I Ponti dell’Euro si sono materializzati in Olanda

Avete presente i Ponti disegnati nelle Banconote in euro? Sono stati realmente costruiti in Olanda, da un architetto visionario.

Robin Stam è un designer olandese, il quale si é detto molto soddisfatto del proprio lavoro.
E’ dal 2002 che le banconote degli euro girano tra le mani di centinaia di milioni di europei con l’effige di ponti, ponti che simboleggiano i legami tra le comunità, le nazioni, le etnie ed il tempo.
Sì, perché negli ultimi 100 anni ci sono state 2 guerre mondiali in Europa con vere e proprie carneficine, il tutto per dei confini, delle lingue diverse e per delle diverse politiche.

E’ per questo che , da dei visionari é stata voluta l’europa unita, con le stesse leggi, la stessa moneta, la stessa lingua e la stessa economia.
Peccato che siamo rimasti bloccati alla moneta e non siamo stati più capaci di andare avanti.

Nonostante l’Europa ha il più grande PIL del mondo, più grande di Stati Uniti e Cina, alle prime difficoltà sono nati i vecchi rancori, la vecchia voglia di amor patrio eccetera.
Intanto guardiamoci questi ponti 

I Ponti dell'Euro si sono materializzati in Olanda
Il ponte raffigurato nella banconota da 200 Euro

I Ponti dell'Euro
Ponte raffigurato nella banconota da 50 euro
olanda ecco i ponti dell'euro
Ponte raffigurato nella banconota da 20 euro
ponti delle banconote di euro
Ponte romano raffigurato nella banconota da 5 euro
ponte dei 500 euro
Il ponte viola della banconota da 500 euro

La Lituania entra nell’Euro

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *