Imprese: come tagliare costi aziendali e ridurre le uscite

L’attuale situazione economica non si sta dimostrando facile da affrontare, per nessuno. Le famiglie della Penisola non sono le uniche a dover controbattere colpo su colpo all’aumento del costo delle materie prime, dato che questo problema riguarda da vicino anche le aziende. Di riflesso, emerge la necessità di capire come tagliare i costi aziendali, così da ridurre al minimo sindacale le uscite, rendendo più sostenibile l’impresa. Nella guida di oggi, dunque, scopriremo insieme i migliori consigli per riuscirci.

imprese
imprese come tagliare costi(1)

Rivedere tutte le uscite

Il primo passo è il seguente: analizzare con attenzione i costi dell’azienda, e intervenire tagliando quelli non indispensabili, o comunque riducendoli. In genere ci si affida ad un esperto in questo campo, in grado di fornire una visione più tecnica e precisa della situazione. In secondo luogo, si dovrebbe intervenire anche sulla supply chain e sulla catena di produzione, per eliminare gli step non necessari, come sempre per una questione di costi. Altre voci di spesa da rivedere potrebbero essere gli abbonamenti, i servizi esterni e il leasing.

Ridurre i costi energetici

Spesso gli sprechi maggiori si verificano proprio nel settore dei consumi energetici. In tal senso, è bene attivarsi quanto prima, ad esempio sottoscrivendo dei contratti ad hoc di energia elettrica per l’azienda, come quelli proposti da Acea ad esempio, così da iniziare a risparmiare a monte. Ovviamente è importante abbattere gli sprechi e i consumi energetici non necessari, ad esempio spegnendo le apparecchiature elettroniche quando non sono in uso, o gestendo in modo più efficiente e intelligente l’aria condizionata e il riscaldamento.

Ottimizzare la produttività

I costi di un’azienda possono essere ridotti anche aumentando la produttività. La chiave è assicurarsi che i dipendenti siano messi nelle condizioni di svolgere i compiti nel pieno delle proprie capacità, ad esempio puntando sul welfare aziendale e sui premi per i migliori. In secondo luogo, bisogna monitorare costantemente le prestazioni del personale, cercando di impiegare ogni dipendente in un ruolo congeniale alle sue capacità. Infine, si suggerisce di potenziare i sistemi di comunicazione interni all’azienda, per garantire che tutti i reparti lavorino nel modo più efficiente possibile, coordinandosi rapidamente e con semplicità.

Abbracciare la filosofia paperless

La filosofia paperless prevede l’idea di digitalizzare tutti i documenti, evitando così di utilizzare risorse costose come la carta per le attività amministrative. Questo obiettivo può essere raggiunto con facilità, grazie alla tecnologia cloud e agli strumenti digitali, ma è importante tenere presente che la transizione dai metodi cartacei ha i suoi costi. Si tratta però di un investimento necessario, per risparmiare nel lungo periodo e per andare incontro all’ambiente.

Ci sono altri due consigli utili: diminuire le scorte e sfruttare i social media per il marketing. Infine, si suggerisce anche di cercare delle soluzioni più convenienti per quel che riguarda i locali presi in affitto.

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *