Zuckerberg: Facebook Non Vende Dati ad Aziende Terze

Il CEO di Facebook Inc. ( FB Qui la Quotazione ) Mark Zuckerberg, ha difeso le pratiche sui dati della sua azienda in un articolo editoriale apparso nell’edizione stampata di venerdì del Wall Street Journal.
Zuckerberg ha negato che Facebook vendesse mai i dati degli utenti e ha affermato che non sarebbe nell’interesse dell’azienda farlo.
Ha riconosciuto che Facebook raccoglie una notevole quantità di dati sugli utenti. “Diamo alle persone il completo controllo sull’utilizzo o meno di queste informazioni per gli annunci pubblicitari, ma non permettiamo loro di controllare il modo in cui le usiamo per la sicurezza o per gestire i nostri servizi”, ha scritto Zuckerberg in questa notizia economica.

Zuckerberg: Facebook Non Vende Dati ad Aziende TerzeZuckerberg: Facebook Non Vende Dati ad Aziende Terze

Facebook è stato intrappolato in polemiche sulle pratiche dei suoi dati in seguito alle rivelazioni dello scorso marzo che la società di consulenza Cambridge Analytica ha ottenuto e utilizzato dati su milioni di utenti di Facebook nel suo lavoro per la campagna presidenziale di Donald Trump.

“Dobbiamo essere chiari sul modo in cui usiamo le informazioni e le persone hanno bisogno di avere delle scelte chiare su come vengono utilizzate le loro informazioni. Crediamo che la regolamentazione che codifica questi principi su Internet sarebbe un bene per tutti”, ha scritto Zuckerberg.

Le azioni di Facebook sono scese del 33% dal loro massimo di 52 settimane di $ 218,62 stabilito l’estate scorsa. Lo stock è salito dell’1% giovedì a $ 145,83.

Facebook deve riconquistare la fiducia degli utenti

Il capo delle operazioni di Facebook Inc Sheryl Sandberg ha dichiarato mercoledì che il più grande social network al mondo ha bisogno di riconquistare la fiducia pubblica dopo aver affrontato gli scandali per aver violato la privacy degli utenti.

La piattaforma dei social media investe miliardi di dollari l’anno per migliorare la sicurezza della sua rete, Sandberg ha detto in un’intervista al giornale tedesco Die Zeit e allo studio legale britannico CMS al World Economic Forum di Davos, in Svizzera.

“Non avevamo previsto tutti i rischi connessi al collegamento di così tante persone”, ha affermato Sandberg, aggiungendo che il sito ha aggiunto funzionalità che offrono agli utenti un maggiore controllo sulle loro informazioni personali.

La società di tecnologia quindicenne è stata una cara della Silicon Valley californiana, facendo stelle dal fondatore, amministratore delegato e presidente Mark Zuckerberg, e Sandberg, nota per il suo manifesto femminista “Lean In”. Ma le sue azioni sono diminuite di circa il 33% da luglio a $ 144 a causa delle preoccupazioni sulla privacy degli utenti.

L’anno scorso, la società fu sorpresa dalle rivelazioni che la società di consulenza britannica Cambridge Analytica aveva impropriamente acquisito dati su milioni di utenti statunitensi per indirizzare la pubblicità elettorale.

“Abbiamo bisogno di guadagnare fiducia”, ha detto Sandberg.

Alcuni dei principali azionisti di Facebook hanno spinto Zuckerberg, che detiene il controllo di maggioranza della società, a dimettersi da presidente.

Sandberg ha detto che dovrebbe rimanere sia presidente che amministratore delegato. Ha detto che ha anche intenzione di rimanere su Facebook, dove ha lavorato dal 2008.

“Penso di avere un lavoro da fare”, ha detto. “È un lavoro che voglio davvero fare.”

Sandberg ha affermato che se Facebook dovesse modificare il proprio modello di business e addebitare agli utenti un canone di abbonamento anziché raccogliere entrate pubblicitarie, molte meno persone sarebbero in grado di utilizzarlo.

“Sostanzialmente vietare il nostro modello di business nuocerebbe a molte persone in tutto il mondo”.

Ha detto che il suo movimento delle donne di base, stimolato dalla pubblicazione di “Lean In”, stava ancora andando forte. Ma, ha chiesto se stava prendendo in considerazione una corsa per il presidente degli Stati Uniti nelle elezioni del 2020, ha risposto: “Non è nella mia agenda”.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *