei Mondiali nel 2022. Questo dimostra che i calciatori italiani possono competere e vincere al più alto livello.
  • Importanza del contesto: Il valore di un calciatore dipende da diversi fattori, tra cui il ruolo ricoperto, l’età, l’esperienza e il contesto in cui gioca. Non è corretto fare generalizzazioni e paragoni superficiali senza considerare questi aspetti.

In definitiva, la valutazione di un calciatore è sempre soggettiva e dipende dalle opinioni e dai criteri di chi la effettua.

È importante analizzare ogni caso individualmente, considerando le prestazioni reali del giocatore, il suo potenziale, il contesto in cui gioca e il valore che può apportare a una squadra.

Evitare generalizzazioni e basarsi su dati concreti e analisi obiettive è fondamentale per esprimere un giudizio ponderato e accurato.

I calciatori italiani sono sopravvalutati dal calcio mercato?

Calciatori italiani più costosi (giugno 2024)

NomeSquadraValore (milioni di €)
Khvicha KvaratskheliaNapoli115,3
Giorgio ScalviniAtalanta90,6
Nicolò BarellaInter70,0
Alessandro BastoniInter65,0
Federico ChiesaJuventus60,0
Gianluca ScamaccaWest Ham60,0
Nicolò ZanioloAston Villa55,0
Sandro TonaliNewcastle50,0
Gianluigi DonnarummaPSG49,0
Manuel LocatelliJuventus45,0

Note:

  • I valori di mercato sono aggiornati a giugno 2024 e si basano sulle stime del CIES Football Observatory.
  • La tabella include solo giocatori italiani che militano in club europei.
  • Esistono diverse fonti per le valutazioni dei calciatori e i valori potrebbero variare leggermente a seconda della fonte consultata.

Fonti:

  • https://catenaccioecontropiede.it/
  • https://www.transfermarkt.it/statistik/transferrekorde
  • https://www.forbes.com/sites/brettknight/2023/05/02/the-worlds-10-highest-paid-athletes-2023/

Altri giocatori italiani di valore:

  • Gianluca Mancini (Roma) – 40 milioni di €
  • Bryan Cristante (Roma) – 35 milioni di €
  • Destiny Udogie (Tottenham) – 35 milioni di €
  • Matteo Politano (Napoli) – 30 milioni di €
  • Alex Meret (Napoli) – 25 milioni di €

È importante sottolineare che il valore di un calciatore non è l’unico fattore determinante per il suo successo. Le prestazioni individuali, il lavoro di squadra e la tattica del mister giocano un ruolo fondamentale nel raggiungimento dei risultati.

In base a cosa vengono fatte le valutaioni economiche di un calciatore italiano

La valutazione economica di un calciatore italiano, come per qualsiasi altro giocatore, è un processo complesso che tiene conto di numerosi fattori e si basa su diverse fonti di informazioni.

I fattori principali includono:

Prestazioni individuali:

  • Statistiche: Gol, assist, passaggi chiave, dribbling, contrasti vinti, clean sheet e altri dati statistici rilevanti per il ruolo del giocatore.
  • Impatto sul gioco: Capacità di influenzare positivamente il risultato di una partita, creando occasioni da gol, gestendo il pallone e determinando l’andamento del match.
  • Consistenza: Continuità di rendimento nel tempo, evitando periodi di forma negativa e infortuni frequenti.

Caratteristiche del giocatore:

  • Età: I giovani talenti con grande potenziale futuro hanno generalmente un valore più alto rispetto ai giocatori più esperti vicini alla fine della loro carriera.
  • Ruolo: In generale, i ruoli offensivi come attaccanti e trequartisti tendono ad avere un valore di mercato più alto rispetto ai difensori e ai portieri.
  • Nazionalità: La nazionalità del giocatore può influenzare il suo valore, in particolare per i calciatori provenienti da paesi con selezioni nazionali di alto livello.
  • Fisicità: Forza, velocità, resistenza e abilità tecniche sono caratteristiche fisiche importanti che influenzano il valore di un calciatore.

