Stati Uniti ancora superiori economicamente alla Cina

Gli Stati Uniti mantengono il vantaggio economico nella loro rivalità con la Cina
L’America e i suoi alleati rimangono più uniti ed economicamente potenti del gruppo di scontenti di Pechino

Non molto tempo fa, “la maggior parte dei governi credeva che una più stretta integrazione economica avrebbe promosso la prosperità a lungo termine. Ora l’integrazione è vista come una fonte di rischio e insicurezza”. È così che Capital Economics, con sede a Londra, introduce un’interessante analisi della “ forma dell’economia mondiale fratturata nel 2024 ”. Economia e politica interagiscono sempre. Oggi, però, la politica è diventata più importante. Il suo concetto quindi è quello di un’economia globale rimodellata dalle difficili relazioni tra Stati Uniti e Cina.

Capital Economics sostiene che i paesi possono essere divisi in cinque gruppi: gli Stati Uniti e i suoi stretti alleati; paesi che propendono per gli Stati Uniti; i non allineati; quelli che propendono per la Cina; e la Cina e i suoi stretti alleati. Il primo gruppo è composto da Stati Uniti e Canada, Europa (eccetto l’Ungheria), Giappone, Australia e Nuova Zelanda.

Del secondo gruppo fanno parte soprattutto l’India, ma anche Colombia, Messico, Marocco, Turchia e Corea del Sud. Il gruppo non allineato comprende, in modo significativo, Brasile, Indonesia e Nigeria. Il gruppo di paesi che propendono verso la Cina comprende l’Argentina (vero, fino a pochi giorni fa!), gran parte dell’Africa (compreso il Sud Africa), l’Iraq, il Kazakistan e, suggerisce Capital Economics, l’Arabia Saudita. Infine, tra i forti alleati della Cina figurano Russia, Iran e Pakistan.

Esiste una distinzione fondamentale tra il primo gruppo e tutti gli altri. Le democrazie ad alto reddito condividono valori fondamentali (anche se se continueranno a farlo dipenderà dai risultati delle elezioni presidenziali americane del 2024). Gli altri gruppi sono definiti molto più da ciò a cui sono contrari che da ciò a cui sono favorevoli. Russia e Iran sono alleati di convenienza per la Cina e viceversa. Condividono un nemico. Ma sono ancora molto diversi tra loro. Eppure tali alleanze di convenienza possono modellare sia le relazioni economiche che quelle politiche. Il nemico del mio nemico potrebbe, per un po’, essere davvero un buon amico.

Ecco allora alcuni dati rilevanti.

Gli Stati Uniti ancora superiori economicamente alla Cina
Gli Stati Uniti ancora superiori economicamente alla Cina

Il blocco cinese rappresenta la metà della superficie terrestre mondiale (non antartica), rispetto al 35% del blocco statunitense. Ospita anche un po’ più di popolazione mondiale (46%, contro 43%). Ma genera ancora solo il 27% del Pil mondiale, quasi tutto nella stessa Cina, rispetto al 67% del blocco statunitense. Ciò è dovuto al fatto che, soprattutto, la maggior parte dei paesi ad alto reddito del mondo si trova in questi ultimi.

Il modo in cui questo equilibrio potrebbe cambiare è che il blocco statunitense si disintegri, probabilmente sotto Donald Trump, o che l’economia cinese cresca più velocemente di quanto Capital Economics si aspetta ora. Il pessimismo di questi ultimi sulle prospettive della Cina può essere eccessivo, ma è tutt’altro che assurdo. La Cina, infatti, si troverà ad affrontare forti ostacoli a una crescita elevata nel prossimo quarto di secolo.

Non sorprende che il blocco cinese sia più importante nell’industria che nel PIL. Pertanto, la sua quota sulla produzione industriale mondiale è stata del 38% nel 2022, contro il 55% del blocco statunitense. Il fatto che il blocco cinese raggiunga l’uguaglianza nell’industria nel prossimo quarto di secolo dipende principalmente dalla performance del settore manifatturiero indiano rispetto a quello cinese. In agricoltura, il blocco cinese genera il 49% della produzione, rispetto al 38% del blocco statunitense, perché contiene molti produttori di materie prime.

Nel 2022, 144 paesi hanno scambiato più beni con la Cina che con gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti erano il partner commerciale più importante solo per 60 paesi. Ma la metà del commercio globale di beni avviene tra paesi classificati come appartenenti al blocco statunitense. Questa prospettiva più ampia è davvero utile. La Germania, ad esempio, è ampiamente considerata l’alleato degli Stati Uniti con i legami commerciali più stretti con la Cina. Ma nel secondo trimestre del 2023, solo l’11% del suo commercio di beni era con il blocco cinese, mentre l’86% era con altri paesi del blocco statunitense, principalmente i suoi partner europei.

Nelle attività finanziarie e nei flussi di capitale, il blocco statunitense rimane dominante. Sebbene il loro ruolo negli investimenti diretti esteri si sia ridotto nel corso dell’ultimo quarto di secolo, nel 2022 rappresentavano ancora l’84% dello stock totale di IDE per paese investitore e l’87% per destinatario. le destinazioni più attraenti rimangono al suo interno. Questo divario non si colmerà sotto Xi Jinping.

Circa l’86% degli investimenti di portafoglio globali si trova anche nel blocco statunitense e solo il 2% nel blocco cinese. Gli investimenti diretti esteri tra il blocco statunitense e quello cinese sono tre volte superiori a quelli all’interno del blocco cinese: Russia e Iran potrebbero essere alleati di convenienza della Cina, ma solo gli sciocchi metterebbero gran parte del loro capitale in tali petrostati economicamente ottusi. Gli investitori cinesi non sono così sciocchi.

Le riserve valutarie consistono ancora prevalentemente in attività denominate nella valuta statunitense e in quella dei suoi alleati. Nella seconda metà del 2023, queste rappresentavano l’87% delle riserve valutarie, solo leggermente in calo rispetto all’89% di tre anni prima. Questo perché solo questi paesi forniscono attività finanziarie liquide a lungo termine. Potrebbero non essere più sicuri come una volta, dato l’uso delle sanzioni. Ma non esistono buone alternative. È molto improbabile che la Cina voglia fornirli, poiché ciò richiederebbe la liberalizzazione e l’apertura dei suoi mercati finanziari, compresi i mercati del debito pubblico cinese.

Molti paesi desiderano vedere gli Stati Uniti e i suoi alleati, le potenze dominanti degli ultimi due secoli, smontati più di un semplice piolo o due. Ma sono più uniti ed economicamente potenti del gruppo cinese di scontenti. L’evento che potrebbe cambiare rapidamente questo equilibrio sarebbe una decisione degli Stati Uniti di fare a pezzi le sue alleanze. Sarebbe uno degli atti autolesionistici più drammatici della storia globale. Ci vorrebbe molto più tempo perché il blocco cinese superasse quello statunitense su tutti gli aspetti rilevanti del peso economico. Potrebbe non farlo mai.

  • FT.

La Redazione di Economia Italia è formata da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione. Dal 2014 pubblichiamo guide sugli investimenti, prestiti, mondo della finanza e dell'economia, con un occhio di riguardo alle tematiche di energia rinnovabile, del lavoro e dell'economia italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.