06 mar 2015

Filled Under:

Futuro dell'Economia: la Migrazione in Italia

Quando si parla del futuro dell'economia italiana, spesso si parla di migrazione un piano mondialista per la sostituire la popolazione italiana con stranieri extracomunitari. Qualcuno dice che sono solo teorie complottiste , altri dicono che ci sono dei piani segreti per far si che questo avvenga, piani redatti da misteriose organizzazioni che vogliono una sorta di melting pot dell'Europa e dell'Italia in generale, per arrivare ad un Nuovo Ordine Mondiale, un governo della terra , a sua volta composto da un'élite di persone.

Noi non abbiamo la palla di vetro, la sfera magica per dire quello che accadrà tra 30, 50 o 100 anni. Di certo un governo mondiale che legiferi sul commercio e sulla finanza ( che già oggi hanno un mercato mondiale su cui fare ciò che gli pare) sarebbe auspicabile per portare un po' di giustizia sociale, é anche vero però che le democrazie non sono perfette e spesso le lobbies influenzano molto le decisioni dei politici.
Ma é meglio avere un governo mondiale influenzato dalla Lobbies o non avere nessun governo mondiale e lasciare che le lobbies sfruttino, depredino gli uomini di tutto il mondo?

Comunque oggi vogliamo farvi leggere uno studio fatto dall'ONU alcuni anni fa, che in pratica fa vedere vari scenari che avrebbe potuto prendere l'emigrazione mondiale, in particolare in Europa ed in Italia.
In realtà queste aspettative non sono state rispettate, dal 1995 al 2050 non avremo oltre 100 milioni di migranti in Italia, come prospettato dallo scenario 5.
D'altronde questi calcoli sono stati fatti in base al vecchio assunto che più popolazione c'é, più aumenta il numero di abitanti in uno Stato, più crescita economica ci sarà.
Se questa teoria corrisponde spesso e volentieri alla verità, in una società capitalistica, é pur vero che non possiamo crescere di numero per aumentare il PIL all'infinito.
Bisogna pensare seriamente ad un altro tipo di sviluppo economico, ad altri parametri economici, che non siano quelli del PIL, ma del benessere reale della popolazione.

Banche più ricche del Mondo Nazioni più ricche del mondo
Paesi più ricchi del Mondo Personaggi più Potenti del Mondo
Rotshild leggenda e verità I Super Ricchi italiani
Uomini ricchissimi Il Primo Trilionario
Come si diventava ricchissimi in America Emigrare in Inghilterra

E' inutile avere un lavoro, guadagnare 2.000 euro al mese, se poi devo lavorare 12h al giorno, per 7 giorni a settimana, magari facendo un lavoro che non mi piace, se dei 2 mila euro che prendo poi, il 70% se ne va in tasse ed il rimanete in medicine perché sono stressato e malato per la vita che conduco.

Se fermare la migrazione é impossibile, è pur vero che incentivarla 'per sostituire la popolazione' é un progetto pazzesco, che non può portare nulla di buono. Nel momento in cui qualcuno mi spinge a cambiare paese, pretenderò che con me venga la mia cultura, a quel punto uno scontro di culture è inevitabile. Se invece si lascia la migrazione scorrere in modo naturale, i migranti che arriveranno in Europa , lo faranno già con l'idea di rispettare usi e costumi locali, sentendosi innanzitutto degli ospiti. In questo modo, anche gli europei si troveranno più contenti di ospitare persone rispettose e grate di poter avere una nuova possibilità di vita, ci saranno meno scontri sociali, un modo per dare meno spazio alle forze reazionarie , xenofobe e razziste di proliferare e prendere consensi.

Sotto, lo studio dell'ONU sul futuro della migrazione mondiale :

E' una soluzione, sostituire con i migranti il calo e l'invecchiamento della popolazione? (Studio della Divisione Popolazione delle Nazioni Unite)


E' compito della Divisione Popolazione delle Nazioni Unite, di monitorare le tendenze della fecondità, della mortalità e della migrazione per tutti i paesi del mondo, come base per la produzione delle stime ufficiali sulla popolazione delle Nazioni Unite. Tra le tendenze demografiche rivelati da quelle figure, due sono particolarmente salienti: calo demografico e l'invecchiamento della popolazione.
Concentrandosi su queste due tendenze sorprendenti e critiche, il presente studio affronta la questione se la migrazione di sostituzione è una soluzione al declino e all'invecchiamento della popolazione.

Sostituzione con la migrazione: si riferisce alla migrazione internazionale che sarebbe necessaria per compensare il declino nella dimensione della popolazione, il calo della popolazione attiva, nonché per compensare l'invecchiamento complessiva di una popolazione.
Lo studio, calcola la dimensione della migrazione in sostituzione e indaga i possibili effetti della migrazione in sostituzione delle dimensioni della popolazione e l'età la struttura per una serie di paesi che hanno in comune un modello di fertilità al di sotto del livello di sostituzione. Otto paesi vengono esaminati: Francia, Germania, Italia, Giappone, Repubblica di Corea, Federazione Russa, Regno Unito e Stati Uniti. Sono inclusi anche due regioni: l'Europa e l'Unione europea. Il periodo coperto è di circa mezzo secolo, vale a dire, 1995-2050.
Secondo le proiezioni della popolazione delle Nazioni Unite (media variante), Giappone e quasi tutti i paesi europei dovrebbero diminuire in termini di dimensioni della popolazione nei prossimi 50 anni. Per esempio, la popolazione d'Italia, attualmente di 57 milioni, si prevede un calo a 41 milioni entro il 2050. La Federazione russa dovrebbe diminuire da 147 a 121 milioni tra il 2000 e il 2050. Allo stesso modo, la popolazione del Giappone, attualmente 127 milioni, si prevede un calo a 105 milioni entro il 2050.

Oltre alla diminuzione della dimensione della popolazione, il Giappone e i paesi dell'Europa, stanno subendo un processo di invecchiamento relativamente rapido. In Giappone, per esempio, nel prossimo mezzo secolo è prevista l'età media della popolazione di aumentare di circa otto anni, cioè, 41-49 anni. E la percentuale di giapponesi popolazione 65 anni , è previsto un aumento dagli attuali 17 per cento, al 32 per cento. Allo stesso modo in Italia, l'età media della popolazione aumenta da 41 anni a 53 anni e la percentuale della popolazione 65 anni o più va dal 18 per cento al 35 per cento.
Basandosi su tali stime e proiezioni, il presente studio considera cinque scenari diversi per quanto riguarda i flussi migratori internazionali necessari per raggiungere gli obiettivi specifici di popolazione o
esiti per gli otto paesi e due regioni di cui sopra. I cinque scenari sono:
Scenario I. La variante media delle proiezioni del World Population delle  Nazioni Unite Prospettive: 1998 Revisione.
Scenario II. La variante media della revisione del 1998, modificata assumendo la migrazione a zero dopo il 1995.
Scenario III. Questo scenario calcola e assume la migrazione necessaria per mantenere le dimensioni della popolazione totale al massimo livello che avrebbe raggiunto in assenza della migrazione dopo il 1995
Scenario IV. Questo scenario calcola e si assume la migrazione necessaria per mantenere le dimensioni della popolazione in età lavorativa (15-64 anni) al più alto livello che avrebbe raggiunto in assenza
della migrazione dopo il 1995.
Scenario V. Questo scenario calcola e si assume la migrazione necessaria per mantenere il potenziale rapporto di supporto (PSR), vale a dire, il rapporto tra la popolazione in età lavorativa (15-64 anni) alla popolazione di vecchiaia (65 anni), al più alto livello che avrebbe raggiunto in assenza della migrazione dopo il 1995.
I numeri totali annue e la media dei migranti per il periodo 2000-2050 per ogni scenario sono presentati nella tabella 1. Scenario I mostra il numero di migranti assunti per gli otto paesi e due regioni nel variante media delle proiezioni delle Nazioni Unite. Ad esempio, il numero totale dei migranti per gli Stati membri per il periodo di cinquanta anni è di 38 milioni di euro; e il numero medio annuo è 760 migliaia. Scenario II assume migrazione zero per l'intero periodo; le popolazioni conseguenti e le strutture di età sono indicati nel testo della relazione.
Futuro dell'Economia: la Migrazione in Italia
Studio ONU sui possibili scenari di migrazione

I principali risultati di questo studio sono:

  • · Durante la prima metà del 21 ° secolo, sono proiettate le popolazioni della maggior parte dei paesi sviluppati di diventare più piccolo e più anziani a causa della fertilità sotto-sostituzione e una maggiore longevità.
  • · In assenza di migrazione, i cali nella dimensione della popolazione saranno ancora maggiori di quelle proiettata e l'invecchiamento della popolazione sarà più rapido.
  • · Anche se la fertilità può rimbalzare nei prossimi decenni, pochi credono che la fertilità in più i paesi sviluppati si riprenderà in misura sufficiente a raggiungere il livello di sostituzione in un futuro prevedibile, quindi, rendendo inevitabile declino della popolazione in assenza di migrazioni di sostituzione.
  • · Il declino della popolazione proiettata e l'invecchiamento della popolazione avrà profonde e di vasta portata conseguenze, costringendo i governi a rivedere molti stabilita economica, sociale e politica politiche e programmi, inclusi quelli relativi alla migrazione internazionale.
  • · Per la Francia, Regno Unito, gli Stati Uniti e l'Unione europea, il numero di migranti necessari a compensare il calo della popolazione sono inferiori o comparabile a recenti esperienze passate. Mentre questo è anche il caso per la Germania e la Federazione russa, il flussi migratori nel 1990
  • erano relativamente grande causa di riunificazione e dissoluzione, rispettivamente.
  • · Per l'Italia, il Giappone, la Repubblica di Corea e l'Europa, un livello di immigrazione molto più alto di esperienza nel recente passato sarebbe necessario per compensare il declino della popolazione.
  • · Il numero di migranti necessari per compensare il declino della popolazione in età lavorativa sono significativamente superiori a quelle necessarie per compensare il calo della popolazione totale. Sia quelli più grandi numero di migranti sono nel regno di opzioni aperte a governi dipende in gran misura dalle condizioni sociali, economiche e politiche di un determinato paese o regione.
  • · Se età pensionamento rimangono sostanzialmente dove sono oggi, aumentando la dimensione del età lavorativa
  • popolazione attraverso la migrazione internazionale è l'unica opzione nel breve-medio termine a di ridurre la diminuzione del potenziale rapporto di sostegno.
  • · I livelli di migrazione necessari per compensare l'invecchiamento della popolazione (ad esempio, mantenere rapporti di sostegno possibili)
  • sono estremamente grande, e in tutti i casi comportare enormemente più immigrazione che si è verificato in passato.
  • · Mantenere potenziali rapporti di sostegno ai livelli attuali attraverso la migrazione di sostituzione da solo sembra
  • fuori portata, a causa del gran numero di straordinariamente migranti che sarebbero richiesti.
  • · Nella maggior parte dei casi, i coefficienti di supporto potenziali possono essere mantenute al livello attuale aumentando la limite superiore della popolazione in età lavorativa di circa 75 anni di età.
  • · Le nuove sfide corso di realizzazione mediante calo e l'invecchiamento della popolazione richiederanno rivalutazioni oggettive, complete e dettagliate di molti istituiti economica, sociale e politiche e programmi politici. Tali rivalutazioni dovranno integrare a lungo termine
  • Prospettiva. Criticità da affrontare in queste rivalutazioni dovrebbe includere: (a) il età idonea per la pensione; (B) i livelli, i tipi e la natura di pensionamento e assistenza sanitaria benefici per gli anziani; (C) la partecipazione della forza lavoro; (D) gli importi accertati di contributi di lavoratori e datori di lavoro per sostenere pensione e assistenza sanitaria benefici per la aumento della popolazione anziana; e (e) le politiche e programmi in materia internazionale migrazione, in particolare di rimpiazzo.
[fonte] Approfondimenti:  La politica italiana sull'immigrazione (pag. 36, semestre europeo del Governo italiano) Rapporto 2011 sulle migrazioni (qui Fondazione Ismu Istituto per lo Studio della Multietnicità)

0 commenti:

Posta un commento

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam ( cioè link verso altri siti che non siano questo) non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.