L’economia cinese riceve una forte spinta dal turismo interno

I turisti cinesi hanno affollato i siti più popolari mentre i viaggi sono tornati ai livelli pre-pandemia durante una recente festa nazionale di otto giorni, dando una spinta temporanea alla debole economia cinese.

Il governo ha affermato che le entrate del turismo hanno raggiunto circa 753 miliardi di yuan (103 miliardi di dollari) durante il periodo combinato delle festività di metà autunno e della festa nazionale che si è concluso venerdì, un aumento dell’1,5% rispetto al 2019 e del 130% rispetto allo scorso anno, quando erano ancora in vigore le restrizioni pandemiche. a posto.

La Cina ha mantenuto il lockdown e altre restrizioni molto più a lungo rispetto alla maggior parte degli altri paesi, applicando una politica “zero-COVID” fino allo scorso dicembre. Ma l’auspicato boom della spesa al consumo dopo la revoca delle restrizioni non si è concretizzato, poiché molti cinesi rimangono cauti con una crisi immobiliare in corso che pesa sull’economia e una disoccupazione giovanile che supera il 20% .

L'economia cinese riceve una forte spinta dal turismo interno

Ciò non ha impedito ai turisti di affollarsi verso la Grande Muraglia e le brulicanti strade pedonali dello shopping a Shanghai, Pechino e in altre città. Pochi indossavano maschere protettive nelle folle spalla a spalla nei mercati notturni e in altre destinazioni popolari.

Aerei e treni ad alta velocità erano pieni di prenotazioni durante le vacanze. Il ministero del turismo ha affermato che sono stati effettuati 826 milioni di viaggi nazionali, in aumento del 4,1% rispetto al 2019 e del 71,3% rispetto allo scorso anno.

I turisti visitano un popolare luogo panoramico a Xi’an, nella provincia dello Shaanxi, nella Cina nordoccidentale, il 1° ottobre 2023. Il turismo in Cina è tornato ai livelli pre-pandemia durante una recente festa nazionale di otto giorni, dando una spinta temporanea all’economia in crisi della nazione . (Chinatopix tramite AP)
I turisti visitano un popolare luogo panoramico a Xi’an, nella provincia dello Shaanxi, nella Cina nordoccidentale, il 1° ottobre 2023. (Chinatopix tramite AP)
Il turismo interno ha beneficiato in qualche modo di una ripresa più lenta dei viaggi internazionali poiché le persone hanno scelto di viaggiare a casa. Il numero di voli da e per la Cina rimane al di sotto dei livelli pre-pandemici e le segnalazioni di criminalità e truffe all’estero – inclusa la recente sparatoria in un centro commerciale in Tailandia – potrebbero dissuadere alcuni dall’avventurarsi fuori dal paese.

Le autorità di frontiera cinesi hanno trattato 11,8 milioni di ingressi e uscite durante le recenti festività, un aumento di quasi tre volte rispetto allo scorso anno, quando le persone che entravano in Cina erano ancora soggette a quarantena obbligatoria, ma solo l’85% del totale nel 2019, ha affermato l’Amministrazione nazionale per l’immigrazione.

L’agenzia di prenotazioni Trip.com ha affermato che il volume dei viaggi in uscita durante le vacanze è stato più di otto volte superiore rispetto al 2022. Le destinazioni più popolari includevano Tailandia, Singapore, Malesia e Corea del Sud, mentre i viaggi verso paesi più lontani come Svizzera, Spagna, Turchia, Regno Unito e Francia sono cresciuti rispetto all’ultima grande festa nazionale di maggio.

L’economia cinese ha recentemente mostrato segni di una possibile uscita dal malessere post-pandemia, registrando la sua prima espansione dell’attività industriale in sei mesi.

( AP )

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.