Obbligazioni Cassa Deposito Prestiti conviene comprarle?

Tra pochi giorni arrivano le Obbligazioni di Cassa Deposito e Prestiti, che possono essere acquistate da persone fisiche residenti in Italia, con un taglio minimo di mille euro.
Nonostante ormai ci avviamo ad entrare nei primi 10 anni di crisi economica, la maggior parte delle persone in Italia hanno dei risparmi da gestire.  Se investire soldi , é sempre un problema, ci sono degli investimenti come queste obbligazioni della Cassa Depositi e Prestiti che sono sicuri al 99,9%. Sì, perché la Cassa Depositi e Prestiti , nonostante sia una società per azioni, è di proprietà per circa l’80% del Ministero dell’Economia e delle Finanze, quindi ha le spalle ben più che protette, anche se lo Stato non garantisce per le obbligazioni che emette.
E’ un ente enorme, con un capitale investito di circa 250 miliardi di euro, un patrimonio netto di 13,7 miliardi, oltre 400 dipendenti, una raccolta di circa 110 miliardi in buoni fruttiferi postali, e quasi 100 miliardi in libretti postali con un utile netto di 2,9 miliardi nel 2010.

Gli interessi sui Bond CDP non sono male: si parte da un minimo dell 1,75% lordo annuo per i primi 3 anni, poi scatta un interesse variabile Euribor 3 mesi, aumentato di uno spread minimo annuo dello 0,5% lordo per almeno i primi 5 anni.
La scadenza, é a 7 anni e l’imposta sostitutiva é del 12,5%.

Obbligazioni Cassa Deposito Prestiti conviene comprarle?
Immagine di repertorio

In questi giorni c’è una martellante pubblicità sulle Obbligazioni della Cassa deposito e Prestiti, una partecipata dello Stato italiano, che detiene l’80% delle quote azionarie di questa enorme azienda finanziaria.
E’ un affare comprare i Bond della CDP?
Innanzitutto chiariamo che le obbligazioni non sono uno strumento finanziario per ‘fare soldi’, cioé un obbligazione è un titolo di debito emesso da società o da un ente pubblico, che attribuisce al suo possessore il diritto al rimborso del capitale prestato all’emittente alla scadenza, più un interesse su tale somma.

Non stiamo quindi parlando di un’azione, o di altro strumento finanziario, i Bond della CDP hanno delle caratteristiche sì interessanti, ma non certo eccezionali.
Sono degli ottimi strumenti per chi ha del danaro che staziona in un conto corrente, e che invece di lasciarlo lì, in modo quasi infruttoso, lo vuole continuare a tenere, ma cercando di ricavarci un po’ di soldi.

Ecco allora che un piccolo risparmiatore potrà comprare dal 20 marzo prossimo, obbligazioni della Cassa Depositi e Prestiti, obbligazioni che hanno una scadenza settennale, un taglio minimo di mille euro, con un interesse che corrisponde a: un tasso fisso dell’1,75% lordo annuo per i primi 2 anni e poi tasso variabile Euribor 3 mesi + almeno 0,5% lordo annuo per i successivi 5 anni.

 

Dove posso acquistare i Bond di CDP? 

  • Le obbligazioni di Cassa Depositi e Prestiti, potranno essere acquistate presso tutti gli sportelli delle Poste Italiane, oppure presso le banche autorizzate.

Da quando posso acquistare i Bond di CDP?

  • Dal 20 marzo presso le banche e dal 27 marzo 2015 presso gli uffici postali

Per cosa verranno utilizzati i soldi che investo in Bond CDP?

  • Le obbligazioni Cassa Depositi e Prestiti, verranno utilizzare per investimenti in opere pubbliche.
CARATTERISTICHE BOND CDP: Obbligazione a Tasso Misto 2015-2022
Emittente Cassa depositi e prestiti S.p.A.
Rating emittente (lungo termine) S&P: BBB- (outlook stabile)
Moody’s: Baa2 (outlook stabile)
Fitch: BBB+ (outlook stabile)
Mercato di quotazione Mercato Obbligazionario Telematico MOT (Borsa Italiana)
Soggetti target Persone fisiche residenti in Italia
Durata 7 anni
Taglio minimo acquistabile 1.000 euro
Taglio acquistabile Multipli di 1.000 euro
Lotto massimo 1.000.000 euro
Codice ISIN IT0005090995
Totale da collocare Fino a un miliardo di euro con la facoltà di elevarlo a 1,5 miliardi di euro
Periodicità cedola Trimestrale
Interessi Tasso fisso dell’1,75% lordo annuo per i primi 2 anni e poi tasso variabile Euribor 3 mesi + almeno 0,5% lordo annuo per i successivi 5 anni
Prezzo di emissione 100 (alla pari)
Prezzo di rimborso 100 (alla pari)
Rimborso del capitale In un’unica soluzione al valore nominale
Modalità di acquisto Tramite la banca dove è detenuto il dossier titoli (via sportello o via home banking) oppure tramite gli uffici postali
Premio fedeltà Non applicabile
Inizio offerta lunedì 9 marzo 2015
Chiusura collocameto 27 marzo 2015 per sottoscrizioni in filiale
20 marzo 2015 per sottoscrizioni fuori sede
13 marzo 2015 per sottoscrizioni online
(salvo chiusura anticipata)
Data inizio negoziazioni Da definire
Data scadenza 7 aprile 2022
Reponsabili del collocamento Banca IMI, Unicredit e BNP Paribas (Banca Nazionale del Lavoro)
Commissioni a carico degli investitori Nessuna
Commissioni di negoziazione sul MOT Fissate a discrezione delle banche
Regime fiscale 12,5% (come per i titoli di stato)

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *