Perchè gli Investitori Stanno Comprando Assets in Calo

Gli investitori stanno acquistando classi di attività in precedenza poco redditizie, come le materie prime, valute, titoli ciclici e azioni di mercati emergenti. I cacciatori di occasioni stanno scommettendo che l’economia globale stia toccando il fondo, sulla base dei segnali che gli Stati Uniti e la Cina stanno finalmente risolvendo il loro conflitto commerciale, i tagli stimolanti dei tassi di interesse da parte delle principali banche centrali e le crescenti speranze per una Brexit ordinata , secondo un rapporto dettagliato in Il Wall Street Journal ha riassunto di seguito.

“Pensiamo che sia tempo di distribuire denaro nei mercati in generale”, afferma Olivier Marciot, vicepresidente senior presso la società di gestione degli investimenti Unigestion. “È come un ambiente da bambino Goldilocks “, ha aggiunto, riferendosi alla solida crescita economica, alla bassa inflazione e ai bassi tassi di interesse.

Una varietà di attività precedentemente sottoperformanti è in aumento.
L’ottimismo sul commercio e la crescita economica ha spinto gli acquisti.
Tuttavia, le iniezioni di liquidità da parte delle banche centrali sono un altro fattore.

Perchè gli Investitori Stanno Comprando Assets in Calo

Cosa significa per gli investitori?

Candice Bangsund, gestore del portafoglio di Fiera Capital, è un altro ottimista. “Ci sono alcune prime indicazioni che il peggio potrebbe essere dietro di noi e l’economia globale stia trovando un punto da cui ripartire”, ha detto. È incoraggiata da un’espansione di tre mesi nell’indice JPMorgan Global Manufacturing Managers Acquisti e dai progressi registrati nei negoziati commerciali USA-Cina.

La sterlina britannica è cresciuta di oltre il 6% rispetto ai recenti minimi pluriennali, e una varietà di valute sono aumentate in parallelo con uno yuan cinese in ripresa. I titoli dei mercati emergenti hanno registrato un forte selloff all’inizio di quest’anno, ma da allora si sono ripresi. L’ETF iShares MSCI Emerging Markets ( EEM ) è sceso del 13,6% da un massimo di aprile a un minimo di agosto, ma da allora è aumentato del 12,0%. Tra le materie prime, c’è stata un’ampia manifestazione tra cui petrolio, rame e caffè, solo per citarne alcuni.

Un altro indicatore dell’aumento della tendenza al rialzo per l’economia è un aumento dei rendimenti del Treasury Note decennale . Da un minimo dell’1,43% del 3 settembre, ha chiuso all’1,92% l’11 novembre. Anche altre attività rifugio sicuro che erano aumentate all’inizio dell’anno, come l’oro e lo yen giapponese, recentemente sono diminuite.

I titoli ciclici statunitensi stanno assistendo a un aumento della domanda da parte degli investitori e hanno sovraperformato di recente. Per il terzo trimestre 2019 fino all’11 novembre, il settore industriale S&P 500 è aumentato del 5,20% e il settore finanziario S&P 500 ha guadagnato il 5,94%, rispetto a un aumento del 3,70% per l’intero indice S&P 500, secondo gli indici S&P Dow Jones .

I titoli bancari dovrebbero inoltre trarre vantaggio in futuro dal rinnovato interesse degli investitori in titoli di valore , riferisce Barron . Nonostante siano molto più sani di quanto non fossero prima della crisi finanziaria del 20o8, le loro valutazioni sono ancora molto più basse di quanto non fossero allora, anche dopo aver goduto di recenti aumenti dei profitti derivanti dalla riforma fiscale e dalla deregolamentazione. Il rapporto P / E forward per il settore finanziario S&P 500 è stato di 12,6 volte gli utili previsti per i prossimi 12 mesi, rispetto a 17,5 volte per l’indice completo, rendendolo il più economico dei settori, secondo i dati I / B / E / S di Refinitiv a partire da 6 novembre e segnalato da Yardeni Research .

Correlati >>> Azioni che potrebbero raddoppiare di valore

Previsioni per il futuro

Morgan Stanley rimane uno dei principali pessimisti tra le principali società di investimento. “Ci appoggiamo alla difensiva poiché prevediamo una pressione sugli utili”, secondo il loro attuale rapporto di riscaldamento settimanale. Per quanto riguarda la recente “eccitazione” sul rimbalzo degli indici dei gestori degli acquisti (PMI) , ritengono che “il rimbalzo potrebbe già essere pienamente valutato”. Avvertono inoltre che, anziché essere “un segnale definitivamente rialzista sulla crescita futura”, gran parte del recente rally dei prezzi delle attività potrebbe essere stato in realtà “dovuto alle eccedenze di liquidità da parte della Fed e della BCE in particolare”.

Correlati >>> Quando acquistare titoli azionari

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *