Su cosa investono i piccoli risparmiatori in questo 2018

Cosa comprano gli investitori? Su cosa investono i piccoli risparmiatori?

Sono domande le cui risposte ce le da uno studio pubblicato da poco da Bank of America Merril Lynch: in questo periodo sono orientati verso investimenti sicuri.

Cercare assets meno rischiosi è tipico di un periodo economico o politico molto incerto, in realtà negli Stati Uniti c’è un Presidente eletto solo un anno fa, l’economia è in crescita, lo scandalo Facebook che poteva portare problemi ai titoli High Tech, non ha invece avuto conseguenze negative, quindi è anche difficile interpretare il sentimento prevalente dei piccoli investitori.

Cosa comprano i piccoli investitori

Cercano assets a basso rischio, si affidano ad oro, diamanti, pietre preziose, ma anche obbligazioni di Stato.

 

Questo è quello che emerge dalla ricerca fatta da Bank of America Merril Lynch, il prezzo dell’oro è arrivato intorno ai 1.900 euro per oncia, ed in effetti il grafico mostra una ripresa del prezzo dopo che ha avuto un leggero calo dall’inizio dell’anno.

 

Anche diamanti e pietre preziose sono prese in seria considerazione da questi piccoli investitori che stanno cercando nuove forme di investimento che non comportino alti rischi.

 

Su cosa investono i piccoli risparmiatori

Su cosa investono i piccoli risparmiatori

 

Secondo questo studio, i piccoli risparmiatori non solo rivolgono le proprie attenzioni sugli assets meno rischiosi, ma anche verso i Fondi Comuni Obbligazionari, cioè un tipo di prodotto finanziario che rimane un investimento sicuro, ma che può dare anche delle soddisfazioni come rendimento ben superiore alle Obbligazioni di Stato.

 

Alla ricerca dei fondi comuni sicuri e performanti

I migliori fondi Comuni obbligazionari, possono fruttare anche bene, gli High Yeld possono avere rendimenti anche di 2 cifre, però iniziano ad essere rischiosi.

 

La ricerca dei Fondi comuni sicuri e redditizi, sembra diventata la moderna ricerca del Santo Graal. I moderni cavalieri – oggi imprenditori o comunque impavidi investitori –  vorrebbero fare la cosa giusta senza rischiare troppo e diventare degli eroi di Wall Street. Questo non è proprio impossibile, ma altamente improbabile.

 

Una delle prime regole dell’investitore è quella che più alto il rischio, più è alto il possibile guadagno.

 

Come d’altronde anche l’oro e le pietre preziose possono non essere così sicuri come sembrano, anche se non sono certo preda di volatilità come le azioni.

 

Perchè cercare investimenti a basso rischio in questo periodo?

 

Se è vero che è normale cercare investimenti sicuri quando per fare una politica di diversificazione del proprio portafoglio titoli, è anche vero che secondo questa ricerca, qui siamo di fronte ad un trend di investimenti, cioè di capitali che si stanno spostando dall’azionario a queste forme a basso rischio.

 

Cercare di capire questo nuovo trend , che potrebbe anche rivelarsi un fuoco di paglia, è difficile, proprio perchè i fondamentali delle principali economie sembrano forti.

 

E’ vero che l’economia cinese sta crescendo lentamente rispetto a prima, ma sta crescendo.

L’economia degli Stati Uniti sta vivendo un vero e proprio periodo d’oro.

 

L’economia europea è in crescita. Bassa, lieve, piccola o come la vogliamo definire ma ha il segno più persino l’economia italiana, ma allora perchè?

 

Reali preoccupazioni di politica internazionale non sembrano esserci. Ormai anche l’Arabia Saudita che poteva destabilizzare gli scacchieri medio – orientali sembra apprestarsi ad un nuovo ciclo di pace, prosperità e sopratutto progresso con il nuovo Principe ereditario, allora cosa?

Restate in contatto, seguite la Nostra Pagina FB per rimanere aggiornati.

 

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *