30 nov 2015

Filled Under: ,

Targa alla bicicletta, poi arriverà il Bollo e l'Assicurazione obbligatoria

Probabilmente arriverà il bollo e l'assicurazione obbligatoria, intanto vuole la targa per la bicicletta, Maria Rosaria Iardino - consigliere del PD al Comune di Milano - e ha detto di appoggiare una mozione che arriva sia dal PD che dal PDL per far pagare al cittadino una sorta di immatricolazione della bicicletta, cioè l'anticamera del bollo per la bicicletta.

Aggiornamento 30 novembre 2015: come già avevamo anticipato di ben 1 anno, è finalmente arrivato in Parlamento la proposta di legge dimettere la targa ed il bollo obbligatorio a tutte le biciclette in Italia.
Non é una cosa solo per fare cassa, se avrete la pazienza di legge questo articolo capirete che prima o poi questa nuova tassa per le biciclette arriverà, è solo questione di tempo.

Tutto questo sta accadendo a Milano, una delle più importanti città d'Italia e probabilmente la cosa arriverà anche nelle altre città italiane.
Ormai le municipalità hanno sempre meno soldi, da quando lo Stato italiano è entrato un paio di anni fa in piena spending-review e da qualche parte i soldi devono uscire, per poter mantenere tutte le spese folli a cui sono abituate municipalità enormi quali quella del Comune di Milano.

Questo provvedimento manderà su tutte le furie le migliaia di cittadini milanesi che approfittano di una città per lo più in pianura per risparmiare centinaia di euro in macchine, moto o tram ed approfittano della bicicletta anche per fare del moto.

Targa alla bicicletta, poi arriverà il Bollo e l'Assicurazione obbligatoria
La targa alla bicicletta, il primo gradino
poi ci sarà il bollo e l'assicurazione

Bollo e Assicurazione obbligatoria per le biciclette, è solo una questione di tempo e di civiltà:

  • Ma la signora consigliera dice NO, lei vuole riconoscere una bicicletta ( manco fosse una Ducati che va 100 all'ora) e allora ecco la gènialata: mettere le targhe alle biciclette di Milano
  • Naturalmente, visto che conosciamo i Nostri polli, ci scommettiamo che se questa proposta passerà, allora tempo dopo passerà anche una tassa sul possesso della bicicletta, un bollo e perché no, una assicurazione obbligatoria per guidare la bici.
  • A questi signori sfugge però che molte persone che guidano una bici lo fanno proprio perché non si possono permettere una macchina; perché allora mettergli sulle spalle la spesa di un'immatricolazione e della targa per la bicicletta?
  • Guidare la bicicletta è un'attività motoria che fa benissimo alla salute, allontana tutte le malattie cardiovascolari e l'obesità, é uno degli sport più sani e più semplici da fare: basta fare una manciata di chilometri al giorno per fare la spesa o andare a lavorare ed ecco che le malattie si allontanano, così come fa diminuire la spesa pubblica sanitaria.
Ma ovviamente questo, la signora lo ignora, oppure se ne frega, più semplicemente.

Chissà quando anche le persone a piedi dovranno girare con un documento di riconoscimento obbligatorio, con relativa tassa da pagare. Ah... dite che già accade?

Approfondimento: Bilancio del Comune di Milano

2 commenti:

  1. Anonimo18.12.14

    Ai tempi del fascismo c'era da pagare il bollo sulle biciclette, adesso i comunisti (che rubano e si arricchiscono come i loro fratelli socialisti e democristiani) vogliono fare altrettanto....fascismo e comunismo sono 2 facce della stessa medaglia....vomitevoli

    RispondiElimina
  2. Questa delle targhe al tempo del fascismo non la sapevo

    RispondiElimina

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam ( cioè link verso altri siti che non siano questo) non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.