Carriera e contesto:

  • Esperienza: Il numero di anni di esperienza ai massimi livelli, sia a livello nazionale che internazionale, è un fattore importante per la valutazione.
  • Squadra e campionato: Giocare in una squadra di alto livello in un campionato competitivo aumenta il valore di un calciatore.
  • Titoli vinti: I giocatori che hanno vinto trofei importanti a livello nazionale e internazionale hanno generalmente un valore più alto.
  • Potenziale: Il potenziale di crescita e sviluppo futuro di un giovane giocatore è un elemento importante per la sua valutazione.

Oltre a questi fattori, le valutazioni dei calciatori possono essere influenzate da altri elementi come la popolarità del giocatore, l’interesse da parte di diverse squadre e le condizioni di mercato.

Diverse fonti di informazioni sono utilizzate per determinare il valore di un calciatore:

  • Osservatori: Professionisti che seguono le partite e valutano le prestazioni dei giocatori.
  • Agenti: I procuratori dei calciatori hanno una buona conoscenza del mercato e del valore dei loro assistiti.
  • Database statistici: Siti web e aziende specializzate che raccolgono e analizzano dati sulle prestazioni dei calciatori.
  • Algoritmi: Modelli statistici che utilizzano dati e algoritmi per stimare il valore dei giocatori.

È importante sottolineare che la valutazione di un calciatore è un processo complesso e non esiste una formula esatta. Le diverse fonti e i differenti criteri utilizzati possono portare a valutazioni differenti per lo stesso giocatore.

L’obiettivo è di ottenere una stima quanto più possibile accurata del valore di un calciatore, considerando tutte le sue caratteristiche e il suo potenziale. Tuttavia, è importante ricordare che il valore di un giocatore sul campo non può essere espresso solo con un numero e dipende da molteplici fattori che possono cambiare nel tempo.

Quanto guadagna un procuratore sportivo di calcio ( esempi )

Le guadagne di un procuratore sportivo variano notevolmente e dipendono da diversi fattori, tra cui la sua esperienza, il livello dei clienti che rappresenta, il numero di operazioni che conclude e il suo network di contatti.

In generale, i procuratori guadagnano in due modi principali:

  • Stipendio fisso: Alcuni procuratori, soprattutto quelli alle prime armi o che rappresentano giocatori meno noti, possono avere un contratto con uno stipendio fisso mensile o annuale.
  • Percentuali sui contratti: La maggior parte dei guadagni di un procuratore deriva dalle commissioni sulle operazioni che conclude. La percentuale sulle commissioni varia in base al valore del contratto e al tipo di operazione (contratto da zero, rinnovo, cessione). In genere, la commissione si aggira tra il 3% e il 10% del valore totale del contratto, ma può essere anche più alta per operazioni di particolare importanza.

Oltre a queste due voci principali, i procuratori possono avere altre fonti di guadagno, come sponsorizzazioni, accordi commerciali e diritti d’immagine.

Esempio:

  • Un procuratore che fa firmare a un giovane talento un contratto da 10 milioni di euro con una clausola rescissoria di 50 milioni di euro potrebbe guadagnare una commissione del 10%, pari a 1 milione di euro.
  • Un procuratore affermato che rappresenta diversi giocatori di alto livello può guadagnare milioni di euro all’anno solo dalle commissioni sui contratti.

È importante sottolineare che la professione di procuratore sportivo è regolamentata da diverse norme etiche e di legge. Esistono dei limiti alle commissioni che i procuratori possono ricevere e sono previsti obblighi di trasparenza e comunicazione nei confronti dei clienti.

In Italia, per diventare procuratori sportivi è necessario superare un esame abilitativo organizzato dal CONI. L’esame mira a verificare la conoscenza delle normative sportive, del diritto del lavoro e della contrattualistica.

In definitiva, le guadagne di un procuratore sportivo possono essere molto elevate, ma dipendono da una serie di fattori e richiedono un impegno costante, competenze specifiche e un’ampia rete di contatti nel mondo del calcio.

Ti potrebbero interessare

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *