29 nov 2013

Filled Under:

Deflazione: l'incubo dell'economia italiana

Deflazione: l'incubo dell'economia italiana
Regali di Natale a prezzi
bassi quest'anno
Non ci siamo con le previsioni sull'inflazione, la BCE sembra aver 'toppato' questo giro e pure alla grande.
I prezzi al consumo non aumentano secondo le stime, un bene o un male?
Certamente un bene - almeno all'inizio - con 100 euro potrò comprare dei regali di Natale che invece avrei potuto pagare di più, ma tutto questo alla lunga può avere un costo molto alto.
La deflazione è uno di quegli incubi della macroeconomia che assillano le menti degli economisti, ma di cosa si tratta?
In pratica si arriva alla deflazione quando per almeno un anno i prezzi al consumo si abbassano.
In Italia il fenomeno della deflazione è presto spiegato: c'è crisi, le aziende chiudono / licenziano / mandano in cassa integrazione, c'é stato un forte aumento della disoccupazione, le persone hanno meno soldi da spendere, quindi c'è meno domanda e chi vende cerca - appunto - di abbassare i prezzi per poter vendere i proprio prodotti e/o servizi.

Purtroppo fino a poche settimane fa Draghi sosteneva che questo incubo non sarebbe arrivato in paesi a rischio come l'Italia, Grecia e Irlanda... e invece, eccoci qua....
Di seguito, per capirci meglio, ecco l'Indice dei Prezzi al Consumo:
Indice dei prezzi al consumo
Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC)

Come si può vedere è proprio la tendenza a preoccupare gli economisti.
Se è vero che a Natale arrivano le tredicesime e storicamente, nel nostro paese si spende di più e c'é un aumento generale dei prezzi, molto probabilmente questo potrebbe non significare un granché nel lungo periodo.
Purtroppo finché non ci sarà una vera e propria ripresa dell'economia italiana , continuerà questa tendenza.

Come dicevamo all'inizio, se può far comodo al cittadino medio che i prezzi diminuiscano, questa situazione potrebbe aggravare ulteriormente la già grave crisi economica. Una diminuzione dei prezzi molto prolungata nel tempo, cioè una vera e propria deflazione poterebbe inevitabilmente ad una stagnazione dell'economia.

Un PIL che non cresce - ma nemmeno diminuisce - potrebbe portare a una situazione di stallo economico piuttosto prolungato.

Cosa accadrà? 

Nessuno può saperlo: in tutti i manuali e tutti gli esperti di economia quando si parla di stagnazione fanno riferimento al Giappone, stato in cui questo fenomeno c'è stato per diversi anni. Lì si è combattuta ANCHE attraverso la diminuzione del tasso di sconto,  ma qui siamo in Europa, e c'é la BCE che già ha fatto arrivare il tasso di sconto a livelli molto bassi.
  • Secondo Keynes, in tempi di crisi il risparmio è distruttivo perché se tutti risparmiano la domanda aggregata diminuisce e con essa diminuisce la ricchezza in quanto diminuiscono produzione e occupazione, dunque aumentando la massa liquida a disposizione si favorisce la speculazione e non gli investimenti.
  • La tendenza al risparmio e all'accumulazione di denaro sono, sempre secondo Keynes, le caratteristiche peculiari della crisi.

0 commenti:

Posta un commento

TU COSA NE PENSI ? SCRIVI LA TUA OPINIONE:
Il Vostro commento sarà pubblicato subito appena approvato.
Commenti Offensivi o Spam ( cioè link verso altri siti che non siano questo) non verranno pubblicati.

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.