Project Libra il Bitcoin di Facebook: Che Farà Guadagnare gli Utenti

Facebook Inc. sta assemblando segretamente un gruppo blockchain secondo le fonti di Bloomberg . Dovrebbero lavorare su una criptovaluta che verrà lanciata il prossimo trimestre il suo nome sarà Libra ( marchio già registrato da FB in tutti i paesi del mondo dove opera)

Il team ha iniziato a lavorare su Project Libra, alias FB coin, lo scorso anno e ora può contenere fino a 50 persone. Circa il 20% dei membri ha lavorato in PayPal Holdings Inc. Come riporta Bloomberg, le fonti sono state caute nel non essere divulgate in quanto il progetto blockchain è altamente riservato. Facebook ha anche rifiutato di fare commenti a riguardo.

Project Libra, Facebook Coin, la moneta virtuale di Facebook

Le informazioni privilegiate raccolte da Bloomberg suggeriscono che Facebook sta lavorando su uno stablecoin, che sono criptovalute che hanno meccanismi integrati che dovrebbero impedire al loro prezzo di cambiare troppo, cioè più stabile del bitcoin.

Inoltre, si dice che Facebook abbia già accettato i test in India. Il paese è un vasto mercato per valute alternative, e ciò che è interessante è stato sul punto di bandire completamente le criptovalute. Potrebbe essere possibile che il divieto sia un modo per introdurre una soluzione di blockchain scelta e controllata.

Lo stablecoin di Facebook potrebbe essere utilizzato per il trasferimento di denaro tramite WhatsApp, una popolare app di messaggistica acquisita da Facebook. Il sistema di pagamento di WhatsApp è già in fase di test. Recentemente Mark Zuckerberg ha affermato che il commercio privato e i trasferimenti di denaro sono “una parte della visione di cui sono particolarmente entusiasta”.

Facebook ha coinvolto un ex presidente di PayPal David Marcus e lo ha nominato leader della squadra di crittografia. Tra le altre assunzioni degne di nota c’è Christina Smedley – una veterana delle comunicazioni che ha lavorato con Marcus su PayPal, e in seguito ha avuto esperienza in Amazon.com Inc. e nella società di PR Edelman. Il suo obiettivo sarà piuttosto impegnativo, poiché dovrà convincere il pubblico a fidarsi di Facebook con i suoi soldi all’indomani di una serie di scandali sulla privacy da parte del social network.

Facebook sembra promuovere lo stablecoin, chiamato in modo ufficioso la moneta FB tramite accordi con Visa e MasterCard e sta cercando finanziamenti per $ 1bn per il progetto, secondo l’articolo del “Wall Street Journal” la scorsa settimana. Un nome più consolidato per il progetto è “Libra”, un marchio recentemente acquisito da Facebook.

Project Libra il Bitcoin di Facebook: cos'è?

 

A cosa servirà LIBRA, la moneta virtuale di Facebook?

Secondo uno dei massimi esperti di criptovalute in Italia che abbiamo sentito parlare a Rai Radio2 pochi giorni fa, con questa moneta FB potrebbe “pagare” i dati agli utenti.

Mi spiego meglio: con le nuove leggi sulla privacy, si sa che Noi ora possiamo decidere se condividere i Nostri dati con FB oppure NO.

Ovviamente il 90% degli utenti quando andrà ad impostare il proprio profilo, ora come ora lo imposta con il massimo della privacy, senza voler condividere niente con nessuno ( numero telefono, età, sesso, foto, indirizzo, ecc.)

Tutti questi dati però sono molto preziosi per Facebook, che potrebbe poi rivenderli ai propri clienti ai quali poi, gli serviranno per profilare una pubblicità mirata veerso questi consumatori.

Con una moneta virtuale, FB potrebbe pagare gli utenti che decidono di condividere con lui i propri dati.

Si tratta di un’idea diabolica, bisogna ammetterlo, ma che potrebbe avere un enorme successo.

Pensate a quanti milioni di persone daranno l’OK per condividere i propri dati per 50 euro in Libra Coin, che potrà poi spendere per altri tipi di servizi come giochi online, o altri servizi offerti da Facebook.

Cosa succede se La moneta virtuale di Facebook, libra prende piede?

Qui entriamo veramente nella fanta-economia monetaria.

Se è vero che finora tutti gli economisti si sono detti scettici rispetto ai Bitcoin ed alle altre criptovalute perchè non erano garantite da uno Stato, ora il più grande social network del mondo con un capitale sociale di quasi mille miliardi di $ garantirà questa moneta e le cose potrebbero veramente cambiare e portare a cambiamenti che nemmeno siamo in grado di stabilire bene.

Sicuramente un progetto estremamente interessante, per non dire avvincente sotto l’aspetto di studio.

Quindi Noi di Economia Italia cercheremo di seguire i suoi sviluppi.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

1 commento

  1. ciao mi chiamo parello giovanni vengo dalla toscana empoli provicia di firenze vorrei che la mia innteligenza vadi ai potenti della terra da anno 2019 anno 9000 sul facebook instegram yuotube twetter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *