Walt Disney riduce i profitti di 1,4 Miliardi di $ a causa del Coronavirus

Walt Disney Co ( DIS.N quotazione azione ) ieri ha stimato martedì che le misure globali per contenere la pandemia di coronavirus riducono i profitti di $ 1,4 miliardi, principalmente dai suoi parchi a tema chiusi, ma hanno detto che riaprirebbe Shanghai Disneyland a un numero ridotto di visitatori a settimana.
L’industria dello spettacolo potrebbe risultare una di quelle più colpite insieme a quella del turismo. Per rispettare il distanziamento sociale, sarà difficile riaprire sale cinematografiche, teatri, fare film, riaprire parchi a tema, fare concerti al chiuso, ecc.

Non è chiaro quando gli altri parchi Disney in Asia, negli Stati Uniti e in Francia accoglieranno nuovamente i visitatori, hanno affermato i dirigenti, o quando tornerà la gamma di attività inattive della società, inclusi negozi al dettaglio e navi da crociera.

Disney ha dichiarato che non pagherà un dividendo per la prima metà dell’anno fiscale, che conserverà 1,6 miliardi di $ in contanti supponendo che avesse mantenuto il dividendo costante a 88 centesimi per azione.

Bob Chapek, che è diventato amministratore delegato della Disney a febbraio, proprio mentre il  coronavirus si stava diffondendo in tutto il mondo, ha detto che la Disney avrebbe riaperto il parco di Shanghai l’11 maggio.

Il governo cinese ha chiesto alla Disney di limitare la partecipazione al 30% della capacità del parco, ovvero a circa 24.000 persone, ha detto Chapek. La Disney riavvierà le operazioni con “molto al di sotto” di quel numero per alcune settimane mentre si adegua a nuove misure di sicurezza, tra cui distanza sociale, maschere e screening della temperatura.

Leggi anche: L’impatto economico della crisi del coronavirus nel lungo periodo

Walt Disney riduce i profitti di 1,4 Miliardi di $ a causa del Coronavirus
Disney è una grande multinazionale che possiede molti famosi marchi nell’industria dell’intrattenimento.

“Anche se è troppo presto per prevedere quando potremo iniziare a riprendere tutte le nostre operazioni, stiamo valutando una serie di scenari diversi per garantire un approccio cauto, ragionevole e deliberato all’eventuale riapertura dei nostri parchi”, ha detto Chapek.

Solo tre mesi fa, la Disney stava vantando circa un anno record per il suoi studi cinematografici e un forte inizio per l’immissione della compagnia nelle “guerra dello streaming”.

Alla fine di gennaio, il coronavirus ha iniziato a influenzare il portafoglio globale  Disney quando la società ha chiuso Shanghai Disney Resort e Hong Kong Disneyland.

A metà marzo, tutti i parchi a tema dell’azienda sono stati chiusi, i cinema idem e la produzione televisiva e cinematografica è stata fermata. Inoltre, la rete sportiva ESPN della Disney è rimasta senza importanti sport in diretta da trasmettere.

“In totale, stimiamo che il COVID-19 abbia un impatto sul reddito del nostro trimestre corrente dalle operazioni continue prima che le imposte sul reddito di tutte le nostre attività ammontino a 1,4 miliardi di dollari”, ha detto Disney, aggiungendo che 1 miliardo di dollari deriva da perdite a tema parchi.

Disney ha registrato utili rettificati per azione di 60 centesimi da gennaio a marzo, in calo del 63% rispetto all’anno precedente e inferiore agli 89 centesimi previsti dagli analisti, secondo i dati IBES di Refinitiv. Il reddito netto delle attività continue è sceso del 91% a $ 475 milioni.

Le azioni Disney sono scese del 2,8% negli scambi after-hour a 98,30 $, dopo aver perso il 2% durante la sessione regolare. Prima del rapporto sugli utili, le azioni Disney avevano perso oltre un quarto del loro valore quest’anno.

Si prevede che la Disney subirà un successo maggiore nell’attuale trimestre, che si concluderà a giugno. La società ha dichiarato che non intende fornire assistenza finanziaria per il resto dell’anno.

Ha preso provvedimenti per ridurre i costi, incluso l’inserimento di 120.000 dipendenti, secondo un deposito con le autorità di regolamentazione dei valori mobiliari.

I dirigenti, i cui stipendi sono stati anche ridotti, hanno dichiarato di essere ottimisti sul fatto che la Disney sarebbe rimbalzata una volta che la crisi del coronavirus si placherà.

“Ho assoluta fiducia nella nostra capacità di superare questo periodo difficile e di riprenderci con successo”, ha dichiarato il presidente esecutivo Bob Iger, che ha lasciato l’incarico di CEO a febbraio.

Iger ha aperto la chiamata con una dichiarazione sulla storia della resilienza della Disney prima di passare a Chapek per affrontare le sfide senza precedenti dell’azienda.

Un’area che guadagna il pubblico a casa è Disney +, il servizio di streaming lanciato dalla società a novembre. Disney + aveva 54,5 milioni di abbonati paganti al 4 maggio, rispetto ai 50 milioni dell’8 aprile.

L’unità diretta al consumatore e internazionale, che include Disney +, sta ancora spendendo ingenti somme per costruire il servizio. La divisione ha perso $ 812 milioni nel trimestre appena concluso, meno delle previsioni degli analisti 861 milioni di $.

Nella divisione parchi, esperienze e prodotti, il reddito operativo è sceso del 58% da un anno prima a 639 milioni di $.

Le reti multimediali, tra cui ESPN e l’emittente ABC, hanno registrato un profitto di 2,4 miliardi $. Si è trattato di un aumento del 7% rispetto all’anno precedente, in parte rafforzato dall’aggiunta delle FX e delle reti geografiche nazionali acquistate dalla Fox del 21 ° secolo.

I profitti dello studio cinematografico sono scesi dell’8% da un anno prima a 466 milioni di $. Disney ha rilasciato il film Pixar “Onward” poco prima della chiusura dei cinema, quindi lo ha rapidamente spostato in video on demand per gli spettatori domestici.

Le entrate complessive del trimestre sono aumentate del 21% a 18 miliardi di $, poco prima delle previsioni degli analisti di 17,8 miliardi di $.

  • Fonte: Reuters

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *