Perchè Prezzo Benzina e Petrolio Aumentano in Inverno 2023-2024

L’Arabia Saudita e la Russia hanno annunciato ad inizio settembre un’estensione al taglio della produzione petrolifera, una mossa che ha portato ad un aumento dei prezzi del petrolio e dimostra ulteriormente gli interessi comuni tra i due paesi.

Una fonte del Ministero dell’Energia saudita ha affermato che il regno estenderà il taglio volontario di 1 milione di barili al giorno (bpd) fino alla fine di dicembre. La decisione è stata presa per garantire la “stabilità” dei mercati petroliferi e sarà riesaminata mensilmente per “considerare la possibilità di approfondire il taglio o aumentare la produzione”, ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale saudita.

La Russia ha inoltre annunciato un’estensione del taglio volontario di 300.000 barili giornalieri fino alla fine dell’anno. Anche questa decisione verrà riesaminata mensilmente, ha detto ai giornalisti il vice primo ministro Alexander Novak, secondo l’agenzia di stampa ufficiale Tass.

Il prezzo del petrolio greggio Brent, considerato il punto di riferimento globale per i prezzi del petrolio, è salito del 2% a 91,08 dollari alle 11:42 ET di martedì in seguito agli annunci. Questo è stato il prezzo più alto dal novembre dello scorso anno. A partire dalle 13:50 ET, il prezzo era di circa $ 90,40, secondo i dati di mercato.

Perché è importante: l’Arabia Saudita e la Russia guidano l’alleanza OPEC+ dei principali produttori di petrolio e negli ultimi mesi hanno tagliato la produzione di petrolio nel tentativo di mantenere alti i prezzi.

L’OPEC+ ha iniziato a tagliare la produzione nell’agosto dello scorso anno, con una diminuzione della produzione di 2 milioni di barili al giorno. Ad aprile, i membri del cartello hanno concordato ulteriori tagli volontari per 1,66 milioni di barili al giorno. Secondo S&P Global, Iraq, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Algeria e Oman sono tra quelli che si sono impegnati a tagliare la produzione, oltre ad Arabia Saudita e Russia.

In una riunione di giugno, il taglio collettivo di 3,66 milioni di barili al giorno è stato esteso fino al 2024. Questo taglio di 3,66 milioni di barili al giorno equivale al 3,6% della domanda globale, secondo Reuters.

L’Arabia Saudita ha attuato un ulteriore taglio di un milione di barili al giorno a luglio e successivamente lo ha esteso ad agosto e settembre.

I tagli hanno portato a tensioni con gli Stati Uniti. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato l’Arabia Saudita ad aumentare la produzione lo scorso anno in risposta agli alti prezzi del carburante. Dopo la decisione di aprile, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha detto ai giornalisti: “Non riteniamo che i tagli siano consigliabili in questo momento, data l’incertezza del mercato, e lo abbiamo chiarito”.

I tagli alla produzione sono riusciti a mantenere alti i prezzi ma hanno anche influenzato negativamente l’economia saudita. Le riserve estere dell’Arabia Saudita sono diminuite di oltre 16 miliardi di dollari a luglio, il calo più grande dai tempi della pandemia di COVID-19.

Per saperne di più: la produzione petrolifera iraniana ha raggiunto il massimo degli ultimi cinque anni in agosto. Anche l’Iran è membro dell’OPEC, ma sta cercando di aumentare la produzione nonostante le sanzioni statunitensi.

Perchè Prezzo Benzina e Petrolio Aumenta in Inverno 2023-2024
Sopra: un incontro del 2019 tra Putin ed il principe saudita Salman al Saud, i due più grandi responsabili di questi prezzi della benzina.

Ma perchè Russia ed Arabia Saudita stanno tagliando la produzione di petrolio facendo impennare i prezzi?

Gli obiettivi materiali sono diversi:

  1. uno deve avere più soldi per mantenere la guerra,
  2. l’altro deve avere più soldi per coprire il deficit e le enormi spese tra città futuristiche sotterranee e calciatori pagati milioni di euro al minuto.

 

I prezzi del petrolio hanno toccato un nuovo massimo quest’anno dopo che l’Arabia Saudita e la Russia – i maggiori esportatori di greggio al mondo – hanno dichiarato che estenderanno i tagli alla produzione di almeno altri tre mesi.

Il greggio Brent, il punto di riferimento globale, ha guadagnato l’1,8% attestandosi sopra i 90 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate (WTI), il punto di riferimento statunitense, è cresciuto con un margine simile a 87 dollari al barile.

Le mosse dell’Arabia Saudita e della Russia rafforzano gli sforzi dell’alleanza nota come OPEC+ – che comprende membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e altri produttori – per sostenere i prezzi del petrolio accettando tagli profondi e prolungati alla produzione .

Una fonte ufficiale del Ministero dell’Energia saudita ha dichiarato all’agenzia di stampa statale SPA che il regno estenderà il taglio della produzione di 1 milione di barili al giorno fino alla fine di dicembre. La decisione sarà “rivista mensilmente per valutare se approfondire il taglio o aumentare la produzione”, ha aggiunto la fonte.

Il taglio alla produzione saudita – in vigore da luglio – è il più grande degli ultimi anni e ha ridotto la produzione del regno a nove milioni di barili al giorno. Il taglio si aggiunge a una riduzione precedentemente annunciata da Riyadh nell’aprile 2023, che si estende fino alla fine di dicembre 2024.

Ritorna l’inflazione? 

Secondo il Fondo monetario internazionale, l’Arabia Saudita ha bisogno che il greggio Brent venga scambiato a circa 81 dollari al barile per poter pareggiare il proprio bilancio. Il regno è scivolato in deficit di bilancio quest’anno dopo aver riportato un surplus nel 2022 per la prima volta in quasi un decennio.

La Russia, nel frattempo, sta cercando di aumentare le entrate per sostenere il suo sforzo bellico in Ucraina. Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato martedì che il paese ridurrà le sue esportazioni di 300.000 barili al giorno fino alla fine del 2023, estendendo anche un precedente impegno. Novak ha affermato che la decisione è stata presa “per mantenere la stabilità e l’equilibrio” sui mercati petroliferi, ha riferito Reuters.

I tagli alla produzione da parte dell’OPEC+, che produce il 40% del petrolio greggio mondiale, hanno contribuito a far salire i prezzi del petrolio negli ultimi mesi, uno sviluppo che potrebbe avere ripercussioni sull’inflazione e sui tassi di interesse. Anche i prezzi medi del gas negli Stati Uniti sono saliti a 3,81 dollari al gallone, un paio di centesimi sopra il livello dell’anno scorso.

E’ questo il motivo di più grande preoccupazione per tutti gli analisti finanziari per il futuro dell’economia mondiale ed occidentale.

“La recente traiettoria al rialzo dei prezzi del petrolio ha gettato le basi per cifre [dell’indice dei prezzi al consumo] potenzialmente elevate per agosto”, ha scritto martedì in una nota Stephen Innes, socio amministratore di SPI Asset Management.

“Questi imminenti aumenti dei prezzi del petrolio rappresentano una nuova sfida per le banche centrali mentre continuano i loro diligenti sforzi per riportare i livelli di inflazione in linea con i loro obiettivi desiderati”.

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.