Meglio pagare con il bancomat o con il denaro contante?

Perchè gli italiani invece del bancomat usano ancora il denaro contante? Chi viaggia sa che la stragrande maggioranza delle persone nel mondo usa il bancomat per fare pagamenti, ma sebbene molto usate le carte di credito o bancomat ancora non hanno preso piede nel Nostro paese e ancora tante persone continuano a fare file assurde al supermercato a causa del pagamento con il denaro contante , la mancanza di resto, la difficoltà a trasportare in giro etti di monetine, la paura che qualcuno ci rubi il contante.

I Governi puntano a limitare l’uso del contante per i pagamenti. Ma gli italiani sono molto propensi a pagare con monete sonanti. Meglio pagare con il bancomat o con il contante? La scelta è tra pagamento elettronico o l’uso delle banconote.

Leggi anche: Meglio il Bancomat o la Carta di Credito?

Prima di utilizzare il bancomat bisogna verificare eventuali costi applicati. A differenza del contante, le carte hanno delle spese. Le commissioni differiscono in base alle condizioni contrattuali della propria banca. Utilizzare la carta a volte può presentare costi con eventuali commissioni per pagamenti, prelievo di denaro, pagamenti online.  I maggiori costi si possono affrontare quando si devono sostenere spese all’estero.

Meglio pagare con il bancomat o con il denaro contante?

Bancomat o contante: soluzione più conveniente per pagare

Utilizzare una carta di credito valida anche in paesi all’estero può convenire nel momento in cui non si devono fare dei cambi di moneta e si debbano fare dei pagamenti di qualsiasi tipo
Il bancomat internazionale, che di solito arriva da un conto corrente online, ha costi costi inferiori oltre il 45.% se confrontati ai costi di una carta di debito di un conto corrente normale  e di oltre il 95% se raffrontato alle carte di credito.
Usando la carta bancomat ricevuta per posta al domicilio, per il prelievo in uno sportello bancario europeo, si avrà un risparmio in media del 30% in confronto ai costi previsti dal proprio conto italiano.

Prelievo in area extra-europeo

Per risparmiare è utile eseguire un unico ritiro invece che prelevare piccole cifre più volte, anche se si operasse fuori dall’area euro. Con un prelievo di 200 euro in una Nazione extra-europea, si pagherebbe mediamente il 5% di commissioni pari a 10,15 euro usando una carta di credito, 3.75 euro se titolari di un conto tradizionale e solo 3.61 euro se correntisti online. Un risparmio del 64% a favore delle carte bancomat online contro le carte di credito. Il prelievo di denaro in area extra euro comporta costi maggiori del 90% rispetto a dove si usa l’euro.

Pagare con la carta

Purtroppo le commissioni che vengono chieste per pagamenti all’estero sono veramente alte, specialmente se si tratta di una zona non UE.
Si arriva fino a 5,62 euro per una commissione su bancomat, per questo motivo, specialmente se si tratta di piccole somme, conviene usare la carta di credito rispetto al bancomat, meglio ancora il denaro contante.
Purtroppo l’uso del denaro contante all’estero ha il suo svantaggio più grande nella sicurezza: se tutto quello che possediamo è in contanti e ci rapinano, ci troveremo veramente nei guai.
D’altronde per chi va all’estero, ci sono altri strumenti per avere a disposizione denaro, come i vecchi – ma non obsoleti – travel’s cheque.

Le proposte delle banche

I fattori da tenere in debito conto in caso di vacanze sono numerosi. Bisogna confrontare le proposte delle diverse banche che, nonostante siano concentrate in grandi gruppi, propongono un’elevata diversificazione dell’offerta in un’ottica di un’accesa concorrenza.

Chi va in vacanza all’estero quindi deve fare bene i conti prima di partire e deve:

  • sapere quante commissioni deve pagare sul bancomat internazionale.
  • quanti commissioni deve pagare sulla carta di credito valevole all’estero.
  • quanto è il cambio valuta e se conviene farlo in Italia o al momento dell’arrivo.
  • capire se conviene portarsi dietro i travel’s cheque.
  • portarsi dietro i numeri di telefono delle banche per denunciare eventuali furti o smarrimenti delle carte.

Conclusioni: pagare con il bancomat o con il contante?

Oggi come oggi, le opzioni offerte dalle banche sono veramente tante ed in molti casi anche a livello di costi conviene usare il bancomat.
Ci sono contratti di conti correnti, che prevedono un uso del bancomat gratuito per un tot. di operazioni ad esempio:

  • Prelievi da sportello ATM o pagamenti fino a 1.500 euro in 1 mese gratuiti.
  • 30 prelievi da sportello ATM gratuiti.
  • Numero di pagamenti illimitato gratuito.
Questo di solito, offrono i nuovi contratti di conto corrente bancario con bancomat. Naturalmente bisognerà girare sempre con un pò di contanti dietro nel caso in cui ci troviamo in un posto dove non funziona un POS o il Nostro bancomat per motivi tecnici, ma oggi come oggi conviene pagare con il bancomat piuttosto che pagare in contanti.
Fattori che rendono il Bancomat migliore del contante per fare pagamenti.
  1. Oggi con il Bancomat si possono fare anche pagamenti online.
  2. La tecnologia conctatless permette di fare piccoli pagamenti ( di solito inferiori a 25 euro)  con il bancomat senza nemmeno digitare il PIN.
  3. Il Bancomat è più sicuro del denaro contante: non è come perdere il denaro: chi lo trova, senza il PIN non potrà prenderci niente.
  4. Se perdiamo il Bancomat possiamo ‘fermarlo’ chiamando un numero di telefono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